Pfizer rimane una "one company", lo spezzatino non si farà più

Era un'ipotesi di cui si è parlato per qualche anno, a onor del vero negli ultimi tempi sempre meno insistentemente. Oggi il numero uno di Pfizer Ian Read ha dichiarato che è definitivamente tramontata. Stiamo parlando dell'idea di dividere l'azienda in due parti, aggregando in una società i prodotti maturi e quelli a brevetto scaduto e nell'altra vaccini e farmaci innovativi.

Era un’ipotesi di cui si è parlato per qualche anno, a onor del vero negli ultimi tempi sempre meno insistentemente. Oggi il numero uno di Pfizer Ian Read ha dichiarato che è definitivamente tramontata. Stiamo parlando dell’idea di dividere l’azienda in due parti, aggregando in una società i prodotti maturi e quelli a brevetto scaduto e nell’altra vaccini e farmaci innovativi.

Read ha detto che a seguito di una "valutazione approfondita", il consiglio di amministrazione ha deciso che la casa farmaceutica manterrà la sua attuale struttura e non perseguirà più l’ipotesi di separare le sue unità di Pfizer Innovative Health e Pfizer Essential Health in due società distinte. Read ha commentato: "le nostre due aziende distinte rimarranno separatamente gestite in unità separate ma all'interno di Pfizer, che a nostro avviso è attualmente la migliore struttura."

Read ha aggiunto: "noi crediamo che operando come due unità separate e autonome all'interno di Pfizer stiamo già accedendo a molti dei potenziali benefici di una scissione – focus sul business, responsabilizzazione e urgenza delle azioni necessarie allo sviluppo di ciascun business - mantenendo al tempo stesso la forza operativa, l'efficienza e la flessibilità finanziaria di operare come una singola azienda ".

Il direttore finanziario di Pfizer, Frank D'Amelio, ha spiegato: "nella nostra analisi, abbiamo concluso che la suddivisione in due società in questo momento non aumenterebbe la generazione di flussi di cassa e il posizionamento competitivo delle imprese mentre le inefficienze e l’aumento dei costi dovuti a una scissione e l'incapacità di realizzare qualsiasi efficienze fiscale incrementali sarebbe un fatto negativo e distruggerebbe valore per l’azienda ".

Già da qualche anno, Pfizer ha riorganizzato internamente la sua attività, separando la gestione dei i suoi prodotti innovativi e a più alta crescita dai generici e più recentemente dai biosimilari, entrati in Pfizer con l’acquisizione di Hospira.

Di recente i farmaci marca della società americana sono molto cresciuti, con un balzo  dell'11% nel 2015 e in aumento del 14% nei primi sei mesi di quest'anno, rispetto allo stesso periodo di un anno prima.

L'unità di prodotti maturi è un una situazione di mercato più competitiva. Escludendo i ricavi realizzati a partire dal 2015 con l'acquisizione di Hospira, le vendite di questi prodotti sono diminuite del 6% nei primi due trimestri di quest'anno.

Entrambe le unità, Pfizer Innovative Health e Pfizer Essential Health,  oggi sono più competitive. I prodotti maturi si sono rafforzati con l’acquisizione di Hospira mentre i farmaci brand hanno di recente avuto un forte impulso con l’acquisizione di  Anacor e adesso di Medivation che ha fatto entrare il blockbuster Xtandi  (enzalutamide) nel listino di Pfizer. La conferma della bontà delle scelte più recenti di Pfizer ci viene dalla borsa, dove negli ultimi 5 anni il titolo azionario è quasi raddoppiato.