Boehringer Ingelheim ha annunciato per il primo semestre 2009 risultati soddisfacenti in valuta locale (+ 8,3%) in crescita rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Consolidata in euro, significa una crescita di + 15,7% grazie ai tassi di cambio favorevoli, con vendite nette di 6.388 milioni di euro rispetto ai 5.522 milioni di euro nei primi sei mesi del 2008.
Nei primi sei mesi del 2009, le vendite nette nella divisione Prescription Medicines sono salite a 5.107 milioni di euro, pari ad una crescita del +9,1% in valuta locale (+17,3% in euro).

Con vendite per 1.176 milioni di euro, Spiriva (tiotropio), indicato per il trattamento della broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), ha garantito un'ulteriore solida crescita di +15% nel primo semestre del 2009 rispetto all'anno precedente.
Bene ancheMicardis (telmisartan), indicato per il trattamento dell'ipertensione arteriosa, che ha fatto registrare un marcato aumento delle vendite, pari a +7,6% rispetto all'anno precedente, per un totale di 709 milioni di euro.
Con vendite nette di 709 milioni di eur,  Pradif (tamsulosin cloridrato) indicato per il trattamento dell'iperplasia prostatica benigna ha fatto registrare una crescita di +27,2% rispetto all'anno precedente,.
Anche i risultati del settore Ricerca e Sviluppo del Gruppo sono estremamente incoraggianti e offrono una solida base per una futura crescita dell'azienda.
Il principio attivo flibanserina è attualmente in fase di studio come potenziale trattamento farmacologico per donne in pre-menopausa che soffrono di disturbo da desiderio sessuale ipoattivo (HSDD - Hypoactive Sexual Desire Disorder).
L'ultima fase del programma di studi clinici BOUQUET per la valutazione dell' efficacia e della sicurezza di flibanserina ha coinvolto 5.000 donne affette da HSDD presso 300 centri in Nord America ed Europa. I risultati degli studi di fase III sono attesi per la fine del 2009.

Nel settore oncologico, gli studi di fase III su BIBW 2992 (nome commerciale Tovok), un inibitore del fattore di crescita tumorale, che interagisce con alcuni recettori della cellula tumorale, e sull'innovativo triplice inibitore dell'angiochinasi BIBF 1120 (nome commerciale Vargatef) per l'indicazione "tumore del polmone a cellule non piccole" stanno procedendo.
Lo studio di fase III sul farmaco antidiabetico orale linagliptina è vicino al completamento. Per questo studio sono stati arruolati più di 4mila pazienti. Inoltre, in seguito ai risultati positivi degli studi di fase IIb di breve durata condotti con un altro principio attivo, un inibitore del SGLT-2 (cotrasportatore tipo 2 sodio-glucosio) per il trattamento del diabete di tipo 2, è già in fase avanzata il reclutamento per gli studi della durata di 12 settimane in monoterapia e in terapia combinata.

In Italia, il Gruppo Boehringer Ingelheim ha da poco deciso l'ampliamento del sito produttivo a Fornovo San Giovanni, in provincia di Bergamo, di Bidachem SPA, uno dei 4 poli chimici strategici a livello mondiale per il Gruppo.
Un'operazione del valore di 60 milioni di euro che vedrà l'aumento dell'occupazione entro il 2011 (+75% rispetto al 2006) e della produzione annua con una quota export che, con l'avvio della produzione, passerà dall'85% al 90%.
I dati semestrali italiani si attestano a 258,4 milioni di euro con un incremento del 4% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.