Radiofarmaci, AAA espande in Europa il network produttivo per la PET

Business
Advanced Accelerator Applications (AAA), gruppo italiano leader a livello mondiale nella medicina nucleare e olecolare ha  annunciato oggi lʼavvio del piano strategico di espansione europea del suo network produttivo di prodotti per la PET (tomografia a emissione di positroni) in Germania, Portogallo e Spagna.
Questa iniziativa consentirà ad AAA di entrare direttamente – per la prima volta – nel mercato tedesco e di ampliare considerevolmente la sua presenza nella penisola iberica.

In Germania, AAA ha acquisito la maggioranza di Umbra Medical AG, gruppo radio-farmaceutico tedesco, entrando direttamente - per la prima volta – in Germania. Grazie a questa acquisizione, AAA potrà sviluppare – insieme ad Umbra Medical AG – il mercato tedesco della Medicina Nucleare Molecolare e supportare lʼazienda nellʼimplementazione della sua pipeline di prodotti di proprietà.

Nel 2011, Umbra Medical AG ha ottenuto lʼautorizzazione per la realizzazione del suo primo laboratorio di produzione di farmaci PET a Bonn, che produrrà unʼampia gamma di prodotti di ricerca e commerciali per la Medicina Molecolare Nucleare a partire della metà del 2013, quando la sua costruzione sarà ultimata.
AAA e Umbra Medical AG prevedono, inoltre, di realizzare altri due siti produttivi – uno nel Nord e uno nel Sud della Germania – entro i prossimi sei mesi, per coprire così lʼintero fabbisogno del mercato nazionale tedesco.

AAA acquisisce oggi, da GE Healthcare, un laboratorio già operativo per la produzione di traccianti per la PET a Porto, in Portogallo. La struttura è il primo e unico sito autorizzato nel Paese per la produzione di Fluoro-Desossi-Glucosio (FDG), il radio-tracciante della più diffuso nella PET.
In attesa che lʼautorizzazione alla produzione sia trasferita dallʼ FDG di GE (SterilPET) a quello di AAA (Gluscan), AAA servirà il mercato portoghese tramite il suo laboratorio di Saragozza, in Spagna.

Il sito di Porto è collocato allʼinterno dellʼInstitutocuf de Diagnóstico e Trattamento (ICUF), un centro medico altamente specializzato che utilizzerà i traccianti PET sviluppati dal laboratorio stesso. Il nuovo laboratorio di produzione sarà aggiunto a quelli presenti nellʼaccordo stipulato nellʼottobre del 2011 tra AAA e GE Healthcare per la produzione dei traccianti PET di proprietà di GE.
Lo scorso febbraio AAA ha vinto un bando pubblico di gara, promosso dal Servicio Murciano de Salud, per la realizzazione di un nuovo laboratorio di radio-farmacia a Murcia, in Spagna. Il sito, il secondo di AAA nel Paese dopo quello di Saragozza, fornirà lʼFDG e altri traccianti per la PET a tutte le strutture ospedaliere del Sud della Spagna per i 15 anni successivi al suo completamento. AAA prevede di costruire il laboratorio entro i prossimi 18 mesi.

“La Medicina Molecolare Nucleare sta segnando una nuova era per la cura dei pazienti grazie allʼintegrazione tra la diagnostica e la terapia: permette di prendere decisioni più efficienti, migliorando le cure e riducendo i costi, e la PET sta giocando un ruolo chiave in questo processo”, ha commentato Stefano Buono, Presidente e Amministratore Delegato di AAA. “AAA ha fatto grandi passi avanti nella strategia di sviluppo del proprio network europeo di produzione di traccianti per la PET. Il nostro obiettivo è quello di raggiungere 21 centri in Europa nei prossimi tre anni. Prevediamo che almeno sette dei venti prodotti a base di F-18 attualmente in fase di sviluppo clinico in diverse aziende saranno pronti per la commercializzazione nei prossimi quattro-cinque anni e dovranno essere prodotti in Europa. Abbiamo una grande esperienza nella fabbricazione di questo tipo di prodotti e lʼestensione del nostro network ci permetterà di servire al meglio i partner attuali e futuri che affideranno la produzione delle loro molecole a noi”, ha concluso Stefano Buono.

Il Gruppo AAA conta su 12 centri di produzione e ricerca e sviluppo di prodotti diagnostici e di terapia per la Medicina Nucleare Molecolare, con uno staff complessivo di oltre 190 persone in nove Paesi (Italia, Francia, Germania, Svizzera, Spagna, Portogallo, Israele, Stati Uniti e Canada). Tra gli azionisti, 116 in tutto, figura anche il Gruppo Dompé, una delle principali aziende biofarmaceutiche italiane, che ha acquisito una quota di AAA pari al 7,7%.
Nel 2011, AAA ha registrato ricavi da vendite pari a 36,4 milioni di euro (+23% rispetto al 2010) con un EBITDA previsto in eccesso di 6 milioni di euro.
Dalla sua fondazione nel 2002, come spin-off del CERN di Ginevra, AAA ha raccolto oltre 74 milioni di euro per finanziare la realizzazione dei suoi laboratori e le proprie attività di ricerca e sviluppo, registrando profitti crescenti a partire dal 2006.