Business

Radius, l'azienda Usa di abaloparatide, sarā acquistata da due fondi di private equity

Due societā di investimento, Gurnet Point Capital e Patient Square Capital, hanno accettato di pagare fino a 890 milioni di dollari per la biotech Radius Health, azienda produttrice di farmaci per le ossa e il cancro. L'azienda  ha accettato di essere acquisita in un'operazione del valore massimo di 890 milioni di dollari.

Due società di investimento, Gurnet Point Capital e Patient Square Capital, hanno accettato di pagare fino a 890 milioni di dollari per la biotech Radius Health, azienda produttrice di farmaci per le ossa e il cancro. L’azienda  ha accettato di essere acquisita in un'operazione del valore massimo di 890 milioni di dollari.

Le società, Gurnet Point Capital e Patient Square Capital, pagheranno 10 dollari per azione Radius e un ulteriore 1 dollaro per azione se le vendite del principale farmaco di Radius, un medicinale per l'osteoporosi venduto con il nome di Tymlos, supereranno una certa soglia entro il 2025.

Includendo questo potenziale pagamento, gli azionisti di Radius riceverebbero 547 milioni di dollari in contanti grazie all'acquisizione, mentre la filiale di Gurnet e Patient Square assumerà il debito della biotech.
Radius, Gurnet e Patient Square prevedono che l'operazione, che richiede agli azionisti di Radius di impegnare le proprie azioni a sostegno, sarà completata entro il terzo trimestre, dopodiché la biotech diventerà una società privata.

L'acquisizione è il risultato di una revisione aziendale di Radius durata nove mesi, durante i quali l'azienda ha contattato "molteplici partner strategici". Proprio questa settimana, due azionisti di minoranza hanno sollecitato cambiamenti in Radius, citando un "preoccupante record di distruzione di valore".

Radius ha visto le sue azioni scambiate a meno di 10 dollari al pezzo quest'anno, i livelli più bassi da quando l'azienda è stata quotata in borsa nel 2014. A gennaio, l'azienda ha annunciato di voler licenziare il 20% del personale non addetto alle vendite, dopo una battuta d'arresto clinica per una versione di cerotto indossabile di abaloparatide, il farmaco contenuto in Tymlos.

Sebbene il prezzo dell'accordo rappresenti un premio rispetto ai minimi recenti, si tratta di una frazione del valore che Radius aveva raggiunto all'inizio del 2015, quando le azioni erano quotate oltre 80 dollari l'una. Anche il pagamento aggiuntivo di 1 dollaro per azione - strutturato come un titolo negoziabile noto come diritto di valore contingente - potrebbe non essere realizzato, poiché dipende dal fatto che le vendite di Tymlos raggiungano i 300 milioni di dollari in un periodo consecutivo di 12 mesi prima del 2025. Le vendite sono state pari a 43 milioni di dollari nell'ultimo trimestre e l'azienda prevede di raggiungere i 230 milioni di dollari quest'anno.

Oltre a Tymlos, Radius sta sviluppando un farmaco per il cancro al seno chiamato elacestrant, che fa parte di una nuova generazione di farmaci noti come degradatori selettivi del recettore degli estrogeni, o SERD. Questi farmaci agiscono bloccando i recettori ormonali che favoriscono la crescita dei tumori e hanno dimostrato di poter aiutare le pazienti la cui malattia progredisce dopo il trattamento iniziale.

AstraZeneca ha ottenuto l'approvazione del primo SERD, un'iniezione una volta al mese nota come fulvestrant o Faslodex, nel 2002. Sebbene il farmaco sia ampiamente utilizzato, presenta pesanti effetti collaterali. I nuovi farmaci, tra cui l'elacestrant, sono progettati per essere assunti per via orale nella speranza di combattere il cancro al seno risparmiando alle pazienti alcuni degli effetti collaterali riscontrati con il fulvestrant.
Mercoledì scorso, Radius e il partner Menarini Group hanno reso noto di aver presentato alla Food and Drug Administration una richiesta di approvazione per elacestrant in pazienti con tumore al seno avanzato classificato come ER+/HER2-.

Finora, Radius è l'unica azienda che ha riportato un successo per un SERD orale in uno studio registrativo, scoprendo che il suo farmaco ha ridotto significativamente il rischio di morte o di progressione della malattia rispetto all'attuale standard di cura, che in alcuni casi era fulvestrant. Il trattamento ha avuto successo sia nella popolazione complessiva che nella metà circa delle partecipanti allo studio con una mutazione tumorale nota come ESR1.
L'attenzione alla mutazione potrebbe essere stata fondamentale, perché queste pazienti hanno tratto i maggiori benefici da elacestrant. Negli ultimi mesi, le rivali Roche e Sanofi hanno riportato fallimenti di studi per i loro SERD orali, che non erano specificamente destinati a pazienti con ESR1. Eli Lilly e AstraZeneca, invece, stanno ancora conducendo studi sui loro candidati della classe.