Roche firma accordo con Curadev e si espande nell'immunoterapia dei tumori

Business
Roche ha firmato un accordo del valore potenziale complessivo di 555 milioni di dollari con l’azienda indiana Curadev Pharma per avere i diritti esclusivi di sviluppo e commercializzazione di farmaci inibitori di IDO1 e TDO per il trattamento di alcuni tumori.

In base all’accordo, la società indiana riceverà da Roche una somma immediata pari a 25 milioni di dollari più altri potenziali pagamenti fino a 530 milioni di dollari al raggiungimento di determinate milestone e royality a doppia cifra sulle vendite dei prodotti.

Gli inibitori di IDO1 e TDO rientrano nell’area dell’immunoterapia oncologica. IDO1 o indoleamina 2,3-diossigenasi-1 e TDO o triptofano-2,3-diossigenasi sono enzimi che impediscono alle cellule del sistema immunitario di riconoscere e distruggere determinati tipi di tumore. Gli enzimi agiscono privando le cellule immunitarie del triptofano, un amminoacido essenziale per la loro attività. L’espressione di queste molecole a livello delle cellule tumorali è associata a una sopravvivenza ridotta in un certo numero di neoplasie tra cui il melanoma, il cancro del colon-retto, del pancreas, ovarico e dell'endometrio.

Il farmaco principale di Curadev, attualmente in fase preclinica, ha dimostrato una potente inibizione dei due enzimi e potenzialmente potrebbe essere utilizzato in monoterapia o in combinazione con altri farmaci oncologici della pipeline di Roche.

Come spiega Curadev “la doppia inibizione di IDO1 e TDO mantiene la risposta immunitaria contro il tumore ed evita lo sviluppo di resistenza ad altre immunoterapia”.

In base all’accordo, Roche finanzierà la ricerca, lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione dei prodotti che verranno sviluppati nell’ambito della collaborazione con Curadev.
Anche altre aziende stanno sviluppando farmaci contro IDO1 e TDO. Lo scorso febbraio, BMS ha firmato un accordo definitivo del valore potenziale complessivo di 1,25 miliardi di dollari per acquisire la biotech americana Flexus Biosciences impegnata proprio nello sviluppo di anti IDO1 e TDO.