Roche ha visto il suo fatturato crescere del 7% nel corso dei primi nove mesi, rispetto allo stesso periodo 2011, attestandosi a 33,69 miliardi di franchi svizzeri La sola divisione Pharma del gruppo di Basilea ha realizzato vendite in aumento pure del 7%, a 26,2 miliardi, sulla spinta dei nuovi farmaci oncologici del gruppo, quali MabThera, Avastin e Herceptin. La divisione diagnostica ha invece segnato un aumento del fatturato del 6% a 7,5 miliardi.

Le vendite dell'altra divisione della multinazionale renana sono cresciute del 6%, a 7,5 miliardi, sempre rispetto ai primi nove mesi dello scorso anno. In valuta locale la progressione del fatturato totale ha raggiunto il 4%, indica oggi Roche in un comunicato, in cui rileva di aver realizzato "una crescita sempre più dinamica".

"Grazie alla solida crescita del terzo trimestre, siamo sulla buona strada per realizzare i nostri obiettivi annuali", ha commentato l'a.d di Roche, Severin Schwan.

Le vendite hanno mostrato una dinamica solida negli Usa (+13%) e nei Paesi emergenti, ma sono calate del 4% in Europa occidentale. L'andamento e' stato favorito anche dalla debolezza del franco svizzero rispetto a dollaro e yen. Sulla base dell'andamento dei primi 9 mesi, Roche ha confermato le prospettive per l'intero esercizio di una crescita del fatturato dell'1-5% a tassi di cambio costanti e di un aumento dell'utile per azione 'core' del 5-9%.