La franco tedesca Sanofi-aventis ha comunicato di essere entrata in possesso del 70% delle azioni del produttore di generici ceco Zentiva e considerando che già ne deteneva il 24,9% adesso ne ha il controllo.

Sanofi aveva lanciato un'offerta di pubblico acquisto  per 1.150 corone ceche (51,87 dollari) per azione con un esborso complessivo di 2,3 miliardi di dollari.
Con questa operazione Sanofi aventis, già presente nella produzione e vendita di farmaci generici con la propria divisione Winthrop, è diventata l'11 produttore mondiale di generici, in un mercato che in pochi anni ha raggiunto un valore complessivo di 75 miliardi di dollari.
L'acquisizione è diventata possibile quando gli altri azionisti hanno gettato la spugna e hanno deciso di vendere le loro quote a Sanofi. In particolare, la finanziaria  PPF, il secondo azionista di Zentiva, ha deciso di vendere il 24,3% in suo possesso e il gruppo finanziario ceco J&T a sua volta ha deciso di vendere il suo 7,6%.
Zentiva nel 2007 ha fatturato 16.700 milioni di corone ceche (al cambio attuale1,123 miliardi di dollari) con un profitto netto pari a 1.456 milioni (99 milioni di dollari).
L'acquisizione di Zentiva aggiunge 180 nuovi farmaci al listino di sanofi-aventis e le apre una forte presenza commerciale in paesi come Turchia, Romania e Slovacchia e in generale nell'Europa dell'Est.