In occasione della presentazione dei dati economici e finanziari dell'ultimo trimestre del 2008 e dell'interno anno, Chris Viehbacher, il nuovo amministratore delegato di sanofi-aventis, ha delineato una serie di iniziative che dovranno portare a una profonda trasformazione dell'azienda. La nuova sanofi-aventis sarà meno dipendente dai grossi blockbuster, sempre più difficili da trovare, più flessibile e aperta a sfruttare le opportunità dei mercati emergenti, del business dei vaccini e dei farmaci generici.

L'azienda, sfruttando l'attuale flusso di cassa, sta anche valutando opportunità di acquisizioni di media entità, fino a un massimo di 15 miliardi di euro. Non mancherà un piano di contenimento dei costi e di maggiore efficienza operativa.
Sarà anche una società più aperta ai mercati e agli analisti, in uno sforzo di maggiore trasparenza, oggi sempre più apprezzata dai mercati finanziari.

Venendo al 2008, lo scorso anno non è andato male. I profitti sono stati pari a 3,9 miliardi di euro (-27%) e i ricavi sono stati pari a 27,6 miliardi di euro (-1,7%). Venendo ai singoli prodotti, Lovenox è cresciuto del 10,6% (2,7 miliardi di euro) e Plavix è salito del 10,5% (2,6 miliardi di euro la quota di sanofi mentre un'altra parte del fatturato è andata a BMS). Molto bene l'insulina Lantus, in crescita del 27,7% (2,5 miliardi di euro).