Sanofi e Boehringer si scambiano animal health e consumer healthcare. Accordo da €22,8 miliardi

Sanofi e Boehringer Ingelheim oggi hanno annunciato di aver concluso un accordo (già annunciato a dicembre) che prevede lo scambio delle rispettive attività nell'animal health (che passerebbe da Sanofi a BI) e nel consumer healthcare (CHC) (da BI a Sanofi). Lo scopo è rafforzarsi nel settori in cui le due società si ritengono più competitive. L'accordo sarà finalizzato entro la fine del 2016.

Sanofi e Boehringer Ingelheim oggi hanno annunciato di aver concluso un accordo (già annunciato a dicembre) che prevede lo scambio delle rispettive attività nell’animal health (che passerebbe da Sanofi a BI) e nel consumer  healthcare (CHC) (da BI a Sanofi). Lo scopo è rafforzarsi nel settori in cui le due società si ritengono più competitive. L’accordo sarà finalizzato entro la fine del 2016.

Più precisamente, la transazione prevede lo scambio del business animal health di Sanofi, che fa capo alla società Merial, e che ha un valore di mercato stimato in  €11.4 miliardi e del settore consumer  healthcare di Boehringer Ingelheim che ha un valore stimato in n €6,7 miliardi. Per pareggiare i conti, la transazione prevede anche il pagamento da parte di Boehringer Ingelheim a Sanofi di una somma di €4,7miliardi.

Il business in Cina di Boehringer Ingelheim nel settore CHC è escluso da questa transazione.

Formalmente, l'accordo non è ancora concluso e verrà finalizzato nei prossimi mesi dopo i contatti con le parti sociali.
L'operazione permetterà a Sanofi di diventare il player numero uno nel settore CHC con vendite annue stimate in circa € 4,9 miliardi nel 2015 e una quota di mercato globale vicino al 4,6%. Le vendite di Boehringer Ingelheim nel CHC (esclusa la Cina) sono stimate in circa € 1,6 miliardi per il 2015 e sono altamente complementari con quelle di Sanofi CHC, sia in termini di prodotti e aree geografiche.

Sanofi ottiene l'accesso a marchi storici e molto conosciuti nel settore antispastici, gastrointestinale,  analgesici e nella cura della tosse.

L'industria della salute degli animali è un settore attraente in termini di innovazione, potenziale di crescita e redditività. Combinando i punti di forza complementari di Merial e Boehringer Ingelheim si creerà il secondo operatore nel mercato globale della salute animale con vendite annue di circa € 3,8 miliardi di euro (dato del 2015) e con la possibilità di competere per la leadership di mercato globale.

I portafogli combinati delle due società e le piattaforme tecnologiche negli anti-parassitari, vaccini e specialità farmaceutiche porranno la nuova società in posizione di leadership nei segmenti chiave in crescita di questo settore. I portafogli di prodotti delle due società sono altamente complementari e si basano sulla competenza di Merial negli animali da compagnia e pollame e nelle competenze di BI nei suini.

La Germania diventerà un centro fondamentale per il business di Sanofi nel consumer helthcare, in particolare per le aree gastro-intestinali e tosse.

Lione sarà un tasto centrale operativa delle attività di Boehringer Ingelheim la salute degli animali. Boehringer Ingelheim si impegna a mantenere in Francia ricerca e sviluppo e centri di produzione.