Dopo aver esaminato oltre 100 società specializzate in oculistica, alla fine Sanofi-Aventis ha deciso di comprarsi la biotech francese Fovea. L'accordo vale fino a un massimo di 538 milioni di dollari, e prevede il pagamento cash di una somma imprecisata, e una consistente parte variabile al raggiungimento di determinate milestones per 3 farmaci attualmente in sviluppo.

Fovea diventerà così la divisione oftalmologica del gruppo sanofi aventis e il management e i ricercatori entreranno a far parte della multinazionale franco tedesca. Il piano finanziario costituisce anche un forte incentivo al management e ai ricercatori di Fovea a rimanere in azienda e a non intraprendere nuove attività.
Fondata nel 2005, Fovea ha 3 farmaci in sviluppo clinico e diversi programmi di discovery. I tre farmaci sono i seguenti: FOV 1101, gocce oculari  a base di una combinazione di prednisolone e ciclosporina, attualmente un fase II per le congiuntiviti allergiche persistenti, FOV 2302, una formulazione a base di un inibitore della callicreina, in fase I per la terapia della occlusione venosa retinica e FOV 2304, un potente antagonista del recettori B1 della bradichinina che nel novembre del 2009 entrerà in fase I per l'edema maculare diabetico.