Business

Sanofi per la crescita punta su 12 potenziali blockbuster

Durante il suo R&D Day, Sanofi ha dettagliato le attivitą in pipeline che ritiene giustifichino l'aumento della spesa in R&S che ha recentemente costretto l'azienda a ridurre gli obiettivi di redditivitą per il 2025.  La casa farmaceutica francese punta su 12 farmaci in fase di sviluppo che hanno il potenziale di diventare dei blockbuster (oltre 1 miliardo di dollari l'anno di fatturato), tra cui tre con un possibile picco di vendite ancora superiore.

Durante il suo R&D Day, Sanofi ha dettagliato le attività in pipeline che ritiene giustifichino l'aumento della spesa in R&S che ha recentemente costretto l'azienda a ridurre gli obiettivi di redditività per il 2025. La casa farmaceutica francese punta su 12 farmaci in fase di sviluppo che hanno il potenziale di diventare dei blockbuster (oltre 1 miliardo di dollari l’anno di fatturato), tra cui tre con un possibile picco di vendite ancora superiore.

Il gruppo francese aveva colto di sorpresa gli investitori quando sei settimane fa sono stati svelati i suoi piani di investimento in ricerca e sviluppo, insieme alla conseguente cancellazione del suo obiettivo di margine per il 2025. L'anno scorso ha speso 6,7 miliardi di euro in R&S, rispetto ai 5,5 miliardi di euro del 2020, e prevede di spendere altri 2 miliardi di euro nei prossimi due anni. L'aumento degli investimenti in R&S comporterà una stagnazione degli utili per azione (EPS) delle aziende l'anno prossimo, mentre è stato abbandonato il precedente obiettivo di un margine operativo del 32% per il 2025.

L’azienda è sotto pressione per dimostrare che ulteriori miliardi investiti nella ricerca interna daranno un migliore contributo all'innovazione di Sanofi, rispetto allo shopping di farmaci o società biotech. L’ad dell’azienda Paul Hudson ha detto che avrebbe dovuto sottolineare che l'investimento si concentrerà sulla spesa per gli studi clinici di candidati farmaci migliori del previsto nella sua pipeline.

"Credo che avrei dovuto spiegare meglio, in occasione della presentazione degli utili, che la quasi totalità dell'aumento degli investimenti in R&S riguarda il settore Sviluppo. Perché è lì che si agisce per noi. Ed è questo che guida la prossima ondata", ha dichiarato al Financial Times.

Hudson rimane ottimista, sostenendo che il tasso di successo delle sperimentazioni di fase intermedia è aumentato del 50%, rafforzando il numero di candidati nella cruciale fase 3 nei quattro anni trascorsi da quando ha assunto la carica di amministratore delegato con il mandato di dare una svolta all'azienda.

Tre farmaci oltre i €5mld di vendite annue
In quest'ultima categoria rientrano l'anticorpo anti-OX40L amlitelimab, l'anticorpo anti-CD40L frexalimab. Vi è poi un asset in fase iniziale, SAR441566, un inibitore del TNFR1 solubile disponibile per via orale. Per ciascuno di questi farmaci l’azienda prevede un potenziale di vendita di picco superiore a 5,4 miliardi di dollari.

Amlitelimab è l'anticorpo monoclonale anti-OX40-ligando che Sanofi ha acquisito con l'acquisizione di Kymab per 1,1 miliardi di dollari. All'inizio di quest'anno la molecola ha fatto centro in uno studio di fase 2b sulla dermatite atopica, incoraggiando l'azienda a impegnarsi in un programma di fase 3, a espandersi in altre indicazioni e a iniziare a prevedere vendite di grande successo.

Anche frexalimab, un anticorpo monoclonale CD40L, ha superato un test di fase intermedia all'inizio di quest'anno. Il risultato sulla sclerosi multipla (SM) ha suggerito che Sanofi potrebbe aver superato i rischi di coagulazione del sangue che hanno affossato i precedenti candidati farmaci anti CD40. Sanofi intravede opportunità per questo prodotto al di là della sclerosi multipla e intende perseguire più indicazioni in parallelo.

Il terzo farmaco candidato da 5 miliardi di euro è SAR441566, una piccola molecola inibitrice del TNF che Sanofi considera un modo per fornire un'efficacia simile a quella dei biologici con il vantaggio della somministrazione orale. Sanofi ha recentemente avviato la sperimentazione di fase 2 della molecola nell'artrite reumatoide e nella psoriasi a placche.

Altri 9 blockbuster
Nove attività in pipeline nell'ambito di farmaci e vaccini innovativi potrebbero raggiungere ciascuno un picco di vendite compreso tra 2,15 e 5,4 miliardi di dollari. Questi includono tolebrutinib per la sclerosi multipla, lunsekimig e rilzabrutinib per l'asma e itepekimab per la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), nonché i suoi candidati vaccini per l'acne, il virus respiratorio sinciziale (RSV) negli adulti anziani e l'Escherichia coli patogeno extraintestinale.

Houman Ashrafian, responsabile della ricerca, ha dichiarato che il numero "senza precedenti" di potenziali blockbuster nella pipeline supporta la "decisione di Sanofi di aumentare strategicamente la nostra attenzione alla R&S".

Da nuovi farmaci e vaccini previste vendite per 10 miliardi di euro 
L'amministratore delegato Paul Hudson ha dichiarato giovedì: "Siamo fiduciosi nella... forza della nostra pipeline per ottenere una crescita sostenibile fino al 2030 e oltre ". Sanofi ha destinato all'immunologia una maggiore spesa per la ricerca, puntando a un fatturato annuo di oltre 10 miliardi di euro entro il 2030 grazie ai farmaci e ai vaccini lanciati di recente e a quelli futuri.

Gli analisti di Jefferies hanno notato che le previsioni di fatturato per i nuovi farmaci sono quasi doppie rispetto a quelle attuali, anche se Markus Manns di Union Investment ha detto che "devono convincere il mercato che la pipeline è abbastanza interessante da giustificare la delusione che hanno dato agli investitori con il recente downgrade".
Sanofi ha inoltre annunciato che punta a un aumento del 50% delle sperimentazioni di Fase III tra il 2023 e il 2025 per generare un forte slancio nella pipeline. La casa farmaceutica punta anche a 25 letture in fase medio-tardiva nei prossimi due anni, oltre a quasi 20 depositi normativi.

Crescita delle attività esistenti
Oltre ai nuovi blockbuster previsti, ma ovviamente che necessitano di una conferma da parte del mercato, durante l'evento per gli investitori di giovedì Sanofi ha anche sottolineato la crescita delle sue attività esistenti.

Sanofi stima che Dupixent possa garantire un tasso di crescita annua composta delle vendite nette a due cifre dal 2023 al 2030 anche grazie all'espansione in altre indicazioni come la BPCO.. "Sebbene gli obiettivi della pipeline siano difficili da valutare, gli obiettivi aggiornati di Dupixent suggeriscono un aggiornamento del 4% dei ricavi per il 2030", hanno dichiarato gli analisti di Morgan Stanley.

Hudson ha concluso: "Sulla base dei recenti lanci di successo, stiamo facendo scelte decisive per offrire farmaci innovativi e valore a lungo termine per tutti i nostri stakeholder. Siamo fiduciosi nel nostro attuale portafoglio di prodotti e nella forza della nostra pipeline per garantire una crescita sostenibile fino al 2030 e oltre. Non potrei essere più orgoglioso dei progressi compiuti negli ultimi tre anni e non vedo l'ora di condividere ulteriori aggiornamenti man mano che i nostri prodotti chiave superano nuove tappe verso il lancio sul mercato e mentre trasformiamo Sanofi in una potenza immunologica."