Business

Sanofi si rafforza in immunologia e fa sua la biotech  Kymab. Accordo da $1,4 mld 

Inizia alla grande il 2021 per Sanofi che oggi ha comunicato di aver acquisito la biotech  Kymab, società con sede nel Regno Unito, per la somma di $1,4 mld, di cui $1,1 mld in cash e $350 mln al raggiungimento di determinate pietre miliari. Scopo dell'accordo è rafforzare la presenza dell'azienda francese nel settore dell'immunologia.

Inizia alla grande il 2021 per Sanofi che oggi ha comunicato di aver acquisito la biotech Kymab, società con sede nel Regno Unito, per la somma di $1,4 mld, di cui $1,1 mld in cash e $350 mln al raggiungimento di determinate pietre miliari. Scopo dell’accordo è rafforzare la presenza dell'azienda francese nel settore dell'immunologia.

Con sede a Cambridge, Kymab è stata fondata, nel 2010, dal professor Allan Bradley, FRS e dal dottor Glenn A Friedrich, sulla base degli sviluppi delle ricerche svolte nel laboratorio del Prof. Bradley presso il Wellcome Trust Sanger Institute. La società britannica è un’azienda biofarmaceutica in fase clinica che sviluppa anticorpi monoclonali completamente umani con particolare attenzione alle malattie immuno-mediate e alle terapie immuno-oncologiche. L’azienda, per i suoi studi e le sue ricerche, sfrutta le piattaforme integrate proprietarie, IntelliSelect, che contengono una varietà di anticorpi umani (al momento la più completa). A guidarla è l’amministratore delegato Simon Sturge.

Utilizzando la tecnologia delle cellule staminali embrionali, il team del professor Bradley ha sviluppato la prima piattaforma murina transgenica. In un articolo pubblicato su Nature Biotechnology nel 2014, i ricercatori dell’azienda hanno dimostrato che la tecnologia produce una libreria di anticorpi costituita da 100 trilioni di anticorpi diversi. Da questa immensa libreria, è possibile possiamo selezionare rari anticorpi di alta qualità che possono essere sviluppati in terapeutica.

L'accordo aggiunge alla pipeline di Sanofi il principale asset di Kymab, il KY1005, un anticorpo monoclonale umano che ha come obiettivo il regolatore chiave del sistema immunitario OX40L. Si ritiene che KY1005 abbia il potenziale per trattare un'ampia varietà di malattie immunomediate e disturbi infiammatori. John Reed, responsabile globale della ricerca e sviluppo di Sanofi, crede che l'OX40L per curare alcune malattie sia una chiave per riequilibrare il sistema immunitario senza la necessità di sopprimerlo. Questa via, ha detto, potrebbe fornire un nuovo e promettente approccio per il trattamento di una serie di malattie immunomedediate.

L'acquisizione arriva cinque mesi dopo che Kymab ha annunciato che il KY1005 ha centrato entrambi gli endpoint primari in uno studio di Fase IIa che studia l'asset in pazienti affetti da dermatite atopica da moderata a grave la cui malattia non sia adeguatamente controllata con corticosteroidi topici. KY1005 ha dimostrato un effetto terapeutico rispetto al placebo in vari endpoint chiave, tra cui l'area dell'eczema e l'indice di gravità (EASI) e ulteriori misure cliniche oggettive.

L'amministratore delegato di Sanofi Paul Hudson ha annunciato l'aggiunta del KY1005 alla pipeline di Sanofi. "Il nuovo meccanismo d'azione può fornire un trattamento per i pazienti con risposte non ottimali alle terapie disponibili. Dal nostro continuo lavoro sulle malattie immunologiche debilitanti comprendiamo quanto sia fondamentale trovare il giusto trattamento per ogni paziente". Non vediamo l'ora di sviluppare rapidamente questa medicina sperimentale", ha aggiunto Hudson.

Oltre a KY1005, la pipeline di Kymab include KY1044, un anticorpo monoclonale agonista ICOS, attualmente in fase iniziale di sviluppo della fase I/II come monoterapia e in combinazione con un anti-PD-L1. Sanofi ha detto che l'acquisizione fornisce anche l'accesso a nuove tecnologie anticorpali e capacità di ricerca attraverso la piattaforma IntelliSelect della società, che contiene una completa varietà di anticorpi umani. Avere accesso a una varietà di anticorpi completamente umana assicura la più alta probabilità di trovare candidati farmaci con le migliori caratteristiche della categoria in modo rapido ed efficiente, hanno detto le aziende nel loro annuncio.

L'amministratore delegato di Kymab, Simon Sturge, ha dichiarato che Sanofi è il partner perfetto per portare avanti la pipeline di Kymab. La fusione con il colosso farmaceutico accelererà il tempo necessario affinché le terapie dell'azienda raggiungano i pazienti, ha aggiunto.

Secondo i termini dell'accordo, Sanofi pagherà 1,1 miliardi di dollari in anticipo per Kymab, se verranno raggiunti determinati traguardi.
L'acquisizione di Kymab è l'ultima di una serie di accordi di Sanofi che espande rapidamente la pipeline della società nelle sue aree di interesse principali che Hudson ha annunciato nel 2019 e che si concentrano su cinque malattie principali: emofilia, oncologia, ematologia, malattie rare e neurologia.

A novembre, Snofi ha acquisito Kiadis Pharma e le sue attività di immuno-oncologia per circa 359 milioni di dollari. Kiadis è focalizzata sull'immunoterapia cellulare per il cancro e come nuovi trattamenti aggiuntivi per i pazienti che ricevono trapianti di cellule staminali ematopoietiche. Si prevede che la piattaforma di tecnologia cellulare K-NK di Kiadis avrà ampie applicazioni contro i tumori sia liquidi che solidi.

Pochi mesi prima, Sanofi aveva acquisito Principia Biopharma con un'acquisizione da 3,68 miliardi di dollari, che ha portato all'azienda gli inibitori della tirosina chinasi di Bruton. Si ritiene che questi asset siano la chiave per un portafoglio di trattamenti trasformativi di prossima generazione per le malattie autoimmuni. L'acquisizione di Synthorx da 2,5 miliardi di dollari del 2019 da parte di Sanofi aveva anche portato alla società transalpina la piattaforma Expanded Genetic Alphabet Alphabet che le permette di progettare nuove proteine per un potenziale utilizzo terapeutico.

La scorsa settimana, durante una tavola rotonda, i dirigenti di Sanofi hanno previsto che il 2021 sarà un anno di trasformazione per l'azienda, in gran parte grazie ai nuovi programmi portati in azienda attraverso le sue acquisizioni strategiche.

SEZIONE DOWNLOAD