Cordoglio nel mondo del farmaco. Il Gruppo farmaceutico Menarini comunica la scomparsa del Cav. Alberto Sergio Aleotti, fondatore del gruppo Menarini. Quella che era una piccola azienda italiana di poche centinaia di dipendenti sotto la sua guida è diventata una multinazionale, che conta oltre 16.000 dipendenti, e una presenza in oltre 100 paesi al mondo.

In Menarini dal 1964, Aleotti aveva lasciato da qualche anno la guida del Gruppo ai figli, Lucia, Presidente, e Alberto Giovanni, Vice Presidente.

Alberto Sergio Aleotti nacque a Quattro Castella di Reggio Emilia il 4 marzo 1923 da famiglia povera e all’età di otto anni perse il padre. Con il sostegno della madre e grazie ad un’eccellente media voti si diplomò ragioniere all’età di 19 anni.
    
Si laureò, lavorando, in soli 4 anni in Economia e Commercio presso l’Università di Bologna, a 23 anni. Nel 1964 arrivò l'offerta del Commendatore Mario Menarini, che gli chiese di assumere la Direzione Generale della propria azienda.

Fu promotore della necessità del brevetto sui farmaci e al termine di una dura contesa, che sfociò nella famosa sentenza con cui la Corte Costituzionale nel 1978 dichiarò incostituzionale il divieto di brevetto dei farmaci, vinse la battaglia più importante per l’intera industria farmaceutica italiana.

Dopo otto anni di Presidenza di Farmindustria dal 1978 al 1986, venne chiamato alla Vicepresidenza della Associazione Europea dell’Industria Farmaceutica, la EFPIA, e fino al 1990 ne fu Presidente.

Aleotti, grazie all’eccellente gestione dell’Associazione Europea, venne designato per il biennio ’90/’92 alla Vicepresidenza della Federazione Mondiale delle Industrie Farmaceutiche, la IFPMA e alla fine del biennio, nel ’92/’94 venne nominato Presidente (unico italiano ad oggi).

Nel 2014  il Gruppo Menarini è la più grande multinazionale farmaceutica italiana nel mondo. Con 3.275 milioni di euro di fatturato consolidato (dato 2013)  è  al 16esimo posto su 5.180 aziende in Europa ed al 38esimo posto nel mondo su 18.237 aziende. Il Gruppo Menarini è oggi presente in oltre 100 Paesi nel mondo. Il numero dei dipendenti è cresciuto dalle 188 unità del 1964 ai 16.603 dipendenti del 2013 (91% laureati e tecnici).