Business

Seagen sigla accordo da oltre $700 mln per piattaforma EGFR per i tumori solidi

L'americana Seagen e LAVA Therapeutics, con sede nei Paesi Bassi, hanno siglato un accordo di licenza per la piattaforma Gammabody di LAVA per i tumori solidi che potrebbe potenzialmente superare i 700 milioni di dollari.

L’americana Seagen e LAVA Therapeutics, con sede nei Paesi Bassi, hanno siglato un accordo di licenza per la piattaforma Gammabody di LAVA per i tumori solidi che potrebbe potenzialmente superare i 700 milioni di dollari.

Secondo i termini dell'accordo, Seagen ottiene una licenza esclusiva globale per LAVA-1223, un composto preclinico che sfrutta la tecnologia proprietaria Gammabody di LAVA per colpire i tumori solidi che esprimono il recettore del fattore di crescita epidermico (EGFR). L'EGFR è sovraespresso in numerosi tipi di tumori solidi, tra cui il cancro del colon-retto, il cancro del polmone e il cancro della testa e del collo.

Roger Dansey CEO e CMO ad interim di Seagen, ha dichiarato che l'accordo "offre a Seagen l'opportunità di sfruttare la sua esperienza nello sviluppo di terapie antitumorali mirate, insieme alle capacità di sviluppo e commercializzazione globali dell'azienda".

Seagen pagherà 50 milioni di dollari in anticipo e fino a 650 milioni di dollari in potenziali pagamenti di milestone. L'accordo prevede anche royalties da una cifra a metà strada sulle vendite future dei prodotti che potrebbero derivare dall'accordo. Seagen ha anche l'opzione di negoziare i diritti di utilizzo della piattaforma Gammabody per altri due target tumorali.

LAVA-1223 ha il potenziale per essere una terapia first in class. È stato progettato per colpire e attivare le cellule T Vγ9Vδ2 (gamma delta) nelle cellule tumorali che esprimono l'EGFR.

La piattaforma Gammabody di LAVA Therapeutics crea composti engager bispecifici per le cellule T gamma delta che attivano un sottogruppo specifico di cellule T chiamato cellule T Vgamma9 Vdelta2. Si ritiene che questo integri il riconoscimento naturale del tumore, indirizzando le cellule T Vγ9Vδ2 verso le cellule tumorali, uccidendole selettivamente e stimolando una risposta immunitaria.

L'azienda indica che negli studi preclinici i candidati farmaci Gammabody hanno dimostrato "una potente e specifica attivazione delle cellule T Vγ9Vδ2 e l'uccisione delle cellule tumorali derivate dai pazienti".

L'attivazione dell'immunità adattativa dei composti dovrebbe offrire risposte immunitarie durature con un miglioramento della sopravvivenza dei pazienti.

Nella relazione sul secondo trimestre del 13 settembre, LAVA ha indicato che sta continuando ad arruolare pazienti in due programmi clinici: LAVA-051 e LAVA-1207. In precedenza, l'azienda aveva presentato i primi incoraggianti dati di escalation della dose ai meeting dell'American Society of Clinical Oncology (ASCO) e dell'European Hematology Association (EHA). Pur ammettendo che i dati erano ancora precoci, l'azienda ha comunque riportato un promettente profilo di sicurezza e indicazioni di una potenziale attività antitumorale.

LAVA-051 ha come bersaglio i tumori che esprimono CD1d, tra cui il mieloma multiplo, la leucemia linfocitica cronica e la leucemia mieloide acuta. LAVA-1207 ha come bersaglio l'antigene di membrana specifico della prostata (PSMA) per il cancro alla prostata metastatico resistente alla castrazione.

L'attenzione di Seagen si concentra tipicamente sui coniugati anticorpo-farmaco (ADC). All'inizio della scorsa settimana, l'azienda ha annunciato che l’Fda ha accettato di sottoporre a revisione prioritaria la sua domanda supplementare di nuovi farmaci (sNDA) per l'approvazione accelerata di Tukysa (tucatinib) in combinazione con Herceptin (trastuzumab) di Genentech. La sNDA riguarda un trattamento combinato per adulti affetti da carcinoma colorettale HER2-positivo che hanno subito almeno un precedente regime di trattamento per malattia non resecabile o metastatica.