La giapponese Shionogi, l’azienda che ha messo a punto la rosuvastatina, ha siglato un accordo su scala mondiale con la danese Egalet per lo sviluppo di nuovi farmaci derivati dell’idrocodone ma resistenti all’abuso e all’uso improprio. Se questi farmaci arriveranno alla commercializzazione, l’affare per Egalet potrebbe valere fino a of $425 milioni.

La novità di questi farmaci, per ora non ancora testati in clinica, cioè sull’uomo, è nelle nuove tecnologie antiabuso messe a punto da Egalet. Attualmente in commercio non vi sono farmaci a base di idrocodone che siano resistenti all’abuso. Quellodi Egalet sarebbe il primo.

Per ora l’azienda danese riceverà un pagamento in cash di $10 milioni. Inoltre, Shionogi ha concordato di acquistare azioni di Egalet per un importo massimo di 15 milioni. Tutto il resto della cifra concordata, pari a 400 mln, sarà pagato solo in base all’avanzamento dello sviluppo clinico del farmaco e al superamento delle tappe di tipo regolatorio e al raggiungimento di determinati target di vendita.

L’uso improprio e l’abuso di oppiodi negli Usa stanno diventando una vera e propria epidemia. Nel 2007, negli Stati Uniti, si sono avute circa 27mila morti accidentali da abuso di oppioidi prescritti dai medici configurando così il problema di dipendenza in più rapida crescita. Ci sono però aspetti di ulteriore allarme  perché i decessi sono in gran parte dovuti ad abuso di oppioidi in funzione analgesica. Per ogni persona deceduta, si stima che altre nove vengano ricoverate per abuso di sostanze, per ogni persona deceduta, 35 altre si fanno visitare presso un Pronto Soccorso per abuso, altre 161 ammettono di essere dipendenti o di abusare di droga, altre 461 riconoscono di fare uso di analgesici oppioidi per scopi non medici.

Egalet ha sviluppato due tecnologie il cui scopo è evitare l’abuso di oppiodi o un loro uso improprio. Pe uso improprio si intende quando questi farmaci sono masticati anziché lasciati sciogliere in bocca al fine di rendere più veloce l’assorbimento oppure quando vengono sciolti in liquidi e poi iniettati.
 
La tecnologia di Egalet serve a rendere molto difficile la masticazione della compressa, sia utilizzando materiale di difficile rottura che deve essere lasciato sciogliere lentamente in bocca sia aggiungendo a questa prima matrice di difficile rottura un’altra che circonda la compressa e che viene assorbita molto lentamente nel tratto intestinale. In questo modo, manca l’effetto narcotico del farmaco che è quello che cercano le persone che li usano come droghe a buon mercato. Rimane invece invariato l’uso terapeutico.

Per Shionogi, l’accordo ha il significato di aumentare le potenzialità della propria franchise di farmaci analgesici che oggi comprende l’associazione paracetamolo/idrocodone, commercializzata con il marchio Xodol.

Una settimana fa, l’azienda giapponese che ha la sede centrale a Osaka, ha siglato un accordo con Mundipharma per la vendita su territorio giapponese di Oxycontin Neo, una versione resistemte all’abuso di ossicodone e di un'associazione fi ossicodone e naloxone.