L’Assemblea Ordinaria degli azionisti di Sigma-Tau si è riunita oggi per la prima volta dalla scomparsa del Dott. Claudio Cavazza, nominando il nuovo Consiglio di Amministrazione. Il Consiglio ha proceduto alla nomina del Presidente nella persona del Dott. Mario Artali e, preso atto delle dimissioni del Dott. Ugo Di Francesco, ha nominato Amministratore Delegato Andrea Montevecchi, manager di comprovata esperienza nel settore farmaceutico che già in passato ha collaborato con il Gruppo.

Il Consiglio di Amministrazione è così composto: Mario Artali (Presidente), Andrea Montevecchi (Amministratore Delegato), Enrico Cavazza, Silvia Cavazza, Francesca Cavazza, Maurizio Martinetti, Marco Cerrina Feroni, Guido Tugnoli, Trevor Mervyn Jones. Oltre alla riconferma di alcuni dei consiglieri, nel nuovo Consiglio sono stati nominati Enrico, Silvia e Francesca Cavazza a rappresentare la continuità della famiglia nel controllo dell’azienda.

Sigma-Tau è uno dei più importanti gruppi farmaceutici internazionali, a capitale italiano, che investe in ricerca, sviluppo e commercializzazione di trattamenti efficaci e innovativi finalizzati a migliorare il benessere e la qualità di vita dei pazienti.

Il Gruppo Sigma-Tau ha sede centrale a Pomezia (Roma) e filiali in Francia, Svizzera, Belgio, Olanda, Portogallo, Germania, Regno Unito, India, Stati Uniti e Spagna – dove in queste ultime è presente con due stabilimenti produttivi. Il Gruppo ha oltre 2400 dipendenti e un crescente network di licenziatari a livello mondiale.

Fondata nel 1957, nel 2010 Sigma-Tau ha raggiunto un fatturato di 673 milioni di Euro. L’azienda investe il 16% del suo fatturato annuo in attività di ricerca e sviluppo.
Le 400 persone del team R&D sono attualmente impegnate su 45 progetti, tra pre-clinica e sviluppo clinico. 35 sono le indicazioni esplorate attraverso trials clinici con 26 molecole diverse, di cui 18 in gran parte (11) nuove e originali, derivate dalla ricerca Sigma-Tau o sulle quali vanta dei diritti esclusivi per i territori di interesse.

Le aree terapeutiche su cui si concentrano i progetti di ricerca e sviluppo dell’Azienda includono lo studio delle malattie rare e neglette con elevato impatto sociale, l’oncologia, l’immunologia e il biotech, senza dimenticare le esperienze e il know-how nel settore cardiovascolare, del sistema nervoso e delle malattie metaboliche