Business

Takeda ottiene il controllo di GammaDelta Therapeutics per rafforzare la pipeline oncologica

Quattro anni dopo aver iniziato una collaborazione con GammaDelta Therapeutics per sviluppare terapie per i tumori solidi, Takeda ha esercitato la sua opzione per acquisire la società biotech con sede a Londra. L'accordo è stato raggiunto un mese dopo che GammaDelta ha dosato il suo primo paziente in un trial di fase I sulla leucemia mieloide acuta (AML).

Quattro anni dopo aver iniziato una collaborazione con GammaDelta Therapeutics per sviluppare terapie per i tumori solidi, Takeda ha esercitato la sua opzione per acquisire la società biotech con sede a Londra. L'accordo è stato raggiunto un mese dopo che GammaDelta ha dosato il suo primo paziente in un trial di fase I sulla leucemia mieloide acuta (AML).

L'accordo porta sotto il suo controllo le piattaforme di terapia a base di cellule T allogeniche delta 1 variabile (Vδ1) gamma-delta (γδ) sviluppate da GammaDelta. La piattaforma GammaDelta include quelle derivate dal sangue e dai tessuti, così come programmi di terapia cellulare early-stage. Tra le attività incluse nell'accordo c'è il farmaco sperimentale AML di GammaDelta, GDX012, una terapia a base di cellule T delta 1 gamma-delta allogeniche, non ingegnerizzate, prodotte da sangue di donatori sani. Gli obiettivi primari dello studio di fase I sono di valutare la sicurezza, la tollerabilità, la farmacocinetica, l'attività anti-leucemica e la dose massima tollerata del GDX012.

Christopher Arendt, capo dell'unità di terapia cellulare oncologica e area terapeutica di Takeda, ha espresso il suo entusiasmo per il potenziale impatto che la piattaforma GammaDelta potrebbe avere sui pazienti. "Le terapie basate sulle cellule T GammaDelta rappresentano un approccio differenziato per colpire sia i tumori solidi che le neoplasie ematologiche, e siamo ansiosi di integrare le piattaforme di terapia cellulare di GammaDelta nei nostri sforzi di R&S in immuno-oncologia", ha detto Arendt.

L'accordo per GammaDelta permette all'azienda di ampliare le sue offerte di immunoterapia attraverso i meccanismi di potenziali trattamenti che sfruttano le risposte immunitarie innate. Questi tipi di risposte servono come primo meccanismo di difesa del corpo contro le malattie e includono meccanismi multipli, comprese le cellule T γδ e le cellule natural killer.

Secondo i dati dell'azienda, le cellule T γδδ Vδ1 sono un sottoinsieme unico di cellule T che riconoscono specificamente e sono attivate da modelli molecolari di disregolazione sulle cellule tumorali. La piattaforma GammaDelta ha portato allo sviluppo di terapie cellulari allogeniche che sono altamente attive preclinicamente contro i tumori solidi e i tumori maligni ematologici.

Takeda e GammaDelta hanno iniziato a collaborare nel 2017 in un accordo di 100 milioni di dollari. Per Takeda, quella partnership includeva una partecipazione azionaria in GammaDelta, così come un'opzione per acquisire la società. I termini dell'acquisizione non sono stati rivelati nell'annuncio. Tuttavia, Takeda fa sapere che l'accordo include un pagamento upfront pre-negoziato e futuri pagamenti potenziali di pietre miliari, soggetti a determinati adeguamenti.

Paolo Paoletti, amministratore delegato di GammaDelta, ha chiamato la decisione di acquisizione il "culmine di anni di una fruttuosa collaborazione". Paoletti ha detto che l'acquisizione riconosce i promettenti progressi della sua azienda nello sviluppo di nuove tecnologie per il trattamento dei tumori solidi e del sangue.

"Attraverso il nostro lavoro insieme, abbiamo fatto grandi passi avanti nello sviluppo delle nostre piattaforme proprietarie di terapia cellulare γδ T, che hanno permesso lo sviluppo di una pipeline di terapie cellulari innovative e consentito l'avanzamento del nostro primo programma in fase I di sviluppo clinico", ha detto Paoletti. "Questa acquisizione si basa sull'enorme lavoro del nostro team di talento e fornisce le basi per consentire il rapido sviluppo di un portafoglio di terapie cellulari allogeniche innovative, focalizzate sul miglioramento dei risultati per i pazienti con il cancro".

GammaDelta non è l'unica azienda con la quale Takeda ha stretto un rapporto nel 2017 e poi è andata ad acquisire. All'inizio di quest'anno, il gigante farmaceutico giapponese si è accaparrato il partner Maverick Therapeutics in un affare valutato fino a 525 milioni di dollari. L'asset principale di quella partnership, TAK-186 (precedentemente noto come MVC-101), è un ingaggiatore di cellule T attivo primo della classe. È in fase di valutazione in un trial di fase I/II per il trattamento dei tumori solidi che esprimono EGFR.

Per Takeda, l'acquisizione di GammaDelta viene poco dopo che l'azienda ha ceduto un inibitore di Torc 1/2 e un inibitore di SYK a Calithera Biosciences. Arendt ha espresso fiducia nelle capacità di questa azienda di continuare lo sviluppo di sapanisertib e mivavotinib.


SEZIONE DOWNLOAD