Takeda potrebbe cedere alcune attivitÓ di Shire per ridurre il debito

Secondo quanto riporta la testata giornalistica Bloomberg, Takeda starebbe valutando la cessione delle attivitÓ di Shire in oculistica, tra cui il farmaco Xiidra (lifitegrast), un trattamento per la malattia dell'occhio secco. Ci˛ ovviamente potrebbe avvenire solo una volta completato l'acquisto dell'azienda.

Secondo quanto riporta la testata giornalistica Bloomberg, Takeda starebbe valutando la cessione delle attività di Shire in oculistica, tra cui il farmaco Xiidra (lifitegrast), un trattamento per la malattia dell'occhio secco. Ciò ovviamente potrebbe avvenire solo una volta completato l'acquisto dell'azienda.

Le fonti non identificate citate dalla testata americana hanno osservato che la decisione verrebbe stata presa per ridurre il debito di circa $31 miliardi contratto per finanziare l'acquisizione da $62 miliardi della società irlandese.

Takeda starebbe anche pesando una possibile vendita di Natpara, l'ormone paratiroideo umano ricombinante, che viene utilizzato per controllare i bassi livelli ematici di calcio legati alla ridotta o assente produzione di ormone paratiroideo che si osserva per ipoparatiroidismo primitivo e secondario. Quest’ultimo è la conseguenza della rimozione di queste ghiandole nel corso di interventi chirurgici effettuati quasi sempre per asportazione di masse tiroidee tumorali.

Secondo le stesse fonti, con questi potenziali disinvestimenti Takeda potrebbero raccogliere tra i 4 e i 5 miliardi di dollari, anche se le discussioni su queste possibili cessioni sono ancora in una fase iniziale.

Formalmente, l’acquisizione si dovrebbe chiudere nella prima metà del 2019. La fusione ha già ricevuto l'approvazione delle autorità regolatorie di Stati Uniti e in Brasile e Takeda ha presentato domanda di autorizzazione in Cina, Canada e Messico. Altri importanti mercati in cui le autorità di regolamentazione devono dare il via libera all'operazione sono l'Unione Europea e il Giappone. L'acquisizione potrebbe essere oggetto di un esame più severo in Europa, dove gli acquisti farmaceutici sono spesso oggetto di analisi dettagliate per valutare la competitività delle case farmaceutiche in ciascuna delle 28 nazioni del blocco.

Anche il business dei farmaci da banco di Takeda ha anche attirato l'interesse degli acquirenti, anche se l'azienda non ha intenzione di disinvestirlo.

Poco dopo aver raggiunto l'accordo per l'acquisto di Shire, il CEO di Takeda Christophe Weber aveva dichiarato che la sua società avrebbe perseguito una politica di riduzione dei costi necessaria per rendere l'acquisto fattibile senza compromettere l'innovazione. All'inizio di questa settimana, Takeda ha indicato che intende chiudere il suo ufficio statunitense a Deerfield, nell’Illinois, e trasferirsi nell'area di Boston, con il lavoro svolto presso l'ex sito progressivamente trasferito nel Massachusetts dopo che l'acquisto di Shire sarà stato finalizzato.