La società belga UCB ha deciso di vendere la divisione Kremers Urban dedicata ai farmaci generici a due gruppi di private equity, Advent International e Avista Capital Partners, per 1,5 miliardi di dollari in contanti.

La società ha fatto sapere che intende focalizzarsi sulle sue due aree di business principali, la neurologia e l’immunologia, e che utilizzerà i ricavi della vendita per sanare i propri debiti.

Kremers Urban Pharmaceuticals distribuisce più di 16 farmaci negli Stati Uniti, di cui uno nella lista dei cento medicinali più venduti in Usa nell’ultimo trimestre dello scorso anno.

UCB è l’ultima di una serie di altre società farmaceutiche a decidere di vendere una parte del proprio business che ritiene non essenziale per il raggiungimento degli obiettivi di vendita. Altre aziende che hanno adottato questa strategia includono, GlaxoSmithKline e Sanofi che hanno attratto l’interesse di società di private equity per i loro farmaci di vecchia data.