Nonostante la crisi, negli ultimi mesi il prezzo di molti farmaci è cresciuto in maniera significativa, ben oltre l'inflazione, e così pure quello delle rette ospedaliere.
Ecco i prezzi di alcuni farmaci, così come sono stati rilevati dal Credit Swisse: Viagra (+20,7%) , Cialis (+14,2%) l'anticancro  Sprycel  (+32,7%), Sutent (14,3%), Strattera (+15,6%). La società di distribuzione di medicinali Express Scripts afferma che tra le fine del 2008 e i primi mesi del 2009 di aver verificato un aumento del 10-15% nel prezzo dei medicinali.

Anche gli ospedali, in gran parte a gestione private, stanno aumentando il costo delle rette e delle prestazioni erogate.
Ad esempio, la società Hospital Corporation of America, che ha la proprietà di 166 ospedali americani, ha aumentato i ricavi dell'ultimo trimestre che sono passati a 7,40 miliardi dai 7,13 dello scorso anno. Ciò nonostante una riduzione delle ammissioni ospedaliere dello 0,9%, un trend abbastanza comune in tutti gli Usa e che riflette la situazione economica di crisi.

La nuova amministrazione americana e il Congresso intendono porre sotto controllo il costo della sanità e dare una copertura sanitaria ai 45 milioni di americani che ne sono esclusi.
Secondo Catherine Arnold, analista del Credit Suisse, le società farmaceutiche stanno aumentando il prezzo dei farmaci in maniera così aggressiva in preparazione delle riduzioni che con buona probabilità verranno decise dall'amministrazione Obama.  Vi è anche la necessità di aumentare i ricavi di numerosi farmaci che andranno incontro a scadenza brevettuale.
E' una situazione molto instabile ma non si può pensare che mentre tutto il paese tira la cinghia le grandi corporation continuino ad avere profitti così elevati.