Cardiologia

VIDEO

Tromboembolismo venoso e cancro, ruolo dei nuovi anticoagulanti orali


Nuovi farmaci anticoagulanti orali, ruolo del farmacista


I pazienti cardiologici oggi, caratteristiche e come è cambiata la loro gestione


Fibrillazione atriale e malattie tromboemboliche, qual è l'impatto economico e sociale?


Malattie tromboemboliche, vantaggi e impatto economico dei nuovi anticoagulanti orali


Gestione della fibrillazione atriale, cosa è cambiato con l'arrivo dei nuovi farmaci anticoagulanti orali?


Fibrillazione atriale e nuovi anticoagulanti orali, il ruolo del medico di medicina generale


Malattie croniche, il punto di vista delle istituzioni


Scompenso cardiaco, la riscoperta del canrenone come antialdosteronico


Morte cardiaca improvvisa: da cosa è determinata e cosa si può fare?


Tre novità nella terapia anti colesterolo


Aterosclerosi occulta: cosa è, perchè va cercata e in quali persone


Gestione clinica e organizzativa delle malattie tromboemboliche: 27 marzo convegno a Milano


Ruolo dei nutraceutici nella prevenzione cardiovascolare


Rischio residuo cardiovascolare nel diabete, cosa si può fare con i nutraceutici?


Trattamento dell’ipercolesterolemia: farmaci o nutraceutici?


Nutraceutici e malattie cardiache: ruolo dei concentrati di mela Annurca


Ipertensione giovanile, da cosa dipende e come agire


Prevenzione secondaria cardiovascolare, le ultime novità


Interventistica strutturale, le novità a livello cardiovascolare


Malattie cardiovascolari nella donna, sottovalutate e sottotrattate


Stent a rilascio di farmaco, pubblicato su Lancet studio di fase III su Orsiro


ARTICOLI

Deficit di lipasi acida lisosomiale, l'ERT con sebelipasi alfa migliora anche i biomarcatori aterogeni

Secondo i risultati di uno studio pubblicato online sul “Journal of Clinical Lipidology”, sebelipasi alfa - trattamento enzimatico sostitutivo (enzyme replacement therapy [ERT]) approvato per la terapia a lungo termine di pazienti di tutte le età aff[...]

Effetto ‘Summer Shift', meno STEMI d'estate da maggiore esposizione al sole e più elevati livelli di vit. D

L'aumento del numero di casi di infarto acuto del miocardio con sovraslivellamento del tratto ST (STEMI) che si verifica nel periodo invernale rispetto alle stagioni più calde potrebbe essere dovuto non solo a questioni climatiche in termini di tempe[...]

Andexanet alfa, antidoto per anticoagulanti anti-fattore Xa: da ANNEXA-4 risultati promettenti

Il fattore sperimentale di inversione del fattore Xa andexanet alfa ha rapidamente fermato il sanguinamento in pazienti che hanno avuto una grave emorragia acuta mentre erano trattati con un inibitore del fattore Xa, mostrando un accettabile profilo [...]

Alirocumab, efficacia e sicurezza costanti con o senza ASCVD e/o HeFH. Da 5 trial ODYSSEY raggruppati

È stata da poco pubblicata sull' “American Journal of Cardiology” una valutazione di efficacia e sicurezza di alirocumab in pazienti ad alto rischio con precedente malattia cardiovascolare aterosclerotica (ASCVD) e/o ipercolesterolemia familiare eter[...]

Allerta USA, minore prescrizione di statine ad alta intensità nelle donne con infarto rispetto agli uomini

Secondo un nuovo studio pubblicato sul “Journal of American College of Cardiology”, negli USA le donne che hanno avuto un infarto miocardico (IM) hanno meno probabilità di essere trattate con una statina ad alta intensità rispetto agli uomini, e ment[...]

Oltre la metà dei cardiopatici continua a fumare dopo il ricovero in ospedale

Più della metà dei pazienti cardiopatici continua a fumare dopo il ricovero ospedaliero. Lo rivelano i risultati del sondaggio EUROASPIRE V presentato oggi al congresso EuroPrevent 2018 organizzato dalla Società Europea di Cardiologia (ESC). Inoltre,[...]

Scompenso, con giubbotto cardioverter-defibrillatore indossabile quasi la metà di impianti ICD è evitabile

In uno studio condotto in Germania e pubblicato su “BMC Cardiovascular Disorders”, la terapia con cardioverter-defibrillatore indossabile (WCD) ha portato con successo tutti i pazienti affetti da scompenso cardiaco verso il recupero della frazione d'[...]

Evacetrapib, inibitore CETP, manca anche l'appuntamento con la medicina di precisione farmacogenetica

La profilazione farmacogenetica non è riuscita a far conseguire benefici a evacetrapib, portando nuove ombre sulle speranze che l'impiego del farmaco sperimentale in una popolazione più mirata potesse produrre risultati positivi. Sono i risultati – s[...]

Ablazione AF, somministrazione ininterrotta intraprocedurale di apixaban sicura quanto il warfarin

La somministrazione ininterrotta di apixaban sembra essere altrettanto sicura del warfarin e di altri antagonisti della vitamina K (VKA) nei pazienti a rischio di ictus sottoposti ad ablazione di fibrillazione atriale (AF). Lo suggeriscono i risultat[...]

Gli antagonisti del recettore dei mineralcorticoidi nello scompenso cardiaco cronico. E' tempo di rivalutarli?

Nonostante vi siano forti raccomandazioni da parte delle linee guida internazionali alla prescrizione dei farmaci antagonisti del recettore dei mineralcorticoidi (MRA o “antialdosteronici”) nel trattamento dello scompenso cardiaco a funzione ridotta [...]

Post-ACS, l'addio alle sigarette è più facile se inizia un trattamento con vareniclina già durante il ricovero

I fumatori ricoverati per sindrome coronarica acuta (ACS) possono essere particolarmente ricettivi ai consigli su come smettere di fumare sigarette e agli strumenti per mantenersi fuori da tale dipendenza. Ora, una ricerca pubblicata online sul “Cana[...]

L'integrazione quotidiana di nicotinamide riboside inverte il processo di invecchiamento cardiovascolare

Un nuovo studio della University of Colorado Boulder, pubblicato online su “Nature Communications”, indica che quando le persone assumono ogni giorno un integratore alimentare naturale - la nicotinamide riboside (NR) – si imita la restrizione caloric[...]

Dall'EHRA una nuova guida pratica aggiornata per l'uso dei NOAC nei pazienti con AF

Presentata a Barcellona, in occasione del convegno EHRA (European Heart Rhythm Association), una nuova versione della guida pratica sugli anticoagulanti orali non antagonisti della vitamina K (NOAC) in pazienti con fibrillazione atriale (AF) ha lo sc[...]

Quanto dev'essere ridotto il consumo di sale negli ipertesi? Confronto/scontro tra due esperti all'ACC.18

C'è un consenso quasi universale sul fatto che un eccessivo intake di sodio nella dieta è un fatto negativa per la salute, ma qui finisce l'accordo, in quanto numerose organizzazioni e società scientifiche assumono posizione diverse su quanto debba e[...]

AF: fugati i timori di epatotossicità da NOAC, sicuri quanto i VKA, anche con pregressa malattia epatica

I pazienti con nuova diagnosi di fibrillazione atriale (AF) non valvolare (FANV) non hanno un rischio maggiore di grave danno epatico se iniziano il trattamento assumendo un anticoagulante orale non antagonista della vitamina K (NOAC) invece di un an[...]

Crollo dei tassi di reintervento e ictus nello scompenso grave con nuovo device di assistenza ventricolare sinistra

Il dispositivo di assistenza ventricolare sinistra (LVAD) di ultima generazione HeartMate 3 ha superato il suo predecessore (HeartMate II) in base ai dati dello studio MOMENTUM 3, esposti nel corso delle American College of Cardiology 2018 Scientific[...]

Post-ACS, scelta dell'antiaggregante più appropriato guidata dalla genotipizzazione al letto del paziente

Il più vasto trial randomizzato eseguito finora per testare al letto del paziente le capacità della genotipizzazione di guidare le decisioni relative alla terapia antiaggregante dimostra che tale approccio è fattibile e può ridurre il rischio di even[...]

Post-PCI, nello switch da ticagrelor picco di reattività piastrinica ‘limato' con dose da carico di clopidogrel

I pazienti affetti da malattia coronarica (CAD) che devono passare da ticagrelor a clopidogrel dopo intervento coronarico percutaneo (PCI) dovrebbero ricevere una dose da carico di 600 mg di clopidogrel in un periodo compreso tra 12 e 24 ore dopo l'i[...]

Fibrillazione atriale: dalla real life conferme della sicurezza di dabigatran. Registro GLORIA-AF

Basse percentuali di emorragia maggiore (0,97%) e di ictus (0,65%) anche nella vita reale confermano il profilo di sicurezza ed efficacia di dabigatran etexilato, in linea con il profilo di sicurezza di lungo termine osservato in altre analisi oltre [...]

Più infarti del miocardio con forti oscillazioni di temperatura, un altro effetto del riscaldamento globale

Nei giorni in cui la temperatura oscillava di oltre 10 gradi Celsius, o più di 18 gradi Fahrenheit, si sono presentati in ospedale più pazienti con un infarto del miocardio con elevazione del tratto ST (STEMI), e l'effetto era più evidente nei giorni[...]