Cardiologia

VIDEO

Malattia di Crohn complicata, vantaggi dell'approccio multidisciplinare


Scilla cuore 2019: quali sono stati i temi chiave del congresso


Cosa fare quando coesistono la malattia oncologica e quella cardiovascolare


Le complicanze cardiovascolari nel paziente oncologico: perchè si verificano?


Mortalità dopo infarto del miocardio: perchè nelle donne è più alta?


La cardioversione della fibrillazione atriale: elettrica o farmacologica?


Perché troppi trigliceridi danneggiano il cuore


Cardiopatie congenite: come si diagnosticano e si curano i difetti interatriali in età pediatrica?


Rischio cardiovascolare residuo: cos’è e come si riduce


Prevenzione cardiovascolare secondaria: ruolo dello stile di vita e dei farmaci


Fumo da sigaretta: quali danni causa e cosa fare per limitarli


Un robot per fare l'angioplastica coronarica con impianto di stent: la prima esperienza italiana


Terapia transcatetere delle cardiopatie congenite: come si utilizza e in quali patologie


Quali sono le tecniche di ricostruzione dell’arco aortico nel neonato?


Occlusione coronarica cronica totale: il bypass aorto-coronarico superato da nuove tecniche


Infarto del miocardio, nuovi biomarcatori per una diagnosi precoce


Doppia terapia antiaggregante dopo un infarto, come migliorarla con la de-escalation


Enoxaparina, disponibile il primo biosimilare interamente sviluppato e prodotto in Italia


Enoxaparina, 20 anni e non sentirli


Colesterolo alto, due anni di disponibilità dei farmaci anti PCSK9: che bilancio possiamo fare?


Riparazione transcatetere della valvola mitrale: due studi fanno chiarezza sull'uso della MitraClip


Infarto del miocardio: il rischio aumenta sensibilmente dopo l'influenza


ARTICOLI

COAPT, meno decessi e ricoveri per HF da ridotto rigurgito mitralico ottenuto sia con MitraClip sia con farmaci

Nuovi approfondimenti dallo studio COAPT indicano che, indipendentemente dall'approccio terapeutico ai pazienti con insufficienza cardiaca e rigurgito mitralico (MR) secondario grave, un MR residuo inferiore a 30 giorni era fortemente associato a rid[...]

Florida, pazienti con AF dimessi dai dipartimenti di emergenza? Meno prescrizioni di anticoagulanti orali

Le persone con fibrillazione atriale (AF) sottoposte a trattamento e dimesse direttamente da uno dei tre dipartimenti di emergenza (ED) della Florida del Sud avevano molte meno probabilità di ricevere una prescrizione per un anticoagulante orale risp[...]

Ipertensione polmonare, l'effetto di selexipag è superiore quanto più è precoce l'inizio del trattamento

In un'analisi esplorativa post hoc dello studio GRIPHON, il trattamento con selexipag, rispetto al placebo, ha migliorato gli esiti clinici in pazienti con ipertensione arteriosa polmonare (PAH) indipendentemente dal tempo dalla diagnosi all'inizio d[...]

Fecondazione in vitro associata a problemi cardiaci anche letali in gravidanza

Le donne che si sottopongono a un trattamento contro la infertilità hanno un rischio cinque volte maggiore di sviluppare una complicanza nota come cardiomiopatia peripartum. Se avvertono i sintomi di insufficienza cardiaca dovrebbero consultare con u[...]

Due iniezioni all'anno di inclisiran (siRNA anti-PCSK9) riducono fino a 3 anni i livelli di LDL-C di oltre il 50% in modo sicuro

A Miami, nel corso delle National Lipid Association (NLA) Scientific Sessions, sono stati annunciati da “The Medicines Company” i risultati ad interim dello studio di estensione in aperto in aperto ORION-3 (Gruppo 1, n = 290) che ha mostrato come la [...]

Cardiologia interventistica, Italia all'avanguardia nell'infarto ma indietro per la TAVI. Novità dal congresso EuroPCR2019

Si è aperto ieri a Parigi il Congresso Internazionale di Cardiologia Interventistica EuroPCR2019 e già moltissime sono le novità presentate in tema di trattamento delle patologie cardiovascolari. La Società Italiana di Cardiologia Interventistica, Gi[...]

Sacubitril/valsartan nell'HFrEF di varia eziologia, benefici costanti

Un'analisi dello studio PARADIGM-HF (pubblicata online su “JACC: Heart Failure”) ha messo a confronto gli esiti e gli effetti del trattamento di sacubitril/valsartan rispetto a enalapril nelle diverse eziologie di scompenso cardiaco a frazione d'eiez[...]

Ipertensione resistente e CKD, semaforo verde per spironolattone più patiromer

La combinazione della terapia con spironolattone con può consentire ai pazienti con malattia renale cronica (CKD) e ipertensione resistente di gestire in sicurezza la propria pressione arteriosa senza aumentare il rischio di sviluppare iperkaliemia. [...]

Scompenso indotto da chemio, buona risposta a CRT. Il responso del MADIT-CHIC

La terapia di resincronizzazione cardiaca (CRT) migliora la funzione cardiaca e gli esiti per i pazienti con cardiomiopatia indotta da chemioterapia. Lo dimostrano i risultati dello studio MADIT-CHIC, presentati a San Francisco in una sessione del co[...]

AF in pazienti con CKD, apixaban può essere meglio del warfarin

Apixaban può essere migliore del warfarin nel ridurre l'incidenza di embolia sistemica, ictus e sanguinamento maggiore in pazienti con malattia renale cronica (CKD) in stadio 4 o 5 e fibrillazione atriale (AF). Lo evidenzia una meta-analisi presentat[...]

Ictus embolico di origine indeterminata, pubblicato sul NEJM il confronto tra dabigatran e acido acetilsalicilico

Pubblicati sul NEJM i risultati dello studio che confronta dabigatran con Acido Acetilsalicilico (ASA) nei pazienti con ictus embolico di origine indeterminata (ESUS)

Uso di antibiotici per lungo tempo? Nella donna è associato ad aumentato rischio cardiovascolare

Le donne di mezza età o di età avanzata che fanno uso di antibiotici a lungo termine hanno un rischio più elevato di eventi cardiovascolare (CVD). Lo suggerisce una nuova ricerca pubblicata online sull'”European Heart Journal”.

Predire il beneficio da MitraClip nello scompenso? Dipende dalla “proporzionalità” del rigurgito mitralico

Nell'ambito degli sforzi in corso per identificare il paziente con scompenso cardiaco che trarrà il massimo beneficio dalle terapie basate su dispositivi come la MitraClip, un esperto di insufficienza cardiaca si è affiancato a un esperto di imaging [...]

Alti livelli di Lp(a) e fosfolipidi ossidati associati (OxPL), biomarker di stenosi aortica e target terapeutici

Pubblicato sul “Journal of American College of Cardiology” (JACC), uno studio che ha combinato diverse forme di imaging per monitorare la progressione della stenosi aortica (AS) nei pazienti anziani e la sua relazione con i biomarcatori delle lipopro[...]

Scoperte proprietà antibiotiche di ticagrelor, in vitro elimina batteri Gram-positivi multiresistenti

Un team di ricercatori italiani e belgi ha scoperto che ticagrelor, antiaggregante piastrinico inibitore P2Y12, ha proprietà antibatteriche contro gli stafilococchi e gli enterococchi multiresistenti ai farmaci. Lo studio è stato pubblicato online su[...]

Quale ruolo ha oggi la niacina in prevenzione secondaria cardiovascolare?

Già relegata alla periferia della pratica clinica, una nuova meta-analisi – pubblicata su “JAMA Network Open” - invita un comitato federale USA a riconsiderare un'indicazione residua per la monoterapia con niacina (vitamina B3) a rilascio prolungato [...]

Sanguinamenti maggiori? Rari con doppia terapia antiaggregante a breve termine post-TIA o ictus minore

Il rischio di sanguinamento maggiore nei pazienti trattati con clopidogrel e aspirina (ASA) è risultato basso nei pazienti trattati con terapia antiaggregante dopo un ictus ischemico minore o un attacco ischemico transitorio (TIA) acuto, sebbene il t[...]

NEW HOPE, firibastat in fase 2 riduce la pressione arteriosa in pazienti ad alto rischio

Firibastat, il nuovo inibitore dell'aminopeptidasi A, è risultato associato a riduzione della Pressione arteriosa (BP) a 8 settimane in una popolazione diversificata di pazienti ad alto rischio, in base agli esiti dello studio NEW HOPE di fase 2, pub[...]

Non solo PCI, anche gli outcome del bypass aorto-coronarico sono molto migliorati in breve tempo

I riflettori negli ultimi anni sono stati puntati a migliorare gli outcome nel ricorso all'intervento coronarico percutaneo (PCI) per il trattamento della malattia della arteria coronaria principale di sinistra, ma un nuovo studio – pubblicato sul “J[...]

Scompenso e coronaropatia, rivaroxaban può proteggere da eventi tromboembolici

Rivaroxaban, anticoagulante orale inibitore diretto del fattore Xa, è risultato associato a un ridotto rischio di eventi tromboembolici tra i pazienti con insufficienza cardiaca (HF) e malattia coronarica, secondo un'analisi post-hoc del trial COMMAN[...]