Cardiologia

VIDEO

Ipertensione giovanile, da cosa dipende e come agire


Prevenzione secondaria cardiovascolare, le ultime novità


Interventistica strutturale, le novità a livello cardiovascolare


Malattie cardiovascolari nella donna, sottovalutate e sottotrattate


Stent a rilascio di farmaco, pubblicato su Lancet studio di fase III su Orsiro


Caratteristiche e vantaggi del primo scaffold bioriassorbibile in magnesio


Diabete e malattie cardiovascolari: un binomio inscindibile?


Effetti clinici ed economici della cardiopatia diabetica


Ci sono dei farmaci antidiabetici che fanno bene al cuore?


Ipercolesterolemia familiare: nuovo test genetico predice la malattia, quando si svilupperà e con quale gravità


Ipercolesterolemia, l'ipotesi HDL è ancora valida?


Ipercolesterolemia, fino a quanto è possibile abbassare le LDL?


Diabete tipo 2 e rischio cardiovascolare: focus su nutrizione e attività fisica


Prevenzione cardiovascolare e salute partecipata


La prevenzione cardiovascolare sCorre in Italia


Importanza dell'attività fisica nella prevenzione cardiovascolare


Malattie croniche cardiovascolari, i bisogni dal punto di vista di pazienti e familiari


Medicina generale, importanza di mettere il paziente al centro del processo di cure


Aderenza alle terapie e spesa per il SSN, come si conciliano?


Malattie croniche cardiovascolare e comorbidità, come gestirle conciliando l'aderenza alla terapia?


Aderenza del paziente alle terapie in ambito cardiovascolare, cosa ci dicono i dati real life?


Ottimizzazioni delle cure per il paziente cardiovascolare, i progetti delle Regioni


ARTICOLI

Ipertensione, esiti preclinici positivi con nuovo antiossidante associato a sartano

La combinazione di MitoQ-10, un antiossidante specificamente diretto ai mitocondri, con basse dosi di losartan, antagonista dei recettori dell'angiotensina II, riduce in modo significativo lo sviluppo di ipertensione e riduce l'ipertrofia ventricolar[...]

Antibiotici per infezioni urinarie aumentano attività anticoagulante del warfarin

Presentare un'infezione acuta del tratto urinario superiore, con o senza trattamento antibiotico, sembra essere associato a un aumento dell'attività anticoagulante nei pazienti in terapia con warfarin. E' quanto emerso da uno studio pubblicato sul Ja[...]

Gestione precoce dell'ACS, risultati simili con eptifibatide e tirofiban

In un sottostudio dello studio ACUITY, poco più di 4 mila pazienti a rischio moderato o elevato per sindrome coronarica acuta (ACS), trattati a monte con inibitori della glicoproteina IIb/IIIa (GPI) come parte di una strategia di gestione invasiva pr[...]

Coenzima A più statina, coppia efficace per ridurre trigliceridi e non-HDL-C

Dagli esiti di uno studio di fase 3 pubblicato su Lipids in Health and Disease risulta che, in pazienti adulti affetti da iperlipidemia mista con ipertrigliceridemia persistente, l'aggiunta di coenzima A (CoA) in capsule alla terapia con statine migl[...]

IMA post-PCI e funzione sistolica conservata: i beta-bloccanti si confermano benefici

Uno studio apparso su Heart rivela che, nei pazienti colpiti da infarto miocardico acuto (IMA) e con funzione sistolica conservata (FSC) sottoposti a intervento coronarico percutaneo (PCI), il trattamento con beta-bloccanti è associato a una ridotta [...]

Statine efficaci contro il delirio nei pazienti ricoverati in terapia intensiva

L'uso continuativo di statine potrebbe essere utile nel prevenire il delirio nei pazienti ricoverati in Unità di Terapia Intensiva (UTI) già in trattamento con questi farmaci prima dell'ospedalizzazione. E' quanto emerso da uno studio pubblicato sul [...]

Brescia, effettuati per la prima volta al mondo impianti di defibrillatori quadripolari

La tecnologia medica fa passi da gigante e dà nuove speranze ai pazienti affetti da scompenso cardiaco. Sono stati effettuati di recente - presso gli Spedali Civili di Brescia – i primi due impianti al mondo del nuovo sistema quadripolare per la resi[...]

Arriva anche in Italia il primo pacemaker al mondo senza elettrocateteri

Da poche settimane anche in Italia sono stati impiantati i primi pacemaker che agiscono senza elettrocateteri. Diversamente dai pacemaker tradizionali, il cui impianto richiede un intervento chirurgico invasivo, il pacemaker messo a punto dalla socie[...]

Anticoagulanti orali vecchi e nuovi, precisati i fattori di rischio emorragico

Età, sesso, pressione arteriosa diastolica, pregresso sanguinamento gastrointestinale, impiego di acido acetilsalicilico (ASA) e anemia: sono questi i principali fattori indipendenti associati al rischio di sanguinamento maggiore. Lo ha determinato u[...]

Fibrillazione atriale negli ipertesi, rischio inferiore con ACE-inibitori e sartani

I risultati di un ampio studio retrospettivo, riportati sull'European Heart Journal, indicano che l'impiego di farmaci antipertensivi che agiscono sul sistema renina-angiotensina (RAS), quali ACE-inibitori e antagonisti del recettore dell'angiotensin[...]

Denervazione renale, battuta di arresto dal trial Symplicity

Il trial pivotale Usa SYMPLICITY HTN-3, riguardante la denervazione dell'arteria renale per il trattamento dell'ipertensione farmacoresistente, ha raggiunto l'endpoint primario di sicurezza ma non quello di efficacia. L'annuncio è stato dato a Minnea[...]

Aterosclerosi, rottura di placca evitata da nanoparticelle a rilascio di statine

Il reclutamento di monociti infiammatori è decisivo per la patogenesi della destabilizzazione e rottura della placca aterosclerotica, e il rilascio di pitavastatina mediato da nanoparticelle (NP) è una promettente strategia terapeutica per inibire ta[...]

Nefropatia cronica, minor rischio di dialisi ed exitus con ACE-inibitori e sartani

I pazienti affetti da ipertensione stabile e da nefropatia cronica (CKD) in fase avanzata, e che sono in terapia con ACE-inibitori (ACEI) o antagonisti del recettore per l'angiotensina II (sartani, ARB) mostrano un minore rischio di dialisi a lungo t[...]

Composizione e volume delle placche coronariche, ogni statina ha effetti specifici

Secondo una ricerca multicentrica giapponese, pubblicata su Heart and Vessels, nei pazienti affetti da angina pectoris (AP) sia la pitavastatina che la pravastatina modificano il fenotipo della placca coronarica – valutata mediante ecografia intravas[...]

Rimodellamento vascolare patologico da aldosterone, prospettive di prevenzione

Uno studio pubblicato su Arteriosclerosis, Thrombosis, and Vascular Biology, rivela che l'aldosterone – dopo una lesione ai vasi - induce rimodellamento vascolare (RV) mediante effetti diretti sui recettori per i mineralcorticoidi (MRs) posti sulle c[...]

Riduzione delle LDL, conferme dalla fase III per l'anti-PCSK9 evolocumab

Evolocumab, anticorpo monoclonale completamente umanizzato anti-PCSK9, ha raggiunto i due endpoints primari dello studio MENDEL-2, ottenendo, rispetto alla condizione basale, una riduzione percentuale di colesterolemia LDL (LDL-C) alla 12ma settimana[...]

Vorapaxar riduce eventi ischemici senza aumentare sanguinamenti nei pz sottoposti a bypass

Nei pazienti con sindrome coronarica acuta senza sovraslivellamento del tratto ST (NSTE ACS) sottoposti a innesto di bypass aortocoronarico (CABG), la somministrazione di vorapaxar, nuovo inibitore piastrinico che agisce sulla via della trombina, e p[...]

L'impiego dei nuovi anticoagulanti orali nella realtà clinica dell'angiologia

L'impiego dei nuovi anticoagulanti (NAC) in angiologia, calati dal setting neutro dei trial clinici al “mondo reale” della pratica professionale quotidiana. È stato questo uno dei molti argomenti di interesse al XXXV Convegno nazionale Siapav (Societ[...]

Placche ad alto rischio ridotte da statine. Verifica con coronarografia-TC

Su Atherosclerosis, uno studio seriale mediante coronarografia-TC condotto in alcuni centri USA dimostra che la terapia con statine determina una significativa riduzione della progressione delle placche a bassa attenuazione (LAP) e di quelle non calc[...]

PCI, conferme sull'utilità dell'uso preospedaliero di prasugrel nello STEMI

La somministrazione preospedaliera delle tienopiridine nei pazienti con infarto miocardico e sovraslivellamento del tratto ST (ST) si associa a un basso tasso di eventi avversi cardiovascolari maggiori (MACE), mortalità intraospedaliera, ictus (nessu[...]