Cardiologia

VIDEO

Amiloidosi da transtiretina, tafamidis riduce mortalità cardiovascolare e ospedalizzazioni


Anticoagulanti orali: le 3 cose che il paziente deve sapere


Terapia anticoagulante orale nelle persone più anziane: le cose da tenere a mente


Terapia antiaggregante dopo l'infarto: finisce pari il confronto fra ticagrelor e DAPT


Aspirina e Omega-3 in prevenzione cardiovascolare primaria nei diabetici. Studio ASCEND


Dopo l'infarto del miocardio, preferire bypass o angioplastica?


Può servire una terapia anticoagulante orale dopo ospedalizzazione per un evento acuto? Studio MARINER


Troppo colesterolo buono (HDL) fa male al cuore. Studio americano


Cosa è esattamente un infarto cardiaco?


Quali sono i sintomi dell'infarto cardiaco?


Quali sono le novità nella cura dell’ipertensione polmonare?


Come si tratta la sincope. Novità dal congresso europeo di cardiologia


Cardiopatie congenite: cosa fare quando i bambini diventano adulti? Esperienza in Liguria con la rete GUCH


Infarto, utilità del test della troponina e novità dal congresso europeo di cardiologia


Quando si è ipertesi? A che valori pressori bisogna puntare? Ce lo dicono le nuove linee guida europee


Qual è la giusta terapia per l'ipertensione arteriosa? Ce lo dicono le nuove linee guida europee


Come ridurre gli eventi trombotici nei pazienti oncologici? Le novità dal congresso europeo ESC


Fibrillazione atriale, presentati all'ESC i primi dati di ETNA-AF, registro globale su edoxaban


Come si fa a migliorare l'aderenza alla terapia anticoagulante? Anche il packaging conta


Aspirina in prevenzione primaria non riduce gli eventi cardiovascolari. Studio ARRIVE


Acido urico elevato aumenta il rischio cardiovascolare. Le nuove armi terapeutiche per ridurlo


Cosa fare dopo un infarto per rivascolarizzare il paziente? Ce lo dicono le nuove linee guida europee


ARTICOLI

Prevenzione primaria cardiovascolare con integratori: dagli Usa no a beta-carotene e vitamina E

In base a una dichiarazione rilasciata dall'U.S. Preventive Services Task Force (USPSTF), pubblicata sugli Annals of Internal Medicine, le prove attuali restano ancora insufficienti per valutare adeguatamente il rapporto tra benefici e rischi derivan[...]

Possibile legame tra rischio di caduta e antipertensivi nell'anziano

Gli anziani con svariate malattie croniche, tra cui l'ipertensione, sembrano essere a maggior rischio di lesioni e traumi legati a una caduta se prendono antipertensivi. A suggerirlo è uno studio osservazionale americano appena pubblicato su JAMA Int[...]

Nuovi Anticoagulanti Orali per la prevenzione dell'ictus nella Fibrillazione Atriale: istruzioni per l'uso

La Fibrillazione Atriale – alterazione del ritmo cardiaco che colpisce 9,6 milioni di persone in Europa – si associa ad un rischio globale di incorrere in un ictus cerebrale 5 volte maggiore rispetto alla popolazione che non soffre di questa patologi[...]

Idrogel biodegradabili a rilascio controllato di chemochine nel post-infarto, successo preclinico

Una sperimentazione preclinica effettuata in Germania, i cui risultati sono stati pubblicati sul Journal of Cellular and Molecular Medicine, ha dimostrato come una nuova tecnica fondata sul rilascio intramiocardico controllato nel tempo di chemochine[...]

Fibrillazione atriale parossistica, meno recidive con l'ablazione che con i farmaci anche in prima linea

Nei pazienti con fibrillazione atriale parossistica, le recidive sono significativamente meno frequenti se i pazienti stessi sono sottoposti in prima battuta all'ablazione con radiofrequenza invece che alla terapia medica. È quanto emerge dallo studi[...]

Angioplastica con stent e endoarterectomia pareggiano nella prevenzione dell'ictus a lungo termine

Stando ai risultati di un piccolo studio monocentrico appena pubblicato su JACC: Cardiovascular Interventions, nei pazienti con stenosi carotidea sintomatica o asintomatica l'angioplastica con impianto di stent e l'endoarterectomia sono ugualmente ef[...]

Coronaropatia ad alto rischio, confronto “real life” tra strategie anti-LDL-C più aggressive

In uno studio pubblicato sul Journal of Clinical Lipidology, i tassi di riduzione dei livelli di colesterolo-LDL (LDL-C) e di raggiungimento dei corrispondenti valori target - in pazienti affetti da malattia coronarica (CHD) ad alto rischio - sono mi[...]

AF, in Europa predomina ancora il warfarin ma aumenta l'uso dei nuovi anticoagulanti orali

Una raccolta sistematica dei dati attuali relativi alla gestione e al trattamento della fibrillazione atriale (AF) da parte dei cardiologi operanti nei Paesi membri dell'ESC (European Society of Cardiology). L'ha fornita l'EuroObservational Research [...]

Prevenzione CVD, combinazione con niacina ottimale nei pazienti con trigliceridi alti

Secondo uno studio apparso sull'American Journal of Cardiology, la terapia di combinazione basata su niacina insieme a una statina o a una resina sequestrante gli acidi biliari aumenta il livello sierico di colesterolo HDL (HDL-C) e diminuisce le lip[...]

CAD, effetto pleiotropico di clopidogrel: migliore funzione endoteliale microvascolare

Una ricerca condotta in Australia e pubblicata su Heart, Lung and Circulation, rivela che la terapia con clopidogrel si associa a una migliore funzione endoteliale microvascolare nei pazienti con malattia coronarica stabile (CAD). Questo effetto, sec[...]

Scompenso cardiaco, un nuovo sensore migliora le cure

Grazie a un sensore innovativo, migliora la terapia di risincronizzazione (Crt) per i pazienti affetti da scompenso cardiaco. Lo dicono gli esperti del Niguarda, illustrando uno studio sulla possibilità di automatizzare l'ottimizzazione della Crt, el[...]

TAVI migliora sopravvivenza ma non status psicologico negli anziani con stenosi aortica

L'intervento di sostituzione della valvola aortica per via transcatetere (TAVI) aumenta la sopravvivenza e la funzione fisica dei pazienti anziani con stenosi della valvola aortica, anche se l'impatto sul benessere psicologico dei soggetti sottoposti[...]

Disponibile in Italia il più piccolo monitor cardiaco iniettabile sottocute

Intervista al prof. Fiorenzo Gaita, Direttore della Struttura Complessa Cardiologia I Universitaria dell'Azienda Ospedaliera S. Giovanni Battista di Torino che per primo in Italia ha utilizzato un innovativo dispositivo impiantabile di monitoraggi[...]

FA, colchicina può ridurre le recidive a un anno dall'ablazione

Tra i pazienti con fibrillazione atriale (FA) sottoposti a una singola procedura di ablazione, coloro che sono stati poi sottoposti a un breve ciclo di colchicina hanno dimostrato di avere meno probabilità di recidive di FA e più probabilità di avere[...]

Dronedarone efficace nella fibrillazione atriale anche in caso di coronaropatia

In un'analisi post hoc dello studio ATHENA - pubblicata su Europace – è emerso che in pazienti con fibrillazione atriale (AF) in terapia ottimale e con malattia coronarica (CHD) la somministrazione di dronedarone ha ridotto l'ospedalizzazione cardiov[...]

Stretto controllo pressorio e di LDL-C, uguali chances di declino cognitivo nel diabete 2

Secondo una ricerca apparsa su JAMA Internal Medicine, in pazienti con diabete mellito di tipo 2 (TDM2) di lunga durata e ad alto rischio di eventi cardiovascolari, un controllo intensivo della pressione arteriosa (BP) e una terapia con fibrati in pr[...]

Fda non approva rivaroxaban nella sindrome coronarica acuta

Janssen (cui Bayer ha ceduto i diritti per il farmaco negli Usa) ha annunciato di aver ricevuto dall'Fda una Complete Response Letter nella quale viene negata l'estensione delle indicazioni per rivaroxaban per includere la riduzione del rischio di ev[...]

Prostaglandina E2 stimola riparazione delle cellule cardiache dopo danno al cuore

Un team di ricercatori del National Cheng Kung University (NCKU) di Taiwan ha scoperto che la prostaglandina E2 è in grado di stimolare la rigenerazione delle cellule cardiache dopo un danno al miocardio. La scoperta potrebbe portare allo sviluppo di[...]

EPO ad alte dosi dopo PCI per STEMI, lieve ma significativa cardioprotezione

Una meta-analisi cinese pubblicata sull'American Journal of Cardiovascular Drugs rivela che la somministrazione di eritropoietina (EPO) ad alte dosi svolge un lieve ma significativo effetto cardioprotettivo in pazienti con infarto miocardico acuto co[...]

Ipercolesterolemia Familiare: anche i giovani a rischio infarto

I cardiologi delle strutture ospedaliere laziali sono riuniti da oggi nel II Congresso regionale dell'ANMCO (Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri) Lazio per fare il punto sugli aspetti clinici delle affezioni cardiovascolari di maggi[...]