Cardiologia

VIDEO

Diabete tipo 2 e rischio cardiovascolare: focus su nutrizione e attività fisica


Prevenzione cardiovascolare e salute partecipata


La prevenzione cardiovascolare sCorre in Italia


Importanza dell'attività fisica nella prevenzione cardiovascolare


Malattie croniche cardiovascolari, i bisogni dal punto di vista di pazienti e familiari


Medicina generale, importanza di mettere il paziente al centro del processo di cure


Aderenza alle terapie e spesa per il SSN, come si conciliano?


Malattie croniche cardiovascolare e comorbidità, come gestirle conciliando l'aderenza alla terapia?


Aderenza del paziente alle terapie in ambito cardiovascolare, cosa ci dicono i dati real life?


Ottimizzazioni delle cure per il paziente cardiovascolare, i progetti delle Regioni


Quanto incidono le malattie croniche cardiovascolari sul Sistema Sanitario Nazionale?


Comorbidità nel paziente con patologie cardiovascolari, come migliorare l'aderenza alle cure?


Canakinumab riduce gli infarti: nuove prospettive di cura per le malattie cardiovascolari


Vantaggi della riduzione dell'infiammazione nei pazienti con malattia cardiovascolare


Ossigenoterapia inutile per migliorare l'outcome nei pazienti con sospetto infarto


Più il colesterolo è basso meglio è. Lo dimostra studio su evolocumab


Ibuprofene alza la pressione nei pazienti con artrosi o artrite reumatoide, celecoxib no.


Più basso è il colesterolo, migliore è la risposta clinica con evolocumab


Nuove linee guida sulla doppia anti aggregazione piastrinica, cosa c'è di nuovo?


Dopo l'infarto usare ticagrelor più a lungo riduce rischio cardiovascolare del 29 per cento


Fibrillazione atriale e farmaci anticoagulanti orali, cosa ci dicono i dati del registro GARFIELD


Fibrillazione atriale, educazione medici e pazienti migliora l'utilizzo degli anticoagulanti orali


ARTICOLI

Emorragia intracerebrale, riduzione aggressiva della pressione non riduce i decessi, ma può limitare la disabilità funzionale

Nei pazienti che hanno avuto un'emorragia intracerebrale (ICH), una riduzione aggressiva della pressione arteriosa non serve a ridurre gli outcome sfavorevoli, ma può avere un effetto positivo sulla disabilità funzionale.

Diabete di tipo 2, confermata la sicurezza cardiovascolare di sitagliptin

Il trattamento con sitagliptin, inibitore della DPP-4, non incrementa il rischio cardiovascolare in pazienti con diabete mellito di tipo 2. Lo conferma un'analisi raggruppata di 25 trial clinici randomizzati apparsa su Cardiovascular Diabetology.

Ischemia miocardica da stress mentale, buoni esiti con escitalopram

Un trattamento farmacologico con escitalopram è in grado di ridurre una condizione di ischemia miocardica indotta da stress mentale (MSIMI). Lo dimostra una ricerca condotta alla Duke University di Durham e apparsa su JAMA.