Cardiologia

VIDEO

Amiloidosi da transtiretina, tafamidis riduce mortalità cardiovascolare e ospedalizzazioni


Anticoagulanti orali: le 3 cose che il paziente deve sapere


Terapia anticoagulante orale nelle persone più anziane: le cose da tenere a mente


Terapia antiaggregante dopo l'infarto: finisce pari il confronto fra ticagrelor e DAPT


Aspirina e Omega-3 in prevenzione cardiovascolare primaria nei diabetici. Studio ASCEND


Dopo l'infarto del miocardio, preferire bypass o angioplastica?


Può servire una terapia anticoagulante orale dopo ospedalizzazione per un evento acuto? Studio MARINER


Troppo colesterolo buono (HDL) fa male al cuore. Studio americano


Cosa è esattamente un infarto cardiaco?


Quali sono i sintomi dell'infarto cardiaco?


Quali sono le novità nella cura dell’ipertensione polmonare?


Come si tratta la sincope. Novità dal congresso europeo di cardiologia


Cardiopatie congenite: cosa fare quando i bambini diventano adulti? Esperienza in Liguria con la rete GUCH


Infarto, utilità del test della troponina e novità dal congresso europeo di cardiologia


Quando si è ipertesi? A che valori pressori bisogna puntare? Ce lo dicono le nuove linee guida europee


Qual è la giusta terapia per l'ipertensione arteriosa? Ce lo dicono le nuove linee guida europee


Come ridurre gli eventi trombotici nei pazienti oncologici? Le novità dal congresso europeo ESC


Fibrillazione atriale, presentati all'ESC i primi dati di ETNA-AF, registro globale su edoxaban


Come si fa a migliorare l'aderenza alla terapia anticoagulante? Anche il packaging conta


Aspirina in prevenzione primaria non riduce gli eventi cardiovascolari. Studio ARRIVE


Acido urico elevato aumenta il rischio cardiovascolare. Le nuove armi terapeutiche per ridurlo


Cosa fare dopo un infarto per rivascolarizzare il paziente? Ce lo dicono le nuove linee guida europee


ARTICOLI

Imatinib migliora la capacità di esercizio nell'ipertensione polmonari, ma ci sono effetti avversi

L'utilizzo di imatinib nei pazienti con ipertensione polmonare avanzata migliora la capacità di esercizio e i valori emodinamici, ma con una incidenza non trascurabile di eventi avversi seri e di interruzione della terapia. Questi dati derivano dallo[...]

Anomalie glicemiche post-ACS: sitagliptin migliora la funzione della beta-cellule

Sitagliptin, inibitore orale Dpp-IV, si è dimostrato in grado di migliorare la funzione beta-cellulare e le fluttuazioni glicemiche in pazienti con sindrome coronarica acuta (Acs), per esempio angina instabile/infarto miocardico, e alterazioni della [...]

Statine ad alto dosaggio ugualmente efficaci sulla riduzione degli ateromi in diabetici e non

Un trattamento con statine ad alto dosaggio ha portato a una riduzione simile degli ateromi in pazienti diabetici e non con una coronaropatia sintomatica in uno studio appena presentato a San Francisco in occasione dell'ultimo congresso dell'American[...]

Clortalidone e idroclorotiazide, altrettanto efficaci contro l'ipertensione, ma non ugualmente sicuri

Negli adulti anziani con ipertensione non complicata, clortalidone e idroclorotiazide hanno un'efficacia simile nel prevenire gli eventi avversi maggiori, ma idroclorotiazide appaare più sicura. A evidenziarlo è uno studio retrospettivo appena pubbli[...]

Possibile danno renale con le statine ad alto dosaggio

Nei pazienti che assumono statine ad alto dosaggio si ha un aumento significativo del rischio di danno renale acuto. Lo evidenzia uno studio osservazionale canadese, appena pubblicato sul British Medical Journal, in cui sono stati esaminati oltre 2 m[...]

Trimetazidina riduce la mortalità e gli eventi cardiovascolari nei pazienti con scompenso cardiaco

L'aggiunta di trimetazidina a una terapia medica ottimale nei pazienti affetti da scompenso cardiaco cronico porta a una riduzione della mortalità e degli eventi avversi cardiovascolari. Sono questi gli importanti dati recentemente pubblicati dall'In[...]

Riduzione degli eventi cardiovascolari con un rapido ottenimento del controllo pressorio

Una terapia antiipertensiva di combinazione con due farmaci come primo approccio è asociata ad una significativa riduzione del rischio di eventi cardiovascolari, l'ottenimento rapido di valori pressori ottimali era il fattore principale correlato all[...]

PPI cost-effective in pazienti trattati con ASA in prevenzione CV primaria e secondaria

I risultati di uno studio recentemente pubblicato ahead-of-print sulla rivista Cardiovascular and Drugs Therapy hanno mostrato come la somministrazione di PPI sia cost-effective nei pazienti che assumono ASA a basse dosi per la prevenzione primaria [...]

Prolungare aspirina e clopidogrel dopo impianto di stent non riduce decessi, infarti e ictus

Prolungare di molto la doppia terapia antiaggregante dopo il posizionamento di uno stent medicato non sembra migliorare gli outcome. Questo, almeno, è il risultato dello studio DES-LATE, un trial in aperto di autori coreani appena presentato al congr[...]

Statine, i medici Usa le prescrivono in modo inappropriato

Molti medici danno le statine a pazienti che in realtà hanno poche possibilità di beneficiare di questi ipocolesterolemizzanti. È ciò che accade quanto meno negli Stati Uniti, come rivelato da una recente indagine i cui risultati sono appena stati pu[...]

Anticoagulante più aspirina meglio di anticoagulante più doppio antiaggregante

Nei pazienti che assumono anticoagulanti orali (TAO) e vengono sottoposti ad una angioplastica coronarica (PCI), la somministrazione di solo clopidogrel in aggiunta all'anticoagulante (doppia terapia antitrombotica – DAT) permette di ottenere una sig[...]

Sospensione temporanea TAO: come per warfarin, bassi rischi anche per rivaroxaban

I pazienti affetti da fibrillazione atriale a moderato/alto rischio di ictus che sospendano momentaneamente o permanentemente una terapia anticogulante orale con rivaroxaban presentano il medesimo rischio di eventi clinici dei soggetti che sospendono[...]

Scompenso cardiaco, aliskiren più terapia standard non riduce mortalità e ricoveri

L'aggiunta di aliskiren alla terapia standard anti-scompenso cardiaco entro una settimana prima della dimissione da un ricovero per uno scompenso con frazione di eiezione ventricolare sinistra ridotta non ha fatto la differenza ai fini dei tassi di m[...]

Minor rischio di ulteriori eventi cv con vitamine più terapia chelante negli infartuati

L'assunzione di vitamine da sole non migliora gli outcome nei pazienti che hanno avuto un infarto, ma sembra fornire un beneficio se combinata con la terapia chelante. A suggerirlo è un'analisi dello studio TACT, appena presentata al congresso dell'A[...]

Ranolazina riduce l'angina nei pazienti diabetici con angina cronica stabile

L'anti-angina ranolazina si è dimostrata efficace nel prevenire il dolore toracico in pazienti con diabete di tipo 2 e angina cronica stabile già in terapia con farmaci antianginosi nello studio TERISA, un trial randomizzato, in doppio cieco e contro[...]

Scompenso cardiaco, sildenafil non migliora la capacità di esercizio

La somministrazione di sildenafil per 24 settimane a un gruppo di pazienti affetti da scompenso cardiaco con frazione di eiezione preservata non ha migliorato in modo significativo la capacità di esercizio e lo stato clinico rispetto al placebo in un[...]

Via libera alla prosecuzione dello studio IMPROVE-IT che valuta ezetimibe e simvastatina

Dopo aver effettuato un'analisi ad interim del trend di sicurezza ed efficacia dello studio, un comitato indipendente per la valutazione dei dati clinici dello studio IMPROVE-IT, ha dato il via libera alla continuazione del trial fino alla sua fine p[...]

Infarto STEMI, conferme sull'utilità della trombolisi precoce con tenecteplase

Nuovi dati presentati in occasione del 62° Congresso ed Expo annuale dell'American College of Cardiology dimostrano che nei pazienti colpiti da infarto miocardico acuto con sovraslivellamento del tratto ST (STEMI) che non possono essere sottoposti ad[...]

Darboetina alfa inutile nello scompenso cardiaco

Il trattamento dell’anemia di grado moderato con darbepoteina alfa nei pazienti con scompenso cardiaco non migliora gli outcome e, in più, comporta dei rischi. È questo il verdetto dello studio RED-HF, presentato durante i lavori dell’ultimo congress[...]

Spironolattone migliora la funzione diastolica

Il blocco del recettore dell'aldosterone nei pazienti con scompenso cardiaco e frazione di eiezione ventricolare sinistra conservata (HFPEF) permette un miglioramento della funzione diastolica del ventricolo sinistro, senza tuttavia che sia evidente [...]