Cardiologia

VIDEO

Malattie cardiovascolari, le donne sono più colpite?


Che cos'è la cardioncologia? Le donne sono più sensibili alla tossicità dei farmaci oncologici?


Le donne hanno un rischio più elevato di fibrillazione atriale e ictus?


Alimentazione nelle donne: consigli pratici per vivere più a lungo e in salute


Patologie aritmiche, esistono delle differenze di genere?


Ruolo delle Istituzioni dopo un evento cardiovascolare


Prevenzione secondaria cardiovascolare, partnership tra pubblico e aziende farmaceutiche


Prevenzione secondaria cardiovascolare, i farmaci che agiscono sull'ipercolesterolemia


Innovazione in cardiologia, come funzionano e a cosa servono i farmaci inibitori di PCSK9


Prevenzione cardiovascolare e ipertensione, quali le novità?


Scompenso cardiaco, cosa dicono le linee guida della Società Europea di Cardiologia


Il segreto per stare bene anche nella terza età? Vita sana e aderenza alle terapie


In attesa del congresso GISE: gli stent metallici riassorbibili sono il futuro?


Rivascolarizzazione coronarica: novità in tema di stent ultrasottili a rilascio di farmaco


Insufficienza mitralica: MitraClip efficace ma bisogna individuare i pazienti giusti


Salute del cuore, cosa fare per la prevenzione primaria e secondaria


Giornata mondiale del cuore: 3 promesse per stare in salute


Cosa fare per prevenire le patologie cardiovascolari a livello fetale


Quali sono i cibi che fanno bene al cuore?


Amiloidosi da transtiretina, tafamidis riduce mortalità cardiovascolare e ospedalizzazioni


Anticoagulanti orali: le 3 cose che il paziente deve sapere


Terapia anticoagulante orale nelle persone più anziane: le cose da tenere a mente


ARTICOLI

Forse più vicino l'antidoto di apixaban

La ricerca potrebbe essere più vicina all'aver trovato un modo per bloccare gli effetti del nuovo anticoagulante orale apixaban, stando ai dati presentati da un gruppo spagnolo in occasione di un webinar dell'Emerging Science Series dell'American Hea[...]

Statine non riducono le infezioni perioperatorie

Secondo un nuovo studio l’uso di statine non sembra essere correlato a una minore incidenza di infezioni perioperatorie o sepsi, contrariamente a quanto emerso da studi precedenti. I nuovi dati sono stati presentati in occasione del Congresso annuale[...]

Aspirina riduce l'insufficienza renale dopo chirurgia cardiaca

La terapia con aspirina somministrata per cinque giorni prima di un intervento chirurgico cardiaco riduce il rischio di sviluppare insufficienza renale acuta dopo l'operazione. E' quanto emerso da uno studio presentato in occasione del Congresso euro[...]

Possibile legame tra deficit di vitamina D e rischio di ictus

I nuovi dati dell'Honolulu Heart Program dimostrano che una dieta povera di vitamina D al basale è associata a un rischio più alto di ictus nei 34 anni successivi, indipendentemente da altri fattori. I dati sono stati pubblicati di recente online su [...]

FA, trattamento breve con flecainide meno efficace di quello a lungo termine, ma previene le recidive

Il trattamento antiaritmico a lungo termine è superiore al quello a breve termine, ma quest'ultimo è in grado di prevenire le recidive di fibrillazione atriale (FA), stando ai risultati di uno studio tedesco, lo studio Flec-SL, appena pubblicato onli[...]

Stenosi aortica, TAVI ancora poco utilizzata

Incontro a Milano per fare il punto sull'intervento di impianto per via transcatere della valvola aortica (TAVI). La procedura iniziata 10 anni fa sta trovando grande diffusione in tutto il mondo ma non nel nostro Paese. Nel 2010 in Italia sono stati[...]

Con dabigatran la terapia si interrompe per meno tempo in caso di intervento chirurgico

I risultati pubblicati da Circulation dimostrano che con dabigatran etexilato l'interruzione della terapia anticoagulante orale è più breve rispetto a warfarin in pazienti affetti da fibrillazione atriale che si devono sottoporre a un intervento chir[...]

Maggior rischio di ictus e infarto con i contraccettivi ormonali, ma i numeri assoluti sono bassi

I contraccettivi contenenti etinilestradiolo possono aumentare il rischio relativo di infarto miocardico e di ictus trombotico nelle donne, anche se il rischio assoluto di questi eventi rimane basso. A suggerirlo è uno studio danese di coorte pubblic[...]

Più stanchi e con meno energia sotto sforzo prendendo le statine

Le statine potrebbero avere un effetto sfavorevole sull'energia e sull'affaticamento sotto sforzo, soprattutto tra le donne. A suggerirlo sono i dati di uno studio controllato e randomizzato delle Università di San Diego e Irvine, in California, appe[...]

In Svezia primo trapianto di vena ricostruita con staminali autologhe

Un team di chirurghi svedesi dell'Università di Goteborg e dello Shalgrenska University Hospital sono riusciti a ricostruire la vena porta, quella che collega il fegato a milza e intestino, di una bambina di 10 anni con un grave problema vascolare, [...]

Insulina glargine, conferme di sicurezza dallo studio ORIGIN

Sono sostanzialmente rassicuranti i dati sull'insulina glargine presentati al congresso americano di diabetologia e pubblicati sul NEJM. I risultati del trial confermano che il farmaco non ha un impatto negativo a livello cardiovascolare e non aument[...]

Rischio emorragico dell'aspirina in prevenzione primaria, nella ‘real life' più del previsto

L'uso di aspirina in prevenzione primaria è risultato associato a un aumento del rischio di gravi emorragie gastrointestinali e cerebrali in un ampio studio di popolazione tutto italiano appena pubblicato su JAMA. Da notare che questo aumento dei san[...]

Stroke, la terapia trombolitica con r-tPA dimostra un beneficio per i pazienti

L'ictus ischemico colpisce ogni anno in Italia da 150 a 200mila persone. La prognosi dell'ictus ischemico è migliorata negli ultimi anni grazie ai progressi dell' assistenza, ma tuttora un terzo dei pazienti non sopravvive per più di 6 mesi e un terz[...]

Infarto NSTEMI, la reattività piastrinica condiziona la risposta alla bivalirudina

I pazienti con infarto NSTEMI che hanno una reattività piastrinica elevata durante il trattamento clopidogrel e vengono trattati con bivalirudina prima di un’angioplastica hanno outcome significativamente peggiori rispetto a quelli con bassa reattiv[...]

Cinacalcet non raggiunge l'end point CV nei dializzati

Venerdì scorso Amgen ha reso noti i dati di uno studio di fase III nel quale il farmaco cinacalcet non ha raggiunto l'end point primario di riduzione della mortalità e degli eventi cardiovascolari non fatali in pazienti in dialisi per malattia renale[...]

ACE inibitori e sartani a dosaggio ottimizzato dopo CRT

L'utilizzo di un dosaggio ottimale degli ACE inibitori e/o di bloccanti del recettore dell'angiotensina (ARB) è un predittore prognostico indipendente nei pazienti con scompenso cardiaco trattati con terapia di resincronizzazione cardiaca (CardiacRes[...]

Nuove conferme per gli stent bioassorbibili

Gli stent polimero bioassorbibile e a rilascio di farmaco riducono il rischio di trombosi intrastent a 4 anni nei pazienti sottoposti ad angioplastica coronarica primaria. Sono questi i risultati di un'analisi recentemente pubblicata sull'European He[...]

Infezioni dei dispositivi cardiovascolari impiantabili: raccomandata la profilassi

Le infezioni dei pacemaker e dei defibrillatori automatici impiantabili, noti anche come dispositivi elettronici cardiovascolari impiantabili (CIED), rappresentano una patologia grave con elevata mortalità se non trattata adeguatamente. Secondo uno s[...]

Iperlipidemia, L-carintina più simvastatina riducono la lipoproteina (a)

Nei pazienti con iperlipidemia mista la combinazione di L-carnitina e simvastatina è associata a una riduzione significativa della lipoproteina (a), rispetto alla sola simvastatina. E' quanto emerso da uno studio presentato all'80° Congresso della So[...]

Primi dati positivi per CSL-112, nuova formulazione ricostituita dell'apoA1

Una nuova formulazione di apolipoproteina A1 (apoA1) umana ricostituita, nota con la sigla CSL-112 e sviluppata CSL Laboratories, è in grado di aumentare notevolmente l'efflusso di colesterolo dai macrofagi del siero, stando agli studi sul prodotto p[...]