Cardiologia

VIDEO

Curare il diabete e le sue conseguenze cardiovascolari: come gestire tanti farmaci?


Se si assumono meno farmaci rispetto a quanto prescritto, il Servizio sanitario risparmia?


Come ritornare alla propria vita dopo un infarto? Stile di vita e riabilitazione cardiovascolare


Lotta al colesterolo “cattivo”: come migliorare l'aderenza al trattamento?


Malattie cardiovascolari e aderenza alla terapia: tre consigli per il medico di famiglia


Malattie cardiovascolari: come migliorare l'aderenza ai farmaci. I consigli di un esperto


Prevenire l'osteoporosi ma pensare anche al cuore. Al via campagna informativa europea


Prevenire le malattie cardiache ma pensare anche alle ossa. Al via la campagna #ProtectUrLife


La campagna di informazione #ProtectUrLife su prevenzione di osteoporosi e malattie cardiache


Prevenzione delle malattie cardiovascolari e dell’osteoporosi. L’impegno di Senior Italia


Malattie cardiovascolari, le donne sono più colpite?


Che cos'è la cardioncologia? Le donne sono più sensibili alla tossicità dei farmaci oncologici?


Le donne hanno un rischio più elevato di fibrillazione atriale e ictus?


Alimentazione nelle donne: consigli pratici per vivere più a lungo e in salute


Patologie aritmiche, esistono delle differenze di genere?


Ruolo delle Istituzioni dopo un evento cardiovascolare


Prevenzione secondaria cardiovascolare, partnership tra pubblico e aziende farmaceutiche


Prevenzione secondaria cardiovascolare, i farmaci che agiscono sull'ipercolesterolemia


Innovazione in cardiologia, come funzionano e a cosa servono i farmaci inibitori di PCSK9


Prevenzione cardiovascolare e ipertensione, quali le novità?


Scompenso cardiaco, cosa dicono le linee guida della Società Europea di Cardiologia


Il segreto per stare bene anche nella terza età? Vita sana e aderenza alle terapie


ARTICOLI

Prevenzione del TEV, dabigatran non aumenta la SCA rispetto a enoxaparina

La rivista Thrombosis Research ha pubblicato di recente le conclusioni dell' analisi dei dati dei quattro studi di fase III che – in base a un confronto fra dabigatran etexilato ed enoxaparina - confermano il buon profilo di sicurezza di dabigatran e[...]

L'associazione di clopidogrel e statine aumenta gli eventi avversi cv dopo impianto di stent?

Esistono dati conflittuali sulla potenziale interazione tra le statine e l'inibitore dell'aggregazione piastrinica clopidogrel. Uno studio recente pubblicato sul Br J Clin Pharmacol ha voluto esaminare se l'uso concomitante di clopidogrel e statine m[...]

Statine, stessa efficacia negli uomini e nelle donne?

Secondo i risultati di una nuova meta-analisi pubblicata il 25 giugno sugli Archives of Internal Medicine, sia gli uomini che le donne beneficiano del trattamento con statine per la prevenzione secondaria degli eventi cardiovascolari. Alcuni risultat[...]

Indagine Usa sulle statine: il dialogo medico paziente aumenta l'aderenza alla terapia

Nel mese di novembre del 2011 è stata condotta un'indagine denominata USAGE (Understanding Statin use in America and Gaps in Education) effettuata in Usa attraverso la rete internet attraverso un questionario autosomministrato. Finanziata da Kowa Pha[...]

Relaxina, migliora le capacità cognitive e funzionali dopo lo stroke

Le persone sopravvissute a uno stroke presentano outcome funzionali e cognitivi migliori se trattate con relaxina, un ormone prodotto durante la gravidanza, somministrata in aggiunta alla riabilitazione. Lo dimostra uno studio presentato in occasione[...]

tPA sicuro dopo lo stroke nei pazienti in terapia con warfarin

I pazienti con stroke ischemico in terapia con warfarin non presentano un rischio superiore di sviluppare un'emorragia intracranica sintomatica dopo il trattamento con l'inibitore tissutale del plasminogeno (tPA), rispetto ai soggetti non in terapia [...]

Dabigatran, al via studio vs warfarin in pazienti con valvola cardiaca meccanica

‬L'American Heart Journal ha pubblicato il disegno dello studio RE-ALIGN, il primo studio clinico che si propone di valutare l'utilizzo di un nuovo anticoagulante orale alternativo a warfarin per i pazienti portatori di valvole cardiache meccan[...]

Vorapaxar riduce ischemia acuta agli arti e rivascolarizzazioni periferiche nella PAD

Nuovi dati sul sottogruppo di pazienti con arteriopatia periferica (PAD) partecipanti allo studio TRA 2°P TIMI 50 suggeriscono che l'antiaggregante piastrinico vorapaxar riduce l'incidenza di outcome vascolari come l'ischemia acuta a livello degli ar[...]

Forse più vicino l'antidoto di apixaban

La ricerca potrebbe essere più vicina all'aver trovato un modo per bloccare gli effetti del nuovo anticoagulante orale apixaban, stando ai dati presentati da un gruppo spagnolo in occasione di un webinar dell'Emerging Science Series dell'American Hea[...]

Statine non riducono le infezioni perioperatorie

Secondo un nuovo studio l’uso di statine non sembra essere correlato a una minore incidenza di infezioni perioperatorie o sepsi, contrariamente a quanto emerso da studi precedenti. I nuovi dati sono stati presentati in occasione del Congresso annuale[...]

Aspirina riduce l'insufficienza renale dopo chirurgia cardiaca

La terapia con aspirina somministrata per cinque giorni prima di un intervento chirurgico cardiaco riduce il rischio di sviluppare insufficienza renale acuta dopo l'operazione. E' quanto emerso da uno studio presentato in occasione del Congresso euro[...]

Possibile legame tra deficit di vitamina D e rischio di ictus

I nuovi dati dell'Honolulu Heart Program dimostrano che una dieta povera di vitamina D al basale è associata a un rischio più alto di ictus nei 34 anni successivi, indipendentemente da altri fattori. I dati sono stati pubblicati di recente online su [...]

FA, trattamento breve con flecainide meno efficace di quello a lungo termine, ma previene le recidive

Il trattamento antiaritmico a lungo termine è superiore al quello a breve termine, ma quest'ultimo è in grado di prevenire le recidive di fibrillazione atriale (FA), stando ai risultati di uno studio tedesco, lo studio Flec-SL, appena pubblicato onli[...]

Stenosi aortica, TAVI ancora poco utilizzata

Incontro a Milano per fare il punto sull'intervento di impianto per via transcatere della valvola aortica (TAVI). La procedura iniziata 10 anni fa sta trovando grande diffusione in tutto il mondo ma non nel nostro Paese. Nel 2010 in Italia sono stati[...]

Con dabigatran la terapia si interrompe per meno tempo in caso di intervento chirurgico

I risultati pubblicati da Circulation dimostrano che con dabigatran etexilato l'interruzione della terapia anticoagulante orale è più breve rispetto a warfarin in pazienti affetti da fibrillazione atriale che si devono sottoporre a un intervento chir[...]

Maggior rischio di ictus e infarto con i contraccettivi ormonali, ma i numeri assoluti sono bassi

I contraccettivi contenenti etinilestradiolo possono aumentare il rischio relativo di infarto miocardico e di ictus trombotico nelle donne, anche se il rischio assoluto di questi eventi rimane basso. A suggerirlo è uno studio danese di coorte pubblic[...]

Più stanchi e con meno energia sotto sforzo prendendo le statine

Le statine potrebbero avere un effetto sfavorevole sull'energia e sull'affaticamento sotto sforzo, soprattutto tra le donne. A suggerirlo sono i dati di uno studio controllato e randomizzato delle Università di San Diego e Irvine, in California, appe[...]

In Svezia primo trapianto di vena ricostruita con staminali autologhe

Un team di chirurghi svedesi dell'Università di Goteborg e dello Shalgrenska University Hospital sono riusciti a ricostruire la vena porta, quella che collega il fegato a milza e intestino, di una bambina di 10 anni con un grave problema vascolare, [...]

Insulina glargine, conferme di sicurezza dallo studio ORIGIN

Sono sostanzialmente rassicuranti i dati sull'insulina glargine presentati al congresso americano di diabetologia e pubblicati sul NEJM. I risultati del trial confermano che il farmaco non ha un impatto negativo a livello cardiovascolare e non aument[...]

Rischio emorragico dell'aspirina in prevenzione primaria, nella ‘real life' più del previsto

L'uso di aspirina in prevenzione primaria è risultato associato a un aumento del rischio di gravi emorragie gastrointestinali e cerebrali in un ampio studio di popolazione tutto italiano appena pubblicato su JAMA. Da notare che questo aumento dei san[...]