Cardiologia

VIDEO

I love Life: una campagna informativa per sensibilizzare sullo scompenso cardiaco


Scompenso cardiaco: definizione, sintomi, consigli su stile di vita


Scompenso cardiaco: sacubitril/valsartan disponibile da circa un anno. Qual è il bilancio?


Tromboembolismo venoso e cancro, ruolo dei nuovi anticoagulanti orali


Nuovi farmaci anticoagulanti orali, ruolo del farmacista


I pazienti cardiologici oggi, caratteristiche e come è cambiata la loro gestione


Fibrillazione atriale e malattie tromboemboliche, qual è l'impatto economico e sociale?


Malattie tromboemboliche, vantaggi e impatto economico dei nuovi anticoagulanti orali


Gestione della fibrillazione atriale, cosa è cambiato con l'arrivo dei nuovi farmaci anticoagulanti orali?


Fibrillazione atriale e nuovi anticoagulanti orali, il ruolo del medico di medicina generale


Malattie croniche, il punto di vista delle istituzioni


Scompenso cardiaco, la riscoperta del canrenone come antialdosteronico


Morte cardiaca improvvisa: da cosa è determinata e cosa si può fare?


Tre novità nella terapia anti colesterolo


Aterosclerosi occulta: cosa è, perchè va cercata e in quali persone


Gestione clinica e organizzativa delle malattie tromboemboliche: 27 marzo convegno a Milano


Ruolo dei nutraceutici nella prevenzione cardiovascolare


Rischio residuo cardiovascolare nel diabete, cosa si può fare con i nutraceutici?


Trattamento dell’ipercolesterolemia: farmaci o nutraceutici?


Nutraceutici e malattie cardiache: ruolo dei concentrati di mela Annurca


Ipertensione giovanile, da cosa dipende e come agire


Prevenzione secondaria cardiovascolare, le ultime novità


ARTICOLI

A rischio obesità bimbi nati da madri con aumento pressorio in gravidanza

I disordini ipertensivi nelle donne in gravidanza, indipendentemente dalla statura corporea prima della fase gestazionale, sono fattori di rischio per l'obesità infantile della prole. Queste le conclusioni di uno studio di coorte prospettico pubblica[...]

La “Prevenzione Cardiovascolare sCorre in Italia”

Prevenire le patologie cardiovascolari attraverso il movimento e uno stile di vita sano nel nostro Paese si può e almeno in 86 modi diversi, tra cui 41 ritenuti in linea con i rigorosi criteri dell’iniziativa “La Prevenzione Cardiovascolare sCorre in[...]

Rivaroxaban, alt a studio vs aspirina in prevenzione secondaria di stroke

Delusione in casa Bayer. Lo studio di fase III NAVIGATE ESUS che confrontava rivaroxaban e aspirina a basso dosaggio in pazienti con un recente ictus embolico di origine indeterminata è stato interrotto prematuramente dopo che un'analisi intermedia h[...]

Dronedarone, l’antiaritmico rivela anche proprietà antiaggreganti e anticoagulanti

In base ai risultati di una ricerca pubblicata online su “Atherosclerosis”, dronedarone esercita effetti anticoagulanti e antiaggreganti sul sangue umano in vitro indipendenti dalle sue azioni antiaritmiche. Ciò, secondo gli autori, suggerisce che la[...]

Scompenso cardiaco, per il beneficio da inibitori SGLT2 proposta una nuova spiegazione

Una ‘special communication' apparsa su “JAMA Cardiology” si sofferma sull'uso degli inibitori degli inibitori del cotrasportatore 2 sodio-glucosio (SGLT2), recente classe di ipoglicemizzanti orali che agiscono riducendo il riassorbimento tubulare di [...]

Evolocumab nell'ipercolesterolemia familiare, conferme long-term di efficacia e sicurezza

L'uso continuo di evolocumab aggiunto alla terapia standard (SOC, standard of care) nei pazienti con ipercolesterolemia familiare eterozigote (HeFH) produce riduzioni persistenti e marcate di colesterolemia-LDL (LDL-C) nel corso di 48 settimane di fo[...]

Il trattamento dell'infarto influenzato dalla storia di cancro

Il trattamento dei pazienti affetti da infarto cardiaco dipende dalla loro storia di cancro, secondo la ricerca pubblicata su European Heart Journal: Acute Cardiovascular Care. Lo studio condotto su più di 35mila pazienti affetti da infarto ha rivela[...]

Scompenso, dopamina a basse dosi nell'HFpEF: pollice verso

La dopamina a bassa dose a volte viene utilizzata nell'insufficienza cardiaca (HF) acuta scompensata (ADHF), nonostante non vi sia un grande supporto per tale impiego dai trial clinici. Ora però c'è una base di prove più ampia contraria alla sua somm[...]

Post-infarto, beta-bloccanti non necessari se vi è adesione ad ACE-i/ARB e statine

I beta-bloccanti non sono necessari dopo un attacco di cuore se i sopravvissuti all'insulto coronarico acuto assumono ACE-inibitori e statine, secondo un nuovo studio pubblicato sul “Journal of the American College of Cardiology”. Si tratta della pri[...]

Cuore: le società europee di cardiologia e cardiochirurgia estendono le indicazioni per la TAVI ai pazienti a rischio intermedio

Discusse, in occasione di PCR - London Valves 2017, l’annuale conferenza europea di cardiologia interventistica dedicata alle malattie delle valvole cardiache, le nuove linee guida europee ESC/EACTS (European Society of Cardiology/European Associatio[...]

Mezz'ora al giorno di attività fisica riduce di un quinto rischio di morte e malattie cardiovascolari. Studio su The Lancet

L'attività fisica, sia ricreativa che non, è associata a un minor rischio di mortalità e di eventi cardiovascolari in individui provenienti da Paesi a basso, medio e alto reddito. Lo sostengono gli autori di un ampio studio pubblicato su The Lancet c[...]

1977-2017: l'ESC celebra i 40 anni dell'angioplastica coronarica

Il 16 settembre 1977 Andreas Grüntzig eseguì la prima procedura di angioplastica coronarica nell'uomo. Quasi 40 anni dopo, il Congresso della Società Europea di Cardiologia celebra l'intervento coronarico percutaneo (PCI) e i decenni di innovazione c[...]

Nuovo aggiornamento ESC delle indicazioni sulla DAPT, focus sull’approccio personalizzato

Pubblicato sullo European Heart Journal e sul sito web della European Society of Cardiology (ESC), in concomitanza con il congresso annuale della società scientifica, il primo aggiornamento sulla doppia terapia antiaggregante (Dual Antiplatelet Thera[...]

Studio RACE 3; terapia “upstream” per la fibrillazione atriale basata sui fattori di rischio migliora il mantenimento del ritmo sinusale

Nei pazienti con fibrillazione atriale (FA) e scompenso cardiaco in stadio iniziale, un trattamento “upstream” articolato per il controllo del ritmo cardiaco basato sulla gestione dei principali fattori di rischio cardiovascolare e composto da cambia[...]

Studio PATHWAY-2 e ipertensione resistente, scoperto il colpevole: la ritenzione idrosalina

La ritenzione idrosalina è la principale colpevole dell'ipertensione resistente ai farmaci (RHTN) e i diuretici più vecchi si sono rivelati il trattamento più efficace per questo problema. È quanto emerge dai nuovi risultati dello studio PATHWAY-2 e [...]

Aggiunta di farmaci anti-aldosterone può aumentare la sopravvivenza nei pazienti con STEMI

Alcuni pazienti colpiti da infarto miocardico, quelli con sopraslivellamento del tratto ST (STEMI), hanno significativamente più chance di sopravvivere se vengono trattati precocemente con farmaci anti-aldosterone, oltre alla terapia standard. A rive[...]

ESC 2017: sicuro e accurato l’algoritmo rapido 0-1 ora per escludere/confermare uno NSTEMI

L'algoritmo 0-1 ora messo a punto dalla European Society of Cardiology (ESC) per confermare o escludere un infarto miocardico senza sopraslivellamento del tratto ST (NSTEMI) in pazienti che arrivano al pronto soccorso (PS) riferendo un dolore toracic[...]

Qual è il target ottimale di sistolica? Dall’ESC, nuove analisi post-hoc dello studio SPRINT scaldano il dibattito

Qual è il target ideale di pressione arteriosa sistolica da raggiungere con la terapia antipertensiva? Il dibattito su questo tema è più che mai caldo. Ad alimentarlo ha contribuito in modo sostanziale lo studio SPRINT (Systolic Blood Pressure Interv[...]

Studio IMPACT-AF: educazione di medici e pazienti aumenta l’impiego degli anticoagulanti nei pazienti con fibrillazione atriale

L'impiego di un programma educazionale integrato rivolto sia ai medici sia ai pazienti con fibrillazione atriale (FA) ha portato a un aumento assoluto del 9% in un anno della percentuale di pazienti trattati con terapie anticoagulanti per la prevenzi[...]

Studio PRECISION-ABPM: ibuprofene alza la pressione nei pazienti con artrosi o artrite reumatoide, celecoxib no

Alleviare il dolore è un obiettivo chiave del trattamento dei pazienti affetti da artrosi o artrite reumatoide e gli analgesici scelti dal medico in prima battuta a questo scopo sono spesso i farmaci antiinfiammatori non steroidei (FANS). Tuttavia, s[...]