Cardiologia

VIDEO

Ruolo delle Istituzioni dopo un evento cardiovascolare


Prevenzione secondaria cardiovascolare, partnership tra pubblico e aziende farmaceutiche


Prevenzione secondaria cardiovascolare, i farmaci che agiscono sull'ipercolesterolemia


Innovazione in cardiologia, come funzionano e a cosa servono i farmaci inibitori di PCSK9


Prevenzione cardiovascolare e ipertensione, quali le novità?


Scompenso cardiaco, cosa dicono le linee guida della Società Europea di Cardiologia


Il segreto per stare bene anche nella terza età? Vita sana e aderenza alle terapie


In attesa del congresso GISE: gli stent metallici riassorbibili sono il futuro?


Rivascolarizzazione coronarica: novità in tema di stent ultrasottili a rilascio di farmaco


Insufficienza mitralica: MitraClip efficace ma bisogna individuare i pazienti giusti


Salute del cuore, cosa fare per la prevenzione primaria e secondaria


Giornata mondiale del cuore: 3 promesse per stare in salute


Cosa fare per prevenire le patologie cardiovascolari a livello fetale


Quali sono i cibi che fanno bene al cuore?


Amiloidosi da transtiretina, tafamidis riduce mortalità cardiovascolare e ospedalizzazioni


Anticoagulanti orali: le 3 cose che il paziente deve sapere


Terapia anticoagulante orale nelle persone più anziane: le cose da tenere a mente


Terapia antiaggregante dopo l'infarto: finisce pari il confronto fra ticagrelor e DAPT


Aspirina e Omega-3 in prevenzione cardiovascolare primaria nei diabetici. Studio ASCEND


Dopo l'infarto del miocardio, preferire bypass o angioplastica?


Può servire una terapia anticoagulante orale dopo ospedalizzazione per un evento acuto? Studio MARINER


Troppo colesterolo buono (HDL) fa male al cuore. Studio americano


ARTICOLI

Cinaciguat, male la fase II nello scompenso acuto

Cinaciguat, un attivatore della guanilato ciclasi solubile, oggetto di indagine come potenziale trattamento per l’insufficienza cardiaca acuta scompensata ha deluso le aspettative della fase II.

L'Ema raccomanda restrizioni alle indicazioni di dronedarone

Il Comitato di esperti per i farmaci ad uso umano dell'Ema ha raccomandato la restrizione delle indicazioni dell'antiaritmico dronedarone. Gli esperti dell'agenzia europea chiedono che il farmaco venga prescritto solo per il mantenimento della freque[...]

Fibrillazione atriale, mortalità giù con le statine

Tra i pazienti con fibrillazione atriale, quelli in terapia con statine potrebbero avere minori probabilità di decesso durante il follow-up rispetto a quelli non trattati con statine. Lo si evince da uno studio retrospettivo presentato da poco a Bost[...]

Iponatriemia, conivaptan ben tollerato anche nei pazienti con insufficienza epatica

L'antagonista del recettore della vasopressina conivaptan è risultato ben tollerato anche dai pazienti con insufficienza epatica live o moderata. E' il risultato di uno studio presentato in occasione dell'ACCP, il congresso dell'American College of C[...]

Reattività piastrinica post-PCI correlata agli eventi avversi cv

La reattività piastrinica a clopidogrel è correlata con l'incidenza di eventi nei pazienti che hanno subito un'angioplastica e il raggiungimento di una reattività al di sotto delle 208 unità di reattività piastrinica durante il trattamento si associa[...]

Statine e rischio di emorragia intracranica: non c'è legame

Statine e rischio di emorragia intracranica: un legame ampiamente dibattuto, sul quale gli studi fatti finora hanno dato risultati contrastanti e non ci sono ancora certezze definitive. Un nuova tessera – rassicurante – in questo puzzle ancora da com[...]

Outcome peggiori impiantando un VAD in attesa del trapianto cardiaco

L'esame dei dati del registro nazionale spagnolo sui trapianti di cuore sembra dimostrare che nei pazienti con scompenso grave, ma stabile, i rischi insiti nell'impianto di un dispositivo di assistenza ventricolare (VAD) come soluzione ponte, in atte[...]

Scompenso, ivabradina riduce frequenza cardiaca e migliora qualità della vita

Nuovi risultati dello studio SHIFT (Systolic Heart Failure Treatment with the If Inhibitor Ivabradine Trial), mostrano un'associazione diretta tra la riduzione della frequenza cardiaca dovuta al trattamento con ivabradina e il miglioramento della qua[...]

IMA, variazione assoluta della troponina nella prima ora utile per la diagnosi

Un algoritmo semplice potrebbe aiutare i medici a fare una diagnosi differenziale dell'infarto miocardico acuto (IMA) nei soggetti che si presentano in pronto soccorso con un dolore toracico acuto. A svilupparlo è stato un gruppo di ricercatori svizz[...]

Staminali per prevenire lo scompenso post-infarto, al via studio europeo

L'azienda australiana Mesoblast è stata autorizzata dall'Ema ad avviare uno studio di fase II sul suo trattamento sperimentale Revascor, basato su un trapianto di cellule staminali, per prevenire lo scompenso cardiaco dopo un infarto importante. Jona[...]

Ablazione della fibrillazione atriale, dati della vita reale dal registro ESC

I risultati dello studio Atrial Fibrillation Ablation Pilot Study (AFib) mostrano che il 40% dei pazienti che devono essere sottoposti ad ablazione chirurgica per la fibrillazione atriale non presenta patologie associate all'aritmia e i fattori preci[...]

FA: anticoagulanti poco prescritti nella vita reale

Più della metà dei pazienti inclusi in un ampio registro internazionale sul trattamento della fibrillazione atriale sono candidabili alla terapia anticoagulante, ma i medici la propongono solo a un terzo circa di essi. Il dato, poco confortante, arri[...]

Rosuvastatina verso atorvastatina, primi dati dello studio SATURN

È finito sostanzialmente pari e non certo con una vittoria netta, il primo confronto diretto fra rosuvastatina e atorvastatina entrambe ad alte dosi, confrontate in uno studio head-to-head per misurarne l'efficacia nel ridurre la progressione dell'a[...]

Pericardite, colchicina dimezza le recidive, studio italiano

L'aggiunta di colchicina alla terapia anti-infiammatoria standard per la pericardite riduce di oltre il 50% l'incidenza delle recidive della patologia e i sintomi persistenti, rispetto al placebo. E' il risultato dello studio CORP, un trial tutto ita[...]

Possibile antidoto ai nuovi anticoagulanti

Un nuovo farmaco sperimentale, la cui sigla è PRT064445, potrebbe essere l’antidoto ai nuovi farmaci anticoagulanti inibitori del fattore Xa della coagulazione. Il farmaco, per ora sperimentato solamente nei ratti da laboratorio, ha infatti dimostrat[...]

PPI non riducono l'effetto di clopidogrel

Nei pazienti in trattamento con clopidogrel, l'uso concomitante degli inibitori di pompa protonica non sembra diminuire l'effetto dell'anticoagulante nel ridurre il rischio di eventi coronarici quali l'infarto miocardico e la morte coronarica. E il r[...]

Darexaban, aumenta i sanguinamenti nella sindrome coronarica acuta

Uno studio di fase II mostra che il nuovo inibitore del fattore Xa della coagulazione, darexaban, aumenta di circa 2-4 volte l'incidenza di sanguinamenti quando aggiunto alla terapia antiaggregante standard in pazienti con sindrome coronarica acuta. [...]

Fibrillazione atriale, ACE-inibitori e ARB meglio se combinati

Nei pazienti ipertesi con storia di fibrillazione atriale, la combinazione di ACE-inibitori e ARB (bloccanti del recettore dell'angiotensina II) può ridurre l'incidenza dei nuovi episodi di aritmia cardiaca, rispetto ai singoli farmaci somministrati [...]

Warfarin sicuro anche nei "very elderly"

I risultati di uno studio italiano presentato in occasione del Congresso della European Society of Cardiology che si è appena concluso a Parigi, mostrano un tasso ridotto di sanguinamenti anche nei pazienti molto anziani (> 80 anni) trattati con warf[...]

Edoxaban, un nuovo anticoagulante all'orizzonte

Tra i nuovi anticoagulanti in dirittura d'arrivo, c'è l'inibitore diretto e specifico del Fattore Xa, edoxaban, approvato in Giappone lo scorso 22 aprile per la prevenzione del tromboembolismo venoso dopo chirurgia ortopedica ed entrato ufficialmente[...]