Cardiologia

VIDEO

Scompenso cardiaco, nuova terapia con dapagliflozin, efficace in persone con e senza diabete


San Giovanni Bosco di Torino uno dei centri leader in Italia per chiusura percutanea dell’auricola


Prevenire l’ictus con chiusura percutanea dell’auricola. Esperienza del San Giovanni Bosco di Torino


I nuovi anticoagulanti orali sono cost effective?


Sindrome coronarica acuta e fibrillazione atriale: come va gestita la terapia anticoagulante orale?


Come gestire le interazioni tra farmaci nei pazienti che assumono gli anticoagulanti orali


Tromboembolismo venoso nel paziente oncologico: quali sono le precauzioni da adottare?


Nuovi anticoagulanti orali nella pratica clinica: a Porretta Terme un meeting per fare il punto


Cosa fare dopo in ictus per quanto concerne la terapia anticoagulante orale?


Embolie polmonari incidentali: ruolo terapeutico degli anticoagulanti orali


Le interazioni farmacologiche nel paziente in Nao: un problema emergente


I miglioramenti post-operatori dei pazienti operati con cardiochirurgia robotica


L'evoluzione della cardiochirurgia mininvasiva all'Humanitas Gavazzeni


I vantaggi della cardiochirurgia robotica rispetto ad altre tecniche mininvasive


Il cuore batte nel web, la prevenzione delle patologie cardiovascolari inizia in rete


Patologie cardiovascolari: un italiano su due non sa che sono la prima causa di morte


7 cose da sapere sulle nuove linee guida sulle dislipidemie


Diabete, prediabete e malattie cardiovascolari: le novità delle linee guida europee


Cosa fare quando il colesterolo è elevato ma i farmaci ancora non servono?


Cosa ne sanno gli italiani del colesterolo?


Lotta al colesterolo elevato, da Mylan un impegno che dura da 15 anni


I nutraceutici sono utili nella lotta al colesterolo elevato?


ARTICOLI

Esercizio fisico e dieta per ridurre i trigliceridi

Secondo gli esperti dell'American Hearth Association (AHA), una dieta corretta e un'attività fisica regolare sono l'approccio migliore per ridurre gli alti livelli di trigliceridi.

FA, ablazione meglio dei farmaci per ridurre rischio ictus

I pazienti con fibrillazione atriale trattati con ablazione transcatetere mediante radiofrequenza sembrano avere un rischio a 3 anni di ictus e attacco ischemico transitorio significativamente più basso rispetto a quelli trattati con i farmaci antiar[...]

Statine riducono danno renale dopo intervento chirurgico nell’anziano

I pazienti anziani sottoposti a chirurgia elettiva maggiore mostrano una minore incidenza di insufficienza renale e una più bassa mortalità se trattati con statine. E’ quanto emerso da uno studio pubblicato sul Journal of the American Society of Neph[...]

Omega-3 riducono livelli elevati di trigliceridi

La società farmaceutica americana Amarin Corporation ha annunciato i risultati dello studio di fase III ANCHOR, condotto sul farmaco AMR101 in pazienti con livelli alti di trigliceridi.

FA, nella vita reale scarsa aderenza ai farmaci

Dall'American College of Cardiology giunge un allarme sulla scarsa compliance dei pazienti ai farmaci impiegati per trattare la fibrillazione atriale nella vita reale, al di fuori del setting controllato degli studi clinici.

FA, warfarin a volte usato in maniera inappropriatata

Secondo uno studio presentato in occasione del meeting dell'American College of Cardiology, dal 6,72% al 14,2% dei pazienti con fibrillazione atriale (FA) a basso rischio di ictus vengono trattati con warfarin quando invece dovrebbero ricevere la sol[...]

Ipercolesterolemia omozigote, nuova molecola per le forme rare

I risultati sono notevoli: dimezzato il colesterolo LDL dopo poche compresse, con riduzione – in alcuni casi - del 70-80%. Una rivoluzione nella vita di persone colpite da forme finora incurabili di ipercolesterolemia omozigote. La lomitapide è un f[...]

ARB, smentito di nuovo il rischio oncologico

I bloccanti dei recettori dell'angiotensina (ARB) non aumentano il rischio di cancro rispetto agli altri ipertensivi. E' questa la conclusione di due nuovi lavori, un ampio studio osservazionale di coorte e una metanalisi, pubblicati quasi in contemp[...]

Dabigatran, parere positivo nella prevenzione dell'ictus in pazienti con FA

L'anticoagulante orale dabigatran etexilato, un farmaco sviluppato da Boehringer Ingelheim, ha ricevuto il parere positivo da parte del comitato dei medicinali dell'EMA per la prevenzione dell'ictus e dell'embolia sistemica in pazienti adulti con f[...]

Antiaggreganti short term non aumentano gli eventi CV dopo lo stent

Accorciare la terapia antiaggregante a 6 mesi al posto dei classici 12 è ugualmente protettivo contro il fallimento della rivascolarizzazione del vaso target (TVF: morte cardiaca, infarto del miocardio, rivascolarizzazione del vaso bersaglio) che può[...]

Sicurezza CV di insulino-secretagoghi e metformina

Uno studio appena pubblicato sullo European Heart Journal suggerisce che alcuni dei più comuni farmaci contro il diabete di tipo 2, definiti insulino-secretagoghi (IS), rispetto a metformina potrebbero essere meno efficaci nel prevenire gli eventi ca[...]

Statine rallentano perdita funzione renale correlata all'età

In pazienti ipertesi a rischio di sviluppare complicanze cardiovascolari, l'aggiunta di atorvastatina al trattamento antipertensivo aiuta a rallentare, e a volte a invertire, la riduzione della funzionalità renale correlata all'età. E' quanto emerso [...]

Trattamento antipertensivo aggressivo sicuro anche nell'anziano nefropatico

Secondo uno studio presentato in occasione del Congresso mondiale di Nefrologia, la terapia antipertensiva per la riduzione del rischio cardiovascolare in pazienti con malattia renale cronica (MRC), è sicura ed efficace anche nell'anziano così come n[...]

Promette bene nuovo sistema anticoagulante a due componenti

Sono promettenti i risultati ottenuti con REG1, un nuovo sistema anticoagulante a due componenti, in uno studio di fase II, lo studio RADAR, presentato al congresso dell'American College of Cardiology.

Delcasertib delude nel danno da riperfusione dopo IMA

Risultato deludente per lo studio di fase IIb PROTECTION-AMI, nel quale delcasertib, un inibitore selettivo della delta protein kinasi C (delta-PKC), non si è dimostrato in grado di prevenire il danno da riperfusione dopo infarto miocardico. Nello st[...]

Fibrillazione atriale, poca compliance nella vita reale

Dall'American College of Cardiology giunge un allarme sulla scarsa compliance dei pazienti ai farmaci impiegati per trattare la fibrillazione atriale nella vita reale, al di fuori del setting controllato degli studi clinici. Durante il congresso ACC,[...]

Ranolazina meglio di amiodarone per la FA dopo by-pass

Ranolazina pare essere superiore a amiodarone nelle prevenzione della fibrillazione atriale dopo un intervento di by-pass, stando ai risultati di uno studio retrospettivo presentato qualche giorno fa a New Orleans, in occasione del congresso dell'Ame[...]

Metabolismo di clopidogrel e variazioni genotipiche

Le informazioni genetiche sul metabolismo del clopidogrel potrebbero fornire informazioni utili per decidere quale strategia terapeutica seguire nei pazienti già sottoposti ai test di funzionalità piastrinica. A metterlo in evidenza è lo studio GIFT [...]

Rivaroxaban, all'ACC presentato lo studio MAGELLAN

Nei pazienti acuti, l'assunzione del nuovo anticoagulante orale rivaroxaban una volta al giorno per 35 giorni sì associa a una riduzione del rischio di tromboembolismo venoso (Tev) rispetto al trattamento standard, cioè la somministrazione di enoxapa[...]

Dronedarone efficace anche nella fibrillazione atriale “Lone”

La terapia con dronedarone in pazienti con Fibrillazione Atriale “Lone” (FAL) riduce il rischio di ospedalizzazione a un anno. È questo il risultato principale di una recente revisione dei dati dei trial principali su questo farmaco pubblicata sul Jo[...]