Cardiologia

VIDEO

Ipertensione giovanile, da cosa dipende e come agire


Prevenzione secondaria cardiovascolare, le ultime novità


Interventistica strutturale, le novità a livello cardiovascolare


Malattie cardiovascolari nella donna, sottovalutate e sottotrattate


Stent a rilascio di farmaco, pubblicato su Lancet studio di fase III su Orsiro


Caratteristiche e vantaggi del primo scaffold bioriassorbibile in magnesio


Diabete e malattie cardiovascolari: un binomio inscindibile?


Effetti clinici ed economici della cardiopatia diabetica


Ci sono dei farmaci antidiabetici che fanno bene al cuore?


Ipercolesterolemia familiare: nuovo test genetico predice la malattia, quando si svilupperà e con quale gravità


Ipercolesterolemia, l'ipotesi HDL è ancora valida?


Ipercolesterolemia, fino a quanto è possibile abbassare le LDL?


Diabete tipo 2 e rischio cardiovascolare: focus su nutrizione e attività fisica


Prevenzione cardiovascolare e salute partecipata


La prevenzione cardiovascolare sCorre in Italia


Importanza dell'attività fisica nella prevenzione cardiovascolare


Malattie croniche cardiovascolari, i bisogni dal punto di vista di pazienti e familiari


Medicina generale, importanza di mettere il paziente al centro del processo di cure


Aderenza alle terapie e spesa per il SSN, come si conciliano?


Malattie croniche cardiovascolare e comorbidità, come gestirle conciliando l'aderenza alla terapia?


Aderenza del paziente alle terapie in ambito cardiovascolare, cosa ci dicono i dati real life?


Ottimizzazioni delle cure per il paziente cardiovascolare, i progetti delle Regioni


ARTICOLI

Rilanciato il ruolo protettivo degli Omega 3 nel post-infarto da uno studio italiano “real world”

L'impiego di acidi grassi polinsaturi n-3 (n-3 PUFA o Omega 3) risulta associato in modo indipendente a una consistente riduzione della mortalità e di recidive di infarto miocardico acuto (IMA).

I beta-bloccanti, sia vasodilatatori che non, sono meno antipertensivi: meta-analisi italiana

I beta-bloccanti non vasodilatatori (NVBB), ma non quelli ad azione vasodilatatrice (VBB) determinano una riduzione inferiore della pressione arteriosa sistolica centrale (cSBP) rispetto a quella periferica (pSBP).

La società italiana di cardiologia lancia l'allarme: migliaia di cardiopatici a rischio perché non riconosciuti dal sistema sanitario

Sono oltre un milione le persone che in Italia soffrono di una malattia delle valvole cardiache, condizione che nella maggior parte dei casi necessita di terapia cardiochi-rurgica o interventistica.