Cardiologia

VIDEO

Amiloidosi da transtiretina, tafamidis riduce mortalità cardiovascolare e ospedalizzazioni


Anticoagulanti orali: le 3 cose che il paziente deve sapere


Terapia anticoagulante orale nelle persone più anziane: le cose da tenere a mente


Terapia antiaggregante dopo l'infarto: finisce pari il confronto fra ticagrelor e DAPT


Aspirina e Omega-3 in prevenzione cardiovascolare primaria nei diabetici. Studio ASCEND


Dopo l'infarto del miocardio, preferire bypass o angioplastica?


Può servire una terapia anticoagulante orale dopo ospedalizzazione per un evento acuto? Studio MARINER


Troppo colesterolo buono (HDL) fa male al cuore. Studio americano


Cosa è esattamente un infarto cardiaco?


Quali sono i sintomi dell'infarto cardiaco?


Quali sono le novità nella cura dell’ipertensione polmonare?


Come si tratta la sincope. Novità dal congresso europeo di cardiologia


Cardiopatie congenite: cosa fare quando i bambini diventano adulti? Esperienza in Liguria con la rete GUCH


Infarto, utilità del test della troponina e novità dal congresso europeo di cardiologia


Quando si è ipertesi? A che valori pressori bisogna puntare? Ce lo dicono le nuove linee guida europee


Qual è la giusta terapia per l'ipertensione arteriosa? Ce lo dicono le nuove linee guida europee


Come ridurre gli eventi trombotici nei pazienti oncologici? Le novità dal congresso europeo ESC


Fibrillazione atriale, presentati all'ESC i primi dati di ETNA-AF, registro globale su edoxaban


Come si fa a migliorare l'aderenza alla terapia anticoagulante? Anche il packaging conta


Aspirina in prevenzione primaria non riduce gli eventi cardiovascolari. Studio ARRIVE


Acido urico elevato aumenta il rischio cardiovascolare. Le nuove armi terapeutiche per ridurlo


Cosa fare dopo un infarto per rivascolarizzare il paziente? Ce lo dicono le nuove linee guida europee


ARTICOLI

Sospensione di ticagrelor in vista di un by-pass: sicura se più di 24 ore prima dell’intervento

Il pretrattamento dei pazienti avviati a bypass coronarico (CABG) con ticagrelor è sicuro se la somministrazione dell’antitrombotico viene interrotta più di 24 ore prima dell'intervento chirurgico. È quanto emerge da una recente ricerca pubblicata on[...]

Ipercolesterolemia-LDL, da Harvard un confronto tra statine e altri interventi ipolipemizzanti

In uno studio pubblicato su JAMA, un gruppo di studiosi coordinati da Marc S. Sabatine, del Brigham and Women Hospital e Harvard Medical School di Boston, ha valutato l'associazione tra la riduzione del colesterolo legato alle lipoproteine a bassa de[...]

Anche i TIA, non solo l’ictus, sono associati alla fibrillazione atriale. Anticoagulazione da rivedere

La fibrillazione atriale (AF) ha un’elevata prevalenza non soltanto nei pazienti colpiti da ictus ischemico (IS) ma anche da attacco ischemico transitorio, in proporzione rapidamente crescente con l’età. Questo dato comporta che l’AF sia consistentem[...]

Tromboembolismo venoso acuto, edoxaban bene anche a dosaggio ridotto per pazienti fragili

Il dosaggio di 30 mg di edoxaban in monosomministrazione giornaliera nella prevenzione di recidive di TEV in quei pazienti che necessitano di una dose ridotta a causa delle loro condizioni cliniche, è altrettanto efficace e ben tollerato della dose [...]

Cardiologia, obiettivo riduzione mortalità del 25% entro il 2025. E’ realistico?

L’Italia si attesta al 20esimo posto a livello mondiale per lo stato di salute dei cittadini, secondo lo Studio “Global Burden of Disease” di recente pubblicato su The Lancet (The Lancet 2015; 386: 743-800): tra le principali problematiche di salute [...]

Gestione dell'ipertensione arteriosa polmonare in Italia. Risultati di una survey

Nell'ambito del Congresso della Società Europea di Cardiologia (ESC) che si è tenuto a Roma dal 27 al 31 Agosto 2016, il Prof. Vizza ha presentato i risultati di una survey italiana sull'ipertensione arteriosa polmonare (IAP) in Italia, che aveva lo [...]

Dati Real World confermano sicurezza ed efficacia di rivaroxaban

Nuovi dati derivati dal mondo reale (Real World Evidence, RWE) presentati a Roma al congresso della Società euroepa di cardiologia documentano la sicurezza e l'efficacia dell'inibitore diretto del fattore Xa rivaroxaban.

All’ESC nuove analisi confermano efficacia e sicurezza dell’anti-colesterolo evolocumab

Sul versante della riduzione del colesterolo, una conferma arriva da Roma, dal congresso della European Society of Cardiology (ESC), dove sono stati presentati nuovi dati che ribadiscono efficacia e sicurezza dell’anticorpo monoclonale anti-PCSK9 evo[...]

Sacubritil/valsartan in prima battuta nello scompenso cardiaco?

Sacubitril/valsartan, capostipite della nuova classe farmacologica denominata Arni (Angiotensin receptor-neprilysin inhibitor) entra nell'armamentario terapeutico raccomandato dalle linee guida dell'ESC sulla gestione dell'insufficienza cardiaca acut[...]

Omega-3 promossi dalle linee guida Esc 2016 sullo scompenso cardiaco

L'impiego di acidi grassi polinsaturi (PUFA) della serie n-3 (noti anche come omega-3) in aggiunta alla terapia standard è in grado di ridurre il numero di ospedalizzazioni e la mortalità nei pazienti affetti da scompenso cardiaco con frazione di eie[...]

Scompenso cardiaco, digossina aumenta le riospedalizzazioni e non riduce la mortalità

La digossina è un vecchissimo farmaco digitalico, ma ancora oggi, dopo più di 200 anni dalla sua prima descrizione, i medici stanno ancora cercando di capire come utilizzarla nei pazienti con insufficienza cardiaca. Una nuova analisi retrospettiva ap[...]

Evolocumab più statina riduce la placca aterosclerotica. Risultati preliminari dello studio GLAGOV

Amgen ha annunciato che lo studio di Fase III GLAGOV (GLobal Assessment of Plaque ReGression with a PCSK9 AntibOdy as Measured by IntraVascular Ultrasound), volto a valutare gli effetti di evolocumab sulla malattia coronarica, ha raggiunto l’endpoint[...]

Nuovi dati supportano utilizzo nuovi anticoagulanti orali anche nei pazienti con un INR stabile con warfarin

I risultati di uno studio di registro prospettico mostrano che solo un terzo dei pazienti in terapia con warfarin e con un valore di INR stabile rimane stabile nel tempo.

Fibrillazione atriale, apixaban efficace e sicuro anche in caso di riduzione della funzione renale

Pubblicata su JAMA Cardiology, una sottoanalisi dello studio ARISTOTLE fornisce rassicurazione per i pazienti con fibrillazione atriale (AF) e disfunzione renale, ma fa anche sorgere qualche quesito su come agli anticoagulanti orali diretti (NAOC) de[...]

ROCKET-AF nella bufera. Sotto accusa l'impiego di un dispositivo di monitoraggio INR difettoso

In uno stesso numero del New England Journal of Medicine sono state pubblicate una lettera all'editore – in cui si sostiene che la validità del trial ROCKET AF potrebbe essere diminuita a causa di domande senza risposta che riguardano il dispositivo [...]

Fibrillazione atriale, rischio di ictus più alto per i pazienti diabetici trattati con insulina

Presentati al Congresso ESC (Società Europea di Cardiologia) in corso a Roma, i nuovi dati di una sotto analisi del Registro PREFER in AF (PREvention oF thromboembolic events—European Registry in Atrial Fibrillation), il registro pazienti europeo di [...]

Fibrillazione atriale, conferme per edoxaban anche nei pazienti sottoposti a cardioversione

Edoxaban in monosomministrazione giornaliera, è efficace e sicuro anche per i pazienti affetti da fibrillazione atriale non valvolare (FANV) sottoposti a cardioversione elettrica, la procedura che utilizza scariche elettriche a bassa intensità per r[...]

Defibrillatori impiantabili per lo scompenso non ischemico: dall'ESC uno studio mina molte certezze

Uno studio appena presentato al congresso europeo di cardiologia in corso a Roma ha messo in crisi le certezze delle linee guida europee ed americane sulle indicazioni all'impianto di defibrillatori (ICD) in prevenzione primaria nei pazienti affetti[...]

Fibrillazione atriale, rischio di ictus più alto per i pazienti diabetici trattati con insulina

Presentati al Congresso ESC (Società Europea di Cardiologia) in corso a Roma, i nuovi dati di una sotto analisi del Registro PREFER in AF, il registro pazienti europeo supportato da un educational grant di Daiichi Sankyo, che analizza i gruppi di paz[...]

Sliding doors: riammissioni ospedaliere nei cardiopatici peggiorano sopravvivenza e mortalità

L'insufficienza cardiaca (HF) è una della maggiori cause di morbilità e mortalità nel mondo e in gran Bretagna può essere considerato un problema di salute pubblica crescente ed emergente con pazienti che vanno incontro a ricoveri ospedalieri ripetut[...]