Cardiologia

VIDEO

Colesterolo alto, due anni di disponibilità dei farmaci anti PCSK9: che bilancio possiamo fare?


Riparazione transcatetere della valvola mitrale: due studi fanno chiarezza sull'uso della MitraClip


Infarto del miocardio: il rischio aumenta sensibilmente dopo l'influenza


Che ruolo ha l’infiammazione nell’insorgenza della malattia cardiaca?


L’aspirina può essere utile per la prevenzione cardiovascolare primaria?


Ma i grassi saturi fanno veramente male al cuore?


Scompenso cardiaco, al via campagna informativa per riconoscerlo e curarlo bene


Quali sono le novità nella cura dello scompenso cardiaco?


Curare il diabete e le sue conseguenze cardiovascolari: come gestire tanti farmaci?


Se si assumono meno farmaci rispetto a quanto prescritto, il Servizio sanitario risparmia?


Come ritornare alla propria vita dopo un infarto? Stile di vita e riabilitazione cardiovascolare


Lotta al colesterolo “cattivo”: come migliorare l'aderenza al trattamento?


Malattie cardiovascolari e aderenza alla terapia: tre consigli per il medico di famiglia


Malattie cardiovascolari: come migliorare l'aderenza ai farmaci. I consigli di un esperto


Prevenire l'osteoporosi ma pensare anche al cuore. Al via campagna informativa europea


Prevenire le malattie cardiache ma pensare anche alle ossa. Al via la campagna #ProtectUrLife


La campagna di informazione #ProtectUrLife su prevenzione di osteoporosi e malattie cardiache


Prevenzione delle malattie cardiovascolari e dell’osteoporosi. L’impegno di Senior Italia


Malattie cardiovascolari, le donne sono più colpite?


Che cos'è la cardioncologia? Le donne sono più sensibili alla tossicità dei farmaci oncologici?


Le donne hanno un rischio più elevato di fibrillazione atriale e ictus?


Alimentazione nelle donne: consigli pratici per vivere più a lungo e in salute


ARTICOLI

Con la polipillola prevenzione cardiovascolare efficace in pazienti sia a basso che ad alto rischio

Uno studio australiano – apparso online sull’European Journal of Preventive Cardiology - dimostra che l'effetto di una ‘polipillola’ cardiovascolare (CV) sui livelli di fattore di rischio CV viene influenzato dal livello di questi fattori in condizio[...]

Uso inadeguato delle statine in Europa: dalla survey EUROASPIRE IV le cause e i possibili rimedi

Nel vecchio continente sono ancora troppi i pazienti con malattia coronarica (CHD) dislipidemici inadeguatamente trattati e la maggior parte di questi soggetti, in terapia con statine, non stanno raggiungendo gli obiettivi di trattamento. Lo rivelano[...]

Vorapaxar add-on a terapia standard post-rivascolarizzazione coronarica, metanalisi conflittuale

Dopo una procedura di rivascolarizzazione coronarica, l’aggiunta di vorapaxar alla terapia medica standard risulta associata a riduzione del rischio di infarto miocardico (IM) e di ictus ischemico ma a un aumento del rischio di ictus emorragico e san[...]

Omega-3: preferire alimenti, integratori o farmaci? Ognuno ha un ruolo ma funzioni diverse

Gli omega-3 sono presenti in alcuni alimenti o possono essere assunti come integratori alimentari o come farmaci e questo porta alla necessità di chiarire il ruolo di queste sostanze nelle diverse forme per consentire scelte consapevoli nella prevenz[...]

Perindopril in associazione ai betabloccanti migliora l'outcome della coronaropatia stabile

L'associazione di perindopril alla terapia standard nella coronaropatia stabile (SCAD) è risultata essere sicura e ha portato ad una riduzione degli eventi avversi cardiovascolari (MACE) e della mortalità rispetto alla terapia standard con betablocca[...]

Edoxaban supera warfarin per costo/efficacia come anni di vita guadagnati corretti per la qualità

Edoxaban, anticoagulante orale diretto del fattore Xa, nonostante il costo più elevato in confronto al warfarin, rappresenta rispetto a quest'ultimo un'alternativa economicamente interessante nella prevenzione dell'ictus e dell'embolia sistemica (SE)[...]

Ecco i 3 bias della sovrastima selvaggia della denervazione renale: decisivo il doppio cieco

Gli studi sulla denervazione renale (RDN) per la cura dell’ipertensione intrattabile avevano evidenziato in vari trial in aperto una caduta della pressione arteriosa di 20-30 mmHg, convincendo quasi universalmente gli esperti di ipertensione e i card[...]

Si ricorda ai prescrittori di anticoagulanti orali diretti di considerare la variabilità interindividuale

Uno studio condotto in quattro Centri Trombosi italiani – pubblicato su Thrombosis Research – conferma un significativo grado di variabilità inter-individuale degli anticoagulanti orali diretti (DOAC) che non può trovare spiegazione con il tasso di c[...]

Nell’ipertensione da obesità l’effetto di ACE-inibitore+Ca-antagonista dipende da quest’ultimo

Nel trattamento farmacologico dell’ipertensione correlata all’obesità (OHT) – e delle alterazioni neurometaboliche correlate a tale condizione - la raccomandata combinazione di un ACE-inibitore e un Ca-antagonista può avere efficacia differente a sec[...]

Valvola aortica bicuspide, l’uso di statine preoperatorio riduce il rischio di sviluppo di aneurisma

Nei pazienti con malattia della valvola aortica bicuspide (BAV) l'impiego di statine prima di un intervento chirurgico aortico risulta associato a una minore probabilità di dilatazione dell’aorta ascendente clinicamente significativa.

Rilanciato il ruolo protettivo degli Omega 3 nel post-infarto da uno studio italiano “real world”

L'impiego di acidi grassi polinsaturi n-3 (n-3 PUFA o Omega 3) risulta associato in modo indipendente a una consistente riduzione della mortalità e di recidive di infarto miocardico acuto (IMA).

Candidati alle statine in prevenzione primaria, criteri ACC/AHA superiori ad approcci alternativi

La selezione dei candidati a un trattamento con statine in prevenzione primaria con approccio basato sul rischio secondo i criteri delle linee guida 2013 dell’American College of Cardiology/American Heart Association (ACC/AHA) risulta più affidabile [...]

Pazienti con stent, sospesa la tienopiridina migliori outcome con cilostazolo add-on ad aspirina

Nei pazienti sottoposti a impianto di stent coronarico, al termine della doppia terapia antipiastrinica (DAPT) con acido acetilsalicilico (ASA) e una tienopiridina, l'aggiunta di cilostazol alla terapia con ASA risulta associata, a 2 anni, a tassi in[...]

Ivabradina migliora la qualità di vita nei pazienti con angina

Un'analisi dello studio SIGNIFY pubblicata su Circulation: Cardiovascular Quality and Outcomes, i pazienti assegnati a ricevere ivabradina hanno mostrato una riduzione del numero di episodi di angina e una migliore stabilità dell'angina a un anno, ri[...]

Ipertensione, è utile scendere a livelli di sistolica inferiori a 130 mmHg in pazienti a rischio elevato?

Una metanalisi pubblicata recentemente sulla rivista Lancet, ha dimostrato che la riduzione del target pressorio sistolico a valori inferiori a 130 mmHg (anziché a 140 mmHg, come raccomandato dalle Linee Guida attuali), perseguita mediante trattament[...]

Maggiore è la durata della terapia con statine, maggiore è la regressione della placca. Prova RM

Uno studio - effettuato mediante risonanza magnetica (RM) e i cui risultati sono stati pubblicati online su Atherosclerosis - suggeriscono per la prima volta in vivo una relazione tra la durata della terapia con statine e la regressione della neovasc[...]

Non usare prazoli con clopidogrel dopo sindrome coronarica acuta: warning FDA/EMA disatteso

Nel 2010 la Food and Drug Administration (FDA) e l'Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) hanno emesso un avvertimento per scoraggiare la somministrazione concomitante di clopidogrel e inibitori di pompa protonica (PPI), in particolare omeprazolo ed [...]

La morte improvvisa si può prevenire con la prevenzione primaria. Conferma da uno studio di 15 anni

Negli ultimi anni si è osservato un notevole calo dell'incidenza di malattia coronarica (CHD), determinato soprattutto dalla riduzione della morte improvvisa extraospedaliera e dei ricoveri per infarto miocardico (IM) con sovraslivellamento del tratt[...]

I beta-bloccanti, sia vasodilatatori che non, sono meno antipertensivi: meta-analisi italiana

I beta-bloccanti non vasodilatatori (NVBB), ma non quelli ad azione vasodilatatrice (VBB) determinano una riduzione inferiore della pressione arteriosa sistolica centrale (cSBP) rispetto a quella periferica (pSBP).

Si vive 10 anni in più grazie alla prevenzione e cura delle malattie cardiovascolari, al via il 76° congresso Sic

È uno degli appuntamenti di cardiologia più importanti dell'anno. Quattro giorni di lavori congressuali per oltre 2mila partecipanti, una cinquantina di simposi, corsi di aggiornamento, centinaia di relazioni e letture magistrali fanno del 76° Congre[...]