Cardiologia

VIDEO

Malattie cardiovascolari, le donne sono più colpite?


Che cos'è la cardioncologia? Le donne sono più sensibili alla tossicità dei farmaci oncologici?


Le donne hanno un rischio più elevato di fibrillazione atriale e ictus?


Alimentazione nelle donne: consigli pratici per vivere più a lungo e in salute


Patologie aritmiche, esistono delle differenze di genere?


Ruolo delle Istituzioni dopo un evento cardiovascolare


Prevenzione secondaria cardiovascolare, partnership tra pubblico e aziende farmaceutiche


Prevenzione secondaria cardiovascolare, i farmaci che agiscono sull'ipercolesterolemia


Innovazione in cardiologia, come funzionano e a cosa servono i farmaci inibitori di PCSK9


Prevenzione cardiovascolare e ipertensione, quali le novità?


Scompenso cardiaco, cosa dicono le linee guida della Società Europea di Cardiologia


Il segreto per stare bene anche nella terza età? Vita sana e aderenza alle terapie


In attesa del congresso GISE: gli stent metallici riassorbibili sono il futuro?


Rivascolarizzazione coronarica: novità in tema di stent ultrasottili a rilascio di farmaco


Insufficienza mitralica: MitraClip efficace ma bisogna individuare i pazienti giusti


Salute del cuore, cosa fare per la prevenzione primaria e secondaria


Giornata mondiale del cuore: 3 promesse per stare in salute


Cosa fare per prevenire le patologie cardiovascolari a livello fetale


Quali sono i cibi che fanno bene al cuore?


Amiloidosi da transtiretina, tafamidis riduce mortalità cardiovascolare e ospedalizzazioni


Anticoagulanti orali: le 3 cose che il paziente deve sapere


Terapia anticoagulante orale nelle persone più anziane: le cose da tenere a mente


ARTICOLI

Settimana nazionale dell'ipercolesterolemia familiare: consulti gratuiti in 38 centri specializzati

Da giovedì 24 settembre a martedì 29 settembre si svolgerà in Italia la Settimana dell'Ipercolesterolemia Familiare, promossa da SISA, Società Italiana per lo Studio dell'Aterosclerosi. Nella giornata inaugurale, il 24 settembre, si celebra in tutta [...]

Embolia polmonare fatale, il rischio raddoppia con più di 5 ore di TV al giorno

Riflettori puntati sui telespettatori. Secondo una nuova ricerca del Dipartimento di Medicina Sociale dell'Università di Osaka in Giappone, la visione prolungata (5 o più ore) della televisione comporterebbe un raddoppio del rischio di embolia polmon[...]

Riposino pomeridiano, ecco come tenere a bada la pressione arteriosa

Battaglia vinta per gli amanti del siesta pomeridiana. Il riposino post pranzo, infatti, abbassa i livelli di pressione sanguigna e, con molta probabilità, consente di diminuire l'assunzione di farmaci anti-ipertensivi nei soggetti ipertesi. Questo è[...]

Curare la fibrillazione atriale nel mondo reale con edoxaban, al via in Europa i registri ETNA

I dati clinici provenienti dalla vita reale, cioè dalla normale pratica prescrittiva del medico, sono sempre più importanti. Una conferma in tal senso ci viene dall'avvio dei nuovi registi ETNA (Edoxaban Treatment in routiNe clinical prActice), i du[...]

Guarda le oltre 100 foto fatte al congresso dell'‪ESC‬ di Londra

Oltre 100 foto fatte al congresso dell'‪#ESC‬ di Londra che si è appena concluso. Guardale, magari c'è qualcuno che conosci.

Ipercolesterolemia familiare eterozigote, dall'ESC nuove conferme per l'anti PCSK9 alirocumab

Una pooled analysis condotta su pazienti con ipercolesterolemia familiare eterozigote (HeFH) inclusi nel programma di studi clinici ODYSSEY ha dimostrato che alirocumab consente di ottenere significative riduzioni del cosiddetto colesterolo LDL (Low[...]

Ipercolesterolemia, evolocumab efficace a lungo termine in tutti i sottogruppi di pazienti, inclusi gli intolleranti alle statine

Nuove analisi dei dati di evolocumab presentate al Congresso della Società Europea di Cardiologia (ESC) in corso in questi giorni a Londra confermano l'efficacia a lungo termine del prodotto nei vari sottogruppi di pazienti studiati nei trial registr[...]

Antidoti ai nuovi anticoagulanti, con idarucizumab interventi chirurgici d'emergenza in pazienti in terapia con dabigatran

I risultati di una interim analysis dello studio di Fase III RE-VERSE AD dimostrano che la somministrazione di 5g di idarucizumab ha consentito di iniziare rapidamente un intervento chirurgico d'emergenza in situazioni urgenti che coinvolgano pazient[...]

Scompenso cardiaco, presentata all'Esc ricerca reality-based su pazienti italiani

Sono anziani e in lieve maggioranza donne in condizioni di salute precarie. Si tratta di persone in terapia con trattamenti non sempre ottimali e destinati in un caso su due a ripetuti ricoveri, che peraltro nella metà dei casi non sono di natura car[...]

Studio ALBATROSS, MRA benefici nell'IMA solo con HF. Da verificare ridotta mortalità in STEMI

L'aggiunta alla terapia standard di antagonisti dei recettori per i mineralcorticoidi (MRA) non offre benefici nei pazienti colpiti da attacco cardiaco senza scompenso cardiaco. È uno dei risultati più rilevanti emersi dallo studio ALBATROSS, present[...]

Attenti al caffè negli ipertesi, aumenta rischio di eventi cardiovascolari

La notizia non farà piacere alle persone ipertese che amano il caffè. Una ricerca italiana presentata al congresso europeo di cardiologia (ESC), in corso a Londra, evidenzia, infatti, che il consumo di questa bevanda è associato a un aumento del risc[...]

Trial CIRCUS, risultati deludenti: la ciclosporina pre-PCI nello STEMI non migliora outcome clinici

Nei pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo (PCI) per le forme più gravi di attacco cardiaco, come un infarto miocardico con sovraslivellamento ST (STEMI), la precedente somministrazione di ciclosporina non migliora gli outcomes clinic[...]

LCZ696 riduce le morti improvvise e per scompenso terminale rispetto a enalapril

È stato recentemente pubblicato sull'importante rivista European Heart Journal uno studio che ha mostrato come LCZ696 riduca il tasso di morti improvvise e di morti per peggioramento dello scompenso in pazienti con scompenso cardiaco cronico (scc) ri[...]

Apixaban peri-ablazione di FA sicuro ed efficace

La prosecuzione della terapia con Apixaban nel periodo periprocedurale in pazienti sottoposti ad ablazione trans catetere di fibrillazione atriale (FA) ha mostrato di essere fattibile ed efficace nel prevenire eventi tromboemblici sia clinici che sil[...]

Antiaggregante o anticoagulante nei pazienti con PFO e ictus criptogenico?

Nei pazienti con pervietà del forame ovale (PFO) e che hanno avuto un ictus criptogenico non si osservano differenze signficative in termini di outcome e ricorrenze con l’utilizzo di terapia antiaggregante o anticoagulante.

NOAC sicuri in pazienti con AF avviati a cardioversione. Conferma da ampia meta-analisi USA

Gli anticoagulanti orali non antagonisti della vitamina K (NOAC) sono efficaci e sicuri nei pazienti con fibrillazione atriale (AF) sottoposti a cardioversione. È questo l'esito di una meta-analisi pubblicata online sull'American Journal of Cardiovas[...]

DAPT, la variabilità della risposta piastrinica a clopidogrel è associata a disfunzione endoteliale

Nei pazienti che - dopo intervento coronarico percutaneo (PCI) - ricevono una doppia terapia antipiastrinica (DAPT), la disfuzione endoteliale è associata a variabilità della risposta a clopidogrel.

Dalla Corea del Sud le prove della pari efficacia degli ARB rispetto agli ACEI nel post-PCI per IMA

In un ampio spettro di pazienti con infarto miocardico acuto (IMA) trattati farmacologicamente o con intervento coronarico percutaneo (PCI), il rischio a breve termine di morte cardiaca o infarto miocardico (IM) è risultato simile tra pazienti tratta[...]

HF, minori mortalità intraospedaliera e riammissioni con nesiritide rispetto a dobutamina

Una meta-analisi effettuata da ricercatori cinesi – pubblicata online sull'American Journal of Therapeutics – dimostra che, nei pazienti con scompenso cardiaco (HF), la terapia con nesiritide è associata a tassi inferiori di mortalità intraospedalier[...]

Statine nell'ACS, nuove tessere al mosaico degli effetti pleiotropici sulla placca aterosclerotica

Uno studio cinese – pubblicato su Coronary Artery Disease – ha dimostrato che un'elevata dose di rosuvastatina è in grado di modulare il processo infiammatorio dell'aterosclerosi attraverso la sottoregolazione dell'espressione degli inflammosomi NLRP[...]