Cardiologia

VIDEO

I love Life: una campagna informativa per sensibilizzare sullo scompenso cardiaco


Scompenso cardiaco: definizione, sintomi, consigli su stile di vita


Scompenso cardiaco: sacubitril/valsartan disponibile da circa un anno. Qual è il bilancio?


Tromboembolismo venoso e cancro, ruolo dei nuovi anticoagulanti orali


Nuovi farmaci anticoagulanti orali, ruolo del farmacista


I pazienti cardiologici oggi, caratteristiche e come è cambiata la loro gestione


Fibrillazione atriale e malattie tromboemboliche, qual è l'impatto economico e sociale?


Malattie tromboemboliche, vantaggi e impatto economico dei nuovi anticoagulanti orali


Gestione della fibrillazione atriale, cosa è cambiato con l'arrivo dei nuovi farmaci anticoagulanti orali?


Fibrillazione atriale e nuovi anticoagulanti orali, il ruolo del medico di medicina generale


Malattie croniche, il punto di vista delle istituzioni


Scompenso cardiaco, la riscoperta del canrenone come antialdosteronico


Morte cardiaca improvvisa: da cosa è determinata e cosa si può fare?


Tre novità nella terapia anti colesterolo


Aterosclerosi occulta: cosa è, perchè va cercata e in quali persone


Gestione clinica e organizzativa delle malattie tromboemboliche: 27 marzo convegno a Milano


Ruolo dei nutraceutici nella prevenzione cardiovascolare


Rischio residuo cardiovascolare nel diabete, cosa si può fare con i nutraceutici?


Trattamento dell’ipercolesterolemia: farmaci o nutraceutici?


Nutraceutici e malattie cardiache: ruolo dei concentrati di mela Annurca


Ipertensione giovanile, da cosa dipende e come agire


Prevenzione secondaria cardiovascolare, le ultime novità


ARTICOLI

Assumere l’ASA al momento di coricarsi invece che al risveglio ottimizza la prevenzione CVD

L'assunzione di basse dosi di acido acetilsalicilico (ASA) al momento di coricarsi confrontata con l’assunzione effettuata al risveglio non determina una riduzione della pressione arteriosa nei pazienti con CVD, in compenso determina una minore reatt[...]

Più cautela nell’uso della digossina nei pazienti con AF. Lo rivela un’analisi post hoc del ROCKET-AF

In un’analisi retrospettiva post-hoc basata sul trial ROCKET AF – pubblicata online su Lancet – il trattamento con digossina in pazienti con fibrillazione atriale (AF) è risultato associato a un aumento significativo della mortalità per tutte le caus[...]

Dieta mediterranea protegge dalle malattie cardiovascolari

La dieta mediterranea aiuta a preservare la salute del nostro cuore riducendo del 47% il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari. E' quanto emerge da una ricerca della Harokopio University di Atene presentata al prossimo congresso dell'America[...]

Un 20% di pazienti non è responsivo alle statine: monitoraggio più stretto per chi inizia la terapia

Una quota consistente di pazienti affetti da malattia coronarica non riesce a ottenere un'effettiva riduzione dei livelli di colesterolo delle lipoproteine a bassa densità (LDL-C), nonostante venga loro prescritta una terapia con statine. In questi p[...]

Scaffold vascolare bioriassorbibile, outcome positivi a 30 giorni nella realtà di 2 centri australiani

Con l'uso dell'Absorb BVS (scaffold vascolare bioriassorbibile), stent coronarico di nuova generazione a eluizione di farmaco progettato per fornire alle coronarie un supporto meccanico di natura temporanea, seguito da angioplastica a palloncino e su[...]

Antidepressivi aiutano a preservare la salute cardiovascolare nelle persone depresse

Un nuovo studio mostra che trattare la depressione moderata-severa con farmaci antidepressivi potrebbe avere un vantaggio aggiuntivo, ovvero la riduzione del rischio cardiovascolare. Lo studio sarà presentato al prossimo congresso dell'American Colle[...]

Apixaban peri-ablazione di FA sicuro ed efficace

La prosecuzione della terapia con apixaban nel periodo periprocedurale in pazienti sottoposti ad ablazione trans catetere di fibrillazione atriale (FA) ha mostrato di essere fattibile ed efficace nel prevenire eventi tromboemblici sia clinici che sil[...]

Infarto del miocardio, per le donne ritardi nel soccorso e nell'arrivo in ospedale

Secondo uno studio che verrà presentato all'American College of Cardiology di San Diego, le donne che presentano un attacco cardiaco aspettano troppo tempo prima di chiamare i soccorsi e ricevere così un trattamento adeguato. Questo atteggiamento le [...]

Maggiore rischio di sanguinamenti prescrivendo FANS a pazienti infartuati in terapia antitrombotica

Tra i pazienti sottoposti a terapia antitrombotica dopo infarto del miocardio (IM) l'uso di antinfiammatori non steroidei (FANS) risulta associato a un aumento del rischio di sanguinamento e a un eccesso di eventi trombotici, anche dopo un trattament[...]

Prediabete, meglio camminare che prendere farmaci

“Sul fronte dello stile di vita e dell'attività fisica continuativa i nuovi dati dello studio NAVIGATOR – commenta il Dr. Luigi Temporelli – Divisione di Cardiologia Riabilitativa della Fondazione Salvatore Maugeri, IRCCS, Istituto Scientifico – hann[...]

Ipertensione nei giovani, al via lo studio I-GAME

“Un messaggio importante che emerge dagli studi più recenti – commenta Francesco Prati - è rivolto alle mamme che gestiscono la salute dei propri figli. Attenzione all’alimentazione e al movimento. L’ipertensione cresce nei giovani di tutto il mondo[...]

Cardiologia, la metodica OCT può prevenire il rischio di eventi cardiovascolari

Offre un “piatto ricco” di innovazione e stimoli la XXII° edizione del Congresso “Conoscere e Curare il Cuore”, anche quest’anno organizzato dal Centro Lotta contro l’Infarto – Fondazione Onlus a Firenze dal 6 all’8 marzo.

FA, nuove linee guida aumentano i pazienti eleggibili agli anticoagulante orale

Un aggiornamento delle linee guida sulla gestione dei pazienti con fibrillazione atriale, che ha incluso il passaggio dal punteggio CHADS2 al CHA2DS2-VASc per la valutazione del rischio di ictus, ha comportato un aumento del numero di pazienti elegg[...]

LCZ686 efficace nello scompenso cardiaco – nuove analisi contro ipotetici placebo

E' stata recentemente pubblicata una interessante analisi su LCZ696 sull'importante rivista European Heart Journal che ha analizzato gli effetti di LCZ696 rispetto a placebo con dei dati ricavati da trial del passato.

Nelle donne la carenza di vitamina D non mette a rischio solo le ossa ma anche il cuore

Il genere femminile è associato in modo indipendente a una grave carenza di vitamina D. Inoltre l'ipovitaminosi D a sua volta è associata a un'aterosclerosi più aggressiva nelle donne rispetto agli uomini.

Nuovi attacchi al calcolatore “truccato” di rischio cardiovascolare delle linee guida ACC/AHA

Il calcolo del rischio cardiovascolare è diventato un elemento centrale e molto controverso delle linee guida cardiovascolari.

DAPT post PCI: se più breve il rischio emorragico è minore ma maggiore di trombosi dello stent

Secondo una meta-analisi pubblicata online sul New England Journal of Medicine, dopo l'impianto di un stent a eluizione di farmaco (DES), una doppia terapia antipiastrinica (DAPT) più breve (S-DAPT) presenta complessivamente tassi di sanguinamento in[...]

DAPT post PCI: se più breve il rischio emorragico è minore ma maggiore di trombosi dello stent

Secondo una meta-analisi pubblicata online sul New England Journal of Medicine, dopo l’impianto di un stent a eluizione di farmaco (DES), una doppia terapia antipiastrinica (DAPT) più breve (S-DAPT) presenta complessivamente tassi di sanguinamento in[...]

Duplice terapia antiaggregante non altera sicurezza ed efficacia del tPA dopo l'ictus

L'attivatore tissutale del plasminogeno ricombinante (tPA) è sicuro ed efficace quando somministrato a pazienti con stroke ischemico sottoposti a duplice terapia antiaggregante, secondo uno studio presentato all' International Stroke Conference (ISC)[...]

Le statine non influiscono sul rischio di malattie infiammatorie intestinali secondo dati USA

Il rischio di insorgenza di malattie infiammatorie intestinali (IBD) e gastroenterite non infettiva (NI-GE) tra utilizzatori e non utilizzatori di statine sono simili dopo correzione per altri eventuali fattori confondenti. È la conclusione di uno st[...]