Aneurisma aortico addominale, procedura endovascolare efficace quanto la chirurgia a cielo aperto

Una procedura endovascolare minimamente invasiva per riparare gli aneurismi addominali ritenuta meno efficace rispetto alla chirurgia tradizionale a cielo aperto ha dimostrato di essere invece altrettanto efficace e di durare a lungo. ╚ quanto emerge da uno studio i cui risultati - pubblicati sul "New England Journal of Medicine" - hanno mostrato che la sopravvivenza globale a lungo termine era simile tra i pazienti sottoposti a riparazione endovascolare e tra quelli sottoposti a riparazione a cielo aperto.

Una procedura endovascolare minimamente invasiva per riparare gli aneurismi addominali ritenuta meno efficace rispetto alla chirurgia tradizionale a cielo aperto ha dimostrato di essere invece altrettanto efficace e di durare a lungo. È quanto emerge da uno studio i cui risultati - pubblicati sul “New England Journal of Medicine” - hanno mostrato che la sopravvivenza globale a lungo termine era simile tra i pazienti sottoposti a riparazione endovascolare e tra quelli sottoposti a riparazione a cielo aperto.

«Questa dovrebbe essere una buona notizia per i pazienti perché la procedura endovascolare è meno dolorosa e ha un periodo di recupero molto più breve rispetto alla procedura in aperto, anche se è più costosa» sostengono i ricercatori, guidati da Julie Ann Freischlag, decano della Wake Forest School of Medicine, a Winston-Salem (USA), e professore di chirurgia vascolare ed endovascolare.

«Studi precedenti, condotti più di un decennio fa in Europa, avevano indicato problemi a lungo termine con l'endoprotesi utilizzata nella procedura meno invasiva che, di conseguenza, non è facilmente disponibile per tutti in Europa e in altre parti del mondo» proseguono Freischlag e colleghi. Gli autori sperano che il loro studio possa dissipare alcune delle preoccupazioni degli studi precedenti e fornire le prove scientifiche per giustificare un nuovo sguardo da parte della comunità medica.

Risultati positivi anche sul lungo termine
Un’endoprotesi è un piccolo tubo o stent circondato da tessuto impregnato di rete per rinforzare i punti deboli dell'aorta addominale. Viene inserita tramite piccole incisioni all’inguine ricorrendo all'imaging per guidare l'innesto in posizione. Quando viene posizionata permanentemente nell'aorta, l’endoprotesi allevia la pressione sanguigna consentendo al sangue di fluire senza spingere sull'arteria indebolita e gonfia.

In chirurgia a cielo aperto, il medico fa una grande incisione sull’addome o sul fianco e usa un innesto tubulare artificiale che viene cucito per rimpiazzare la sezione debole e sporgente dell'aorta nell’addome.

Nello studio iniziato nel 2002, 881 pazienti con aneurisma aortico addominale asintomatico sono stati randomizzati alla riparazione endovascolare o ai gruppi di riparazione in aperto. Tutti i partecipanti erano pazienti di 42 ospedali per veterani negli Stati Uniti e candidati per entrambe le procedure. Seguendo le rispettive procedure, i pazienti sono stati seguiti per 14 anni.

Durante i primi quattro anni di follow-up, la sopravvivenza complessiva sembrava essere più alta nel gruppo riparazione endovascolare rispetto al gruppo riparazione a cielo aperto. Ma negli anni dal quattro all'otto, la sopravvivenza globale era leggermente più alta nel gruppo riparazione a cielo aperto. Dopo otto anni, la sopravvivenza globale era ancora una volta più alta nel gruppo endovascolare.

Secondo gli autori dello studio, nessuna di queste tendenze era statisticamente significativa. La scoperta principale è stata che non è stata osservata alcuna differenza significativa tra i gruppi endovascolari e quelli a riparazione aperta nell'outcome primario di mortalità per tutte le cause a lungo termine.

Nei giovani meglio l’endoprotesi, negli anziani l’intervento tradizionale
Tra i pazienti più giovani, la riparazione endovascolare ha comportato una sopravvivenza a lungo termine leggermente superiore rispetto alla riparazione a cielo aperto, ma tra i pazienti più anziani la riparazione endovascolare ha comportato una sopravvivenza generale a lungo termine leggermente inferiore rispetto alla riparazione a cielo aperto.

Altre morti per malattia polmonare ostruttiva cronica si sono verificate nel gruppo riparazione a cielo aperto rispetto al gruppo endovascolare, ma il gruppo di ricerca non ha potuto determinare una ragione.

«Quindi per i pazienti più giovani o per coloro che avevano una estesa malattia cardiaca, la procedura endovascolare è stata un po’ migliore» concludono Freischlag e colleghi. «La chirurgia a cielo aperto è risultata un'opzione migliore per i pazienti più anziani, ovvero esattamente l'opposto di quanto atteso».

A.Z.

Lederle FA, Kyriakides TC, Stroupe KT, et al. Open versus Endovascular Repair of Abdominal Aortic Aneurysm. N Engl J Med, 2019;380(22):2126-2135. doi: 10.1056/NEJMoa1715955.
leggi