Antirpentensivi? Meglio prenderli prima di andare a dormire

Le persone con pressione sanguigna elevata che assumono i farmaci antipertensivi in una sola volta al momento di andare a letto hanno una pressione sanguigna più controllata e un rischio significativamente più basso di morte o malattia causata da problemi al cuore o ai vasi sanguigni, rispetto a coloro che assumono i loro farmaci al mattino. La conferma arriva dall'Hygia Chronotherapy Trial, uno studio pubblicato sull'European Heart Journal.

Le persone con pressione sanguigna elevata che assumono i farmaci antipertensivi in una sola volta al momento di andare a letto hanno una pressione sanguigna più controllata e un rischio significativamente più basso di morte o malattia causata da problemi al cuore o ai vasi sanguigni, rispetto a coloro che assumono i loro farmaci al mattino.

La conferma arriva dall'Hygia Chronotherapy Trial, uno studio pubblicato sull'European Heart Journal [1] che è il più grande mai condotto per indagare l'effetto del momento della giornata in cui le persone assumono i loro farmaci antipertensivi sul rischio di problemi cardiovascolari.

Il trial ha randomizzato 19.084 pazienti a prendere le loro pillole al risveglio o al momento di andare a letto, e li ha seguiti per il periodo di tempo più lungo - una media di più di sei anni - durante il quale la pressione sanguigna ambulatoriale dei pazienti è stata controllata per 48 ore almeno una volta all'anno.

I ricercatori, che fanno parte del Progetto Hygia guidato dal professor Ramón C. Hermida, Direttore dei Laboratori di Bioingegneria e Cronobiologia dell'Università di Vigo, Spagna, hanno scoperto che i pazienti che hanno preso i loro farmaci prima di coricarsi avevano un rischio ridotto di quasi la metà (45% in meno) di morire per infarto cardiaco, ictus, insufficienza cardiaca. Si è dimezzato anche il rischio di essere sottoposti a una procedura di rivascolarizzazione coronarica, rispetto ai pazienti che hanno preso i loro farmaci al risveglio.

Nella loro analisi, i ricercatori hanno tenuto conto dei fattori che potevano influenzare i risultati, come l'età, il sesso, il diabete di tipo 2, le malattie renali, il fumo e i livelli di colesterolo.

Quando hanno esaminato i risultati individuali, hanno scoperto che il rischio di morte per problemi al cuore o ai vasi sanguigni è stato ridotto del 66%, il rischio di infarto del miocardio è stato ridotto del 44%, la rivascolarizzazione coronarica del 40%, l'insufficienza cardiaca del 42% e l'ictus del 49%.

Hermida ha detto: "Le attuali linee guida sul trattamento dell'ipertensione non menzionano o raccomandano il tempo di trattamento preferito. L'ingestione mattutina è la raccomandazione più comune da parte dei medici basata sull'obiettivo fuorviante di ridurre i livelli di pressione sanguigna mattutina. Tuttavia, il Progetto Hygia ha riportato in precedenza che la pressione sanguigna sistolica media quando una persona dorme è l'indicazione più significativa e indipendente del rischio di malattia cardiovascolare, indipendentemente dalle misurazioni della pressione sanguigna effettuate durante il risveglio o quando si visita un medico. Inoltre, non ci sono studi che dimostrano che il trattamento dell'ipertensione mattutina influisca sulla riduzione del rischio di malattie cardiovascolari.

"I risultati di questo studio mostrano che i pazienti che assumono abitualmente i loro farmaci antiipertensivi al momento di coricarsi, hanno una pressione sanguigna più controllata e, soprattutto, un rischio significativamente ridotto di morte o malattia per problemi cardiaci e vascolari". [2] [3]

Il progetto Hygia è composto da una rete di 40 centri di assistenza primaria all'interno del Servizio Sanitario di Sicurezza Sociale della Galizia, una regione situata nel nord della Spagna. Un totale di 292 medici di famiglia sono coinvolti nel progetto e sono stati formati al monitoraggio della pressione sanguigna ambulatoriale, che coinvolge i pazienti che indossano uno speciale bracciale che registra la pressione sanguigna a intervalli regolari durante il giorno e la notte. Al contrario di quanto accade di solito, nell'Hygia Chronotherapy Trial il monitoraggio continuativo della pressione sanguigna avviene per 48 ore, invece delle solite 24 ore.

Tra il 2008 e il 2018, 10.614 uomini e 8.470 donne caucasici di origine spagnola, di 18 anni o più, a cui era stata diagnosticata l'ipertensione attraverso il monitoraggio della pressione sanguigna ambulatoriale, sono stati reclutati per lo studio. Hanno dovuto attenersi a una routine di attività diurna e sonno notturno, il che significa che non è possibile dire se i risultati dello studio si applicano alle persone che lavorano a turni di notte.

I medici hanno rilevato la pressione sanguigna dei pazienti al ,omento dell’arruolamento e ad ogni visita clinica successiva. Il monitoraggio della pressione sanguigna ambulatoriale per un periodo di 48 ore ha avuto luogo dopo ogni visita clinica e almeno una volta all'anno. Questo ha dato ai medici informazioni accurate sulla pressione sanguigna media nelle 48 ore, compreso quanto la pressione sanguigna è diminuita o "immersa" mentre i pazienti dormivano.

Durante un follow-up mediano (medio) di 6,3 anni, 1752 pazienti sono morti per problemi cardiaci o vascolari, o hanno avuto infarto miocardico, ictus, insufficienza cardiaca o rivascolarizzazione coronarica. I dati del monitoraggio della pressione sanguigna ambulatoriale hanno mostrato che i pazienti che assumevano i loro farmaci prima di coricarsi avevano una pressione sanguigna media significativamente più bassa sia di notte che durante il giorno, e la pressione sanguigna scendeva di più di notte, rispetto ai pazienti che assumevano i loro farmaci al risveglio.

Una diminuzione progressiva della pressione sanguigna sistolica notturna durante il periodo di follow-up è stato il fattore predittivo più significativo di una riduzione del rischio di malattie cardiovascolari.

Hermida ha concluso: "I risultati dell'Hygia Chronotherapy Trial e quelli precedentemente riportati dal Progetto Hygia indicano che i livelli medi di pressione sanguigna durante il sonno e l'abbassamento notturno della pressione sanguigna, ma non la pressione sanguigna diurna o la pressione sanguigna misurata nella clinica, sono congiuntamente i più significativi marcatori del rischio cardiovascolare derivati dall’innalzamento della  pressione sanguigna. Di conseguenza, il monitoraggio della pressione sanguigna ambulatoriale 24 ore su 24 dovrebbe essere il modo raccomandato per diagnosticare la vera ipertensione arteriosa e per valutare il rischio di malattie cardiovascolari. Inoltre, la diminuzione della pressione sanguigna sistolica media durante il sonno e l'aumento del calo relativo della pressione sanguigna durante il sonno verso modelli di pressione sanguigna più normali sono entrambi significativamente protettivi, costituendo così un nuovo obiettivo terapeutico comune per ridurre il rischio cardiovascolare".

Il progetto Hygia sta attualmente studiando quali dovrebbero essere i migliori livelli di pressione sanguigna durante il sonno per ridurre il rischio cardiovascolare nel corso dello studio THADEUS (trattamento dell'ipertensione durante il sonno). [4]

I limiti dell'Hygia Chronotherapy Trial includono il fatto che è necessaria la validazione in altri gruppi etnici; anche la questione se gli stessi risultati sarebbero stati visti nei lavoratori a turni richiede un'indagine; e i pazienti non sono stati assegnati a specifiche classi di farmaci anti ipertensivi o a liste specifiche di farmaci all'interno di ciascuna classe - il loro trattamento è stato scelto dai loro medici secondo la pratica clinica corrente.

Bibliografia
[1] “Bedtime hypertension treatment improves cardiovascular risk reduction: the Hygia Chronotherapy Trial”, by Ramón C. Hermida et al. European Heart Journal. doi:10.1093/eurheartj/ehz754

[2] Hygia Project, “Asleep blood pressure: significant prognostic marker of vascular risk and therapeutic target for intervention”, by Ramón C. Hermida et al. European Heart Journal, 2018;39:4159–4171, doi:10.1093/eurheartj/ehy475

[3] Systolic blood pressure is the pressure in the arteries as the heart contracts to eject blood out into them. Diastolic blood pressure is the pressure in the arteries between heart beats when the cardiac muscles relax.

[4] Treatment of Hypertension During Sleep (THADEUS), https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT03457168