Cardiologia, più si cammina più si riduce la pressione arteriosa #ACC2020

Cardio

Gli smart watch  che oramai vediamo al polso di tanti italiani e di un americano su cinque potrebbero essere ben più di un gadget ma diventare uno strumento potenzialmente utile per tracciare i livelli abituali di attività fisica. 

Gli smart watch  che oramai vediamo al polso di tanti italiani e di un americano su cinque potrebbero essere ben più di un gadget ma diventare uno strumento potenzialmente utile per tracciare i livelli abituali di attività fisica.

Le persone che facevano più passi ogni giorno, come rilevato dal loro orologio, avevano in media una pressione sanguigna più bassa rispetto a quelle che facevano meno passi Lo dimostra uno studio presentato all'American College of Cardiology di Boston.

La ricerca fa parte del Framingham Heart Study, un progetto che si concentra sui fattori che influenzano le malattie cardiache e che è in corso da oltre 70 anni. I ricercatori hanno analizzato i dati di 638 partecipanti allo studio a cui è stato chiesto di indossare un Apple Watch ogni giorno e di registrare la loro pressione sanguigna a casa ogni settimana.

Nel corso dello studio, la pressione sanguigna sistolica media dei partecipanti è stata di 122 mm Hg e la pressione sanguigna diastolica media è stata di 76 mm Hg, livelli che sono considerati normali o leggermente elevati secondo la linea guida ACC/AHA High Blood Pressure in Adults 2017.

Lo studio è uno dei primi a utilizzare dispositivi indossabili disponibili in commercio per monitorare l'attività fisica abituale in un ampio gruppo di persone nel contesto della vita quotidiana al di fuori di un ambiente sanitario o di un centro di ricerca.

"Misurare l'attività fisica abituale in ambienti di comunità in questo modo distingue il nostro studio da studi precedenti che hanno esaminato sia l'attività fisica autodenunciata o usato accelerometri per misurare l'attività quotidiana solo per un breve periodo di tempo, di solito circa una settimana", ha detto Mayank Sardana, clinical fellow presso l'Università della California, San Francisco, e autore principale dello studio.

Anche se lo studio era di tipo osservazionale e non mostra causa ed effetto, i risultati si allineano con la ricerca precedente suggerendo che essere più attivi fisicamente può aiutare ad abbassare la pressione sanguigna.

Dopo aver tenuto conto dei fattori demografici, lo studio ha trovato che la pressione sanguigna sistolica dei partecipanti era circa 0,45 punti più bassa per ogni 1.000 passi giornalieri effettuati, il che significa che una persona che fa 10.000 passi al giorno avrebbe una pressione sanguigna sistolica 2,25 punti più bassa di una persona che fa solo 5.000 passi al giorno, in media. Dato che i partecipanti allo studio avevano una pressione sanguigna sistolica media di 122 mm Hg, questa quantità potrebbe fare la differenza tra la pressione sanguigna considerata normale (meno di 120 mm Hg) e quella elevata (120 mm Hg o superiore).
"Questo studio rafforza la nostra comprensione del rapporto tra attività fisica e pressione sanguigna e aumenta la possibilità che l'obesità o l'indice di massa corporea rappresenti un sacco di quel rapporto", ha detto Sardana. "Andando avanti, sarebbe utile guardare come dispositivi intelligenti potrebbero essere sfruttati per promuovere l'attività fisica, ridurre il peso dell'obesità e potenzialmente ridurre la pressione sanguigna".

I ricercatori hanno escluso i dati dei partecipanti con meno di 30 giorni di esperienza per garantire che i dati provenissero da persone abituate a indossare l'orologio. Hanno anche escluso i dati dei giorni in cui l'orologio è stato indossato per meno di cinque ore per garantire che il conteggio dei passi rispecchiasse la maggior parte dei movimenti quotidiani di una persona. Nel corso di circa cinque mesi, i partecipanti hanno avuto una media di circa 7.500 passi al giorno. Quelli con un conteggio giornaliero dei passi più alto avevano una pressione sanguigna sistolica e diastolica significativamente più bassa.

In un'analisi secondaria, i ricercatori hanno trovato che l'associazione tra il conteggio dei passi e la pressione sanguigna non è più significativa se si tiene conto dell'IMC, il che suggerisce che l'IMC potrebbe essere un fattore di mediazione nella relazione. Tuttavia, lo studio non è stato progettato per discernere se l'IMC influisce sul conteggio dei passi o viceversa.

"Dovremmo guardare a studi futuri per rispondere alla questione della direzionalità con uno studio randomizzato o un intervento di coorte", ha detto Sardana.
Sardana ha aggiunto che la coorte elettronica Framingham Heart Study è il più grande campione di partecipanti sviluppato sfruttando il seminale Framingham Heart Study che fornisce dati continui da dispositivi intelligenti per la ricerca. I loro risultati supportano il ruolo di sfruttare i dati dei dispositivi indossabili nella ricerca epidemiologica per migliorare la comprensione della relazione tra fattori di rischio cardiovascolare e malattie cardiovascolari.