Cardiologia

Colesterolo molto alto? Il COVID-19 è 7 volte più pericoloso 

Questo studio dal database sanitario nazionale della Fondazione FH è il primo a dimostrare più alti tassi di attacco di cuore nel mondo reale per coloro che hanno il colesterolo alto e/o malattie cardiache. Pubblicato online nell'American Journal of Preventive Cardiology, lo studio conferma anche in modo importante che COVID-19 aumenta i tassi di infarto in individui con malattia cardiovascolare aterosclerotica stabilita (ASCVD).

Sono ben note le speculazioni sui risultati peggiori per coloro che hanno il colesterolo alto e/o malattie cardiache infettate dalla SARS-CoV-2. Questa settimana, uno studio del mondo reale pubblicato dalla FH Foundation conferma che COVID-19 ha aumentato significativamente i tassi di infarto nei pazienti con queste condizioni.

Questo studio dal database sanitario nazionale della Fondazione FH è il primo a dimostrare più alti tassi di attacco di cuore nel mondo reale. Pubblicato online nell'American Journal of Preventive Cardiology, lo studio conferma anche in modo importante che COVID-19 aumenta i tassi di infarto in individui con malattia cardiovascolare aterosclerotica stabilita (ASCVD).

La FH Foundation ha eseguito un'analisi di 55.412.462 individui, separando i gruppi in sei coorti abbinate tra cui FH diagnosticato, probabile FH e ASCVD, con e senza infezione da COVID-19 (come identificato dal codice U07.1 ICD-10). I ricercatori hanno trovato che i tassi di attacchi di cuore erano più alti in quelli con una diagnosi di COVID-19 e la presenza di FH diagnosticato o probabile FH con ASCVD noto.

"Questi risultati sono significativi perché questi dati sottolineano l'importanza di capire se gli individui hanno sottostante malattia cardiovascolare o colesterolo alto genetico quando il trattamento per l'infezione COVID-19 o considerando la vaccinazione", ha detto Kelly Myers, autore dello studio e chief technology officer della Fondazione FH.

L’ipercolesterolemia familiare è una condizione genetica comune che aumenta il rischio di malattie cardiovascolari di un individuo fino a 20 volte a causa di livelli elevati di colesterolo lipoproteico a bassa densità (LDL-C) per tutta la vita. Oggi, solo il 10% dei 1,3 milioni di americani con FH viene diagnosticato, a causa della mancanza di consapevolezza nella comunità medica e nel pubblico.

Per capire l'effetto di COVID-19 su questi individui, i ricercatori hanno applicato il modello di apprendimento automatico FIND FH® al set di dati.
I risultati dello studio hanno importanti implicazioni per gli individui con FH che oggi non sono diagnosticati, dicono i ricercatori. "Gli individui "Probabili FH" con ASCVD preesistente che hanno contratto COVID hanno avuto attacchi di cuore a un tasso annuale sette volte maggiore rispetto alle loro controparti che non hanno contratto il virus (AIDR 15.4% vs 2.1% p-value <0.002)".

"I più alti tassi di infarto si sono verificati in individui infettati con COVID-19 che avevano una malattia cardiovascolare preesistente e sono stati segnalati dal modello FIND FH come probabile FH. Noi ipotizziamo che, poiché questi individui devono ancora ricevere una diagnosi di FH, potrebbero non ricevere un trattamento appropriato di abbassamento dei lipidi che li pone a un rischio significativamente più elevato", ha aggiunto il dottor Mary McGowan, autore dello studio e chief medical officer per la Fondazione FH. "Questo studio è una chiamata all'azione per diagnosticare gli individui con questa condizione genetica mortale che si nascondono in piena vista all'interno del nostro sistema sanitario, e prendere particolari precauzioni relative alle infezioni COVID-19. FH è un'opportunità non sfruttata per la prevenzione delle malattie cardiache".

A novembre, uno studio di JAMA che ha dimostrato che il COVID-19 è una condizione cardiaca così come una malattia respiratoria. La SARS-CoV-2 causa danni al cuore nel 20% delle persone con sintomi lievi o assenti. Questo danno può verificarsi anche in un paziente con un cuore altrimenti sano. La consapevolezza e il trattamento per coloro che hanno condizioni cardiache sottostanti, come la FH, sono vitali.
Molti farmaci sono disponibili per il trattamento di FH. La chiave è la diagnosi. La FH Foundation spera di sfruttare i risultati di questo studio e altre ricerche in corso per alzare la bandiera per FH come un problema di salute pubblica.

Inoltre, gli individui con FH e ASVCD dovrebbero prendere ulteriori precauzioni per evitare di contrarre il nuovo coronavirus, che ha spazzato il nostro globo per ben oltre un anno. Le vaccinazioni sono facilmente disponibili in molti paesi e si stanno diffondendo anche nelle aree meno accessibili.

Myers, K, D., et al. (2021) COVID-19 associated risks of myocardial infarction in persons with familial hypercholesterolemia with or without ASCVD. American Journal of Preventive Cardiology. doi.org/10.1016/j.ajpc.2021.100197.