Cardiologia

Dopo il bypass cardiaco esercizio fisico mattutino la chiave per un buon sonnoá

Problemi a dormire dopo un intervento di bypass cardiaco? Le passeggiate mattutine sono la soluzione, secondo una ricerca presentata su ACNAP Essentials 4 You, una piattaforma scientifica della SocietÓ Europea di Cardiologia (ESC).

Problemi a dormire dopo un intervento di bypass cardiaco? Le passeggiate mattutine sono la soluzione, secondo una ricerca presentata su ACNAP Essentials 4 You, una piattaforma scientifica della Società Europea di Cardiologia (ESC).

"Molti pazienti hanno difficoltà a dormire dopo un intervento di bypass cardiaco", ha detto l'autore dello studio, Hady Atef dell'Università del Cairo, Egitto. "Quando questo persiste oltre i sei mesi, aggrava la condizione cardiaca e mette i pazienti a rischio di dover ripetere l'intervento". È quindi della massima importanza trovare il modo di migliorare il sonno dopo l'intervento di bypass".

Studi precedenti che esaminavano l'effetto dell'esercizio sul sonno dopo un intervento di bypass cardiaco non sono riusciti a valutare contemporaneamente l'impatto sulla capacità funzionale, che spesso diminuisce dopo l'intervento.

Questo studio ha esaminato l'effetto dell'esercizio fisico sia sul sonno che sulla capacità funzionale. Lo studio ha arruolato 80 pazienti di età compresa tra i 45 e i 65 anni che avevano disturbi del sonno sei settimane dopo l'intervento di bypass cardiaco e che avevano anche una ridotta capacità funzionale.
Sono state effettuate tre misurazioni di base. In primo luogo, il test di camminata di sei minuti, che misura la distanza che i pazienti sono in grado di percorrere in sei minuti su una superficie dura e piatta, ed è un modo validato per valutare la capacità funzionale. In secondo luogo, i partecipanti hanno completato il questionario dell'indice di qualità del sonno di Pittsburgh (PSQI) che chiede informazioni sui disturbi del sonno. In terzo luogo, i pazienti hanno indossato un orologio ad actigrafo per 96 ore per monitorare il riposo e l'attività. Molti di questi pazienti hanno difficoltà a stare svegli durante il giorno ma soffrono di insonnia di notte. L'actigrafo rileva entrambi i problemi.

I pazienti sono stati poi assegnati in modo casuale a due gruppi di esercizi: esercizio aerobico o una combinazione di esercizio aerobico e di resistenza. Entrambi i gruppi hanno fatto 30 sessioni di esercizi al mattino per un periodo di 10 settimane. Durante le sessioni di esercizio aerobico, i partecipanti hanno camminato su un tapis roulant per 30-45 minuti. Durante le sessioni di esercizi aerobici e di resistenza, i partecipanti hanno camminato su un tapis roulant per 30-45 minuti e si sono allenati con i pesi a circuito (una forma di leggero esercizio di resistenza).

Dopo 10 settimane, i pazienti hanno completato nuovamente le tre valutazioni: il walk test di sei minuti, il questionario PSQI, e hanno indossato l'orologio actigrafo per 96 ore. I cambiamenti nel sonno e nella capacità funzionale sono stati confrontati tra i due gruppi di esercizi.

I ricercatori hanno scoperto che entrambi i programmi di esercizio (esercizio aerobico da solo e esercizio combinato aerobico/di resistenza) hanno migliorato il sonno e la capacità funzionale nel corso delle 10 settimane. Ma l'esercizio aerobico isolato è stato molto più benefico per il sonno e la funzionalità rispetto al programma combinato.

Studi precedenti sul sonno hanno utilizzato il questionario PSQI o l'actigrafo. Un punto di forza di questo studio è stato quello di utilizzare entrambi i metodi di valutazione, fornendo così un quadro completo dei disturbi del sonno. Insieme queste misurazioni hanno dimostrato che l'esercizio fisico aiutava i pazienti ad addormentarsi, a dormire continuamente piuttosto che svegliarsi di notte e a dormire più a lungo e più profondamente.

"La nostra raccomandazione per i pazienti che hanno difficoltà a dormire e che svolgono le loro attività abituali è di fare solo esercizio aerobico", ha detto il Dr. Atef. "Pensiamo che l'esercizio di resistenza richieda un alto livello di sforzo per questi pazienti. Questo può indurre il rilascio di ormoni dello stress che influiscono negativamente sul sonno".

"Esercizio aerobico significa attività fisica che non richiede un livello di sforzo molto elevato", ha spiegato. "Scegliete un'attività che vi piace come camminare, andare in bicicletta o nuotare". Puntate a 30-45 minuti e fatelo al mattino, perché le ricerche dimostrano che questo rilascia l'ormone l'ormone melatonina che ci aiuta a dormire bene la notte".