Fibrillazione atriale, efficace l'astensione dall'alcol in prevenzione secondaria

Una nuova ricerca, pubblicata sul "New England Journal of Medicine", dimostra che evitare l'alcool può ridurre la durata dei sintomi e la probabilità di recidiva nei pazienti con fibrillazione atriale (AF) accertata. I bevitori regolari arruolati nello studio e randomizzati all'astenersi dall'alcol per 6 mesi hanno avuto anche meno della metà dell'incidenza di ricovero in ospedale per AF rispetto a quelli che hanno continuato il loro solito modo di bere.

Una nuova ricerca, pubblicata sul “New England Journal of Medicine”, dimostra che evitare l'alcool può ridurre la durata dei sintomi e la probabilità di recidiva nei pazienti con fibrillazione atriale (AF) accertata. I bevitori regolari arruolati nello studio e randomizzati all'astenersi dall'alcol per 6 mesi hanno avuto anche meno della metà dell'incidenza di ricovero in ospedale per AF rispetto a quelli che hanno continuato il loro solito modo di bere.

«L'impatto di una significativa riduzione o astensione dall’alcol dovrebbe essere esplorata nei pazienti con AF sintomatica» scrivono gli autori dello studio, guidati da Aleksandr Voskoboinik, del Baker Heart and Diabetes Institute di Melbourne (Australia). «Raccomandiamo di lavorare in collaborazione con pazienti che bevono eccessivamente per incoraggiarli a ridurre l'assunzione di alcol».

L'alcol come fattore scatenante per AF è stato un'area di ricerca attiva negli ultimi anni, con altri studi che mostrano associazioni tra consumo regolare di alcol e danni fisici al cuore tra cui aumento della dimensione atriale sinistra, alterazioni della funzione atriale meccanica e di serbatoio e avverso rimodellamento elettrico. Meno chiaro, affermano i ricercatori, è se l'astenersi dall'alcol può ridurre le aritmie nelle persone con una storia consolidata di AF.

Positivi risultati dello studio Alcohol-AF
Nello studio Alcohol-AF condotto su 140 pazienti randomizzati, il gruppo astensione ha ridotto l'assunzione di alcol totale dell'87,5%, da circa 17 drink a settimana a due drink. Il gruppo di controllo ha anche visto una riduzione di quasi il 20%, da 16 drink a settimana a 13.

La ricorrenza di AF, un endpoint co-primario, era inferiore nel gruppo di astensione rispetto al gruppo di controllo (53% vs 73%) , mentre il tempo alla ricorrenza era più lungo. L'astensione dall'alcool era anche associata a un minore carico di AF rispetto al gruppo di controllo (P = 0,01).

Oltre alla riduzione del ricovero in ospedale per AF, altri benefici riscontrati in pazienti randomizzati a 6 mesi di astensione dall'alcol includevano un peso inferiore e un punteggio migliore nella classificazione modificata dei sintomi della AF dell’European Heart Rhythm Association. È stato inoltre suggerito che il gruppo astensione presentava valori di pressione arteriosa sistolica e diastolica più bassi al follow-up di 6 mesi rispetto ai controlli.

Obiezioni e limitazioni
In un editoriale di accompagnamento, Anne M. Gillis, dell’Università di Calgary (Canada), osserva che mentre l'alcol può essere un importante fattore di rischio modificabile nella gestione dei pazienti affetti da AF, rimangono molte domande sull'efficacia di una strategia senza alcol in tutti i soggetti con AF, compresi quelli a più alto rischio di recidiva, e se è richiesta l'astensione totale o semplicemente una riduzione dei drink a settimana per vedere i benefici.

Soprattutto, scrive Gillis, mentre lo studio fa un'argomentazione convincente per evitare l'alcol, «la realtà che fa riflettere è che per molte persone con AF l'astensione totale dall'alcol può essere un obiettivo difficile da raggiungere».

Commentando lo studio, Luigi Di Biase, del Montefiore Medical Center di New York, ha sottolineato che sebbene il controllo e il trattamento dei fattori di rischio tra cui l'eccesso di alcol sia importante, è anche importante che i pazienti comprendano che non esiste l'evidenza che evitare la bevanda occasionale impedirà loro di avere mai una ricorrenza di AF.

«Eseguo procedure di ablazione nei miei pazienti con AF per migliorare la loro qualità di vita» ha detto. «Se ho un paziente di 65 anni a cui piace bere un bicchiere di vino durante il pasto e improvvisamente qualcuno gli dice che non può farlo, probabilmente sarà depresso, e 5 anni dopo finirà comunque con un’AF. Bere alcol non è il motivo per cui le persone hanno AF. Non bere può controllare e ridurre la quantità di AF per un certo periodo, ma non è una soluzione e non la eliminerà».

«A mio avviso, chiedendo al paziente di evitare l'alcol, non si sta trattando il problema, si sta solo cercando di metterlo in modalità ‘sleep’ per un po’» ha aggiunto Di Biase. «Sì, occorre controllare i fattori di rischio, ma vogliamo che i nostri pazienti vivano meglio e, per me, l'astensione completa è chiedere troppo».

Un'importante limitazione dello studio, evidenziata sia dagli autori dello studio che da Gillis, è che il follow-up di 12 mesi inizialmente previsto ha dovuto essere ridimensionato a 6 mesi a causa della difficoltà di reclutare pazienti disposti a partecipare per così tanto tempo se fossero stati randomizzati al gruppo astensione. Inoltre, il 70% dei pazienti a cui è stato chiesto di partecipare allo studio ha rifiutato perché non avrebbe considerato di rinunciare all'alcol.

Peter M. Kistler, autore senior dello studio, ha affermato che mentre i partecipanti ad Alcohol-AF non sono stati seguiti formalmente oltre la fine del periodo di studio o è stato consigliato loro di continuare a evitare l'alcol, aneddoticamente quelli che avevano notato benefici dell'astensione hanno continuato questo comportamento.


RIferimenti bibliografici:

Voskoboinik A, Kalman JM, De Silva A, et al. Alcohol Abstinence in Drinkers with Atrial Fibrillation. N Engl J Med, 2020;382(1):20–28. doi:10.1056/NEJMoa1817591
leggi

Gillis AM. A Sober Reality? Alcohol, Abstinence, and Atrial Fibrillation. N Engl J Med, 2020;382(1):83–84. doi:10.1056/NEJMe1914981
leggi