Ictus ischemico, benefici in prevenzione secondaria con atorvastatina anche in termini di eventi coronarici. #ACC2020

Cardio

Una nuova analisi dello studio SPARCL (Stroke Prevention by Aggressive Reduction in Cholesterol Levels) ha dimostrato che nei pazienti con recente ictus o attacco ischemico transitorio (TIA), il numero totale di eventi vascolari prevenuti con atorvastatina era pi¨ del doppio del numero di primi eventi prevenuti. I risultati sono stati pubblicati online sul "Journal of the American College of Cardiology" e presentati all' American College of Cardiology 2020 Scientific Session (ACC.20)/World Congress of Cardiology, attualmente in corso in modalitÓ virtuale a causa dell'emergenza Coronavirus.

Una nuova analisi dello studio SPARCL (Stroke Prevention by Aggressive Reduction in Cholesterol Levels) ha dimostrato che nei pazienti con recente ictus o attacco ischemico transitorio (TIA), il numero totale di eventi vascolari prevenuti con atorvastatina era più del doppio del numero di primi eventi prevenuti. I risultati sono stati pubblicati online sul “Journal of the American College of Cardiology” e presentati all’ American College of Cardiology 2020 Scientific Session (ACC.20)/World Congress of Cardiology, attualmente in corso in modalità virtuale a causa dell’emergenza Coronavirus.

«Dal punto di vista del paziente, gli eventi totali sono più rilevanti. I pazienti generalmente vivono oltre i primi eventi e gli eventi totali ci danno il quadro generale di come questi pazienti staranno nei prossimi anni» ha detto l’autore principale Michael Szarek, della SUNY Downstate Health Sciences University di New York. «C'è un crescente interesse nell'esaminare gli eventi totali e i primi eventi negli studi clinici in termini di una modalità più accurata per caratterizzare il carico di malattia».

Riduzione significativa di episodi vascolari in base alla nuova analisi dello studio SPARCL
Lo studio SPARCL aveva confrontato l'atorvastatina con placebo in 4.731 pazienti con ictus recente o attacco ischemico transitorio e nessuna malattia coronarica nota. I risultati primari dello studio, pubblicati sul “New England Journal of Medicine” nel 2006, hanno mostrato che l’atorvastatina ha ridotto il primo verificarsi sia di ictus sia di un composito di eventi vascolari.

L'analisi attuale ha valutato la presenza di tutti gli eventi vascolari (primo e successivi) e l'effetto dell'atorvastatina nel ridurre questi eventi in base al territorio vascolare (cerebrovascolare, coronario o periferico).

I risultati hanno mostrato che il gruppo placebo ha avuto circa 41,2 primi eventi vascolari e 62,7 eventi vascolari totali ogni 100 partecipanti in 6 anni. Nel gruppo atorvastatina si sono verificati rispettivamente 164 e 390 eventi vascolari in meno ( hazard ratio del totale degli eventi [HR]: 0,68; intervallo di confidenza [IC] al 95% 0,60 - 0,77).

La riduzione degli eventi totali includeva 177 eventi cerebrovascolari in meno, 170 eventi coronarici in meno e 43 eventi periferici in meno. Nel corso di 6 anni, si stima che 20 eventi vascolari ogni 100 partecipanti siano stati evitati con il trattamento con atorvastatina.

In termini di singoli territori, vi è stata una significativa riduzione degli eventi in ciascuno di essi. «E mentre il numero assoluto di eventi cerebrovascolari e coronarici è stato ridotto di una quantità simile - 177 eventi cerebrovascolari in meno e 170 di eventi coronarici in meno - le riduzioni relative sono state maggiori per eventi coronarici e periferici che per cerebrovascolari» ha osservato Szarek.

La riduzione relativa degli eventi cerebrovascolari è stata del 24% rispetto al 46% per gli eventi coronarici e al 44% per gli eventi periferici. «Questo perché c'erano meno eventi coronarici ed eventi periferici nel complesso di quanto non ci fossero eventi cerebrovascolari» ha spiegato.

«Quindi i nostri risultati mostrano un maggiore beneficio per gli eventi coronarici/periferici rispetto agli eventi cerebrovascolari, anche se questi pazienti avevano sofferto di un evento cerebrovascolare e non un di un evento coronaricoper entrare nello studio» ha aggiunto Starek.

«Ciò dimostra che i pazienti che hanno un ictus o un TIA (la maggior parte dei quali sono eventi ischemici) sono ad alto rischio di eventi coronarici e ridurre il loro LDL è vantaggioso per la prevenzione coronarica e degli eventi periferici, nonché per la futura prevenzione degli eventi cerebrovascolari» ha commentato.

«I nostri risultati rafforzano i dati originali che mostrano una riduzione dei primi eventi con l'atorvastatina in questa popolazione. Sono anche in linea con i risultati dello studio TST (Treating Stroke to Target) presentato alla riunione dell'American Heart Association lo scorso novembre» ha osservato.

Quale rapporto rischio/beneficio nei pazienti con ictus emorragico?
Questa nuova analisi fornisce anche maggiori informazioni sul rischio e i benefici delle statine nei pazienti con precedente ictus emorragico. «I risultati originali hanno mostrato un piccolo aumento del rischio di ictus emorragico nel gruppo atorvastatina, in particolare nei pazienti che avevano avuto un ictus emorragico come loro evento qualificante» ha detto Szarek.

«I nostri risultati sugli eventi totali mostrano che c'è un aumento degli eventi di ictus totale nei pazienti con ictus emorragico come evento qualificante nel gruppo atorvastatina, ma nonostante questo, gli eventi vascolari totali nel complesso - tra cui eventi coronarici e periferici - sono ridotti in misura simile a quella dell'intera popolazione».

«Resta ancora aperta una domanda sul fatto che i pazienti con una storia di ictus emorragico debbano essere trattati in modo aggressivo con le statine, e il consiglio attuale è di non cercare di abbassare l'LDL in modo intensivo in questo gruppo. Del resto, questi dati forniscono alcune informazioni aggiuntive sulla valutazione dei rischi e dei benefici del trattamento con statine in questa situazione» ha aggiunto.

Tuttavia, c'erano solo 93 pazienti con ictus emorragico in questo studio, e solo 41 eventi totali in questo gruppo: quindi questi numeri sono piccoli ed è necessaria cautela nella loro interpretazione, ha sottolineato Szarek.

Un altro risultato interessante in questa analisi è che mentre l’ictus totale è stato ridotto solo in modo non significativo (HR: 0,87;P = 0,09), gli ictus totali disabilitanti sono stati significativamente ridotti (HR: 0,65; P = 0,007). «Questo suggerisce che la riduzione aggressiva di LDL dopo un ictus riduce il numero totale di ictus invalidanti in futuro» ha concluso Szarek.

Riferimenti bibliografici:

Szarek M, Amarenco P, Callahan A, et al. Atorvastatin Reduces First and Subsequent Vascular Events Across Vascular Territories in the SPARCL Trial. J Am Coll Cardiol, 2020 Mar 11. doi:10.1016/j.jacc.2020.03.015 [Epub ahead of print]
leggi

American College of Cardiology 2020 Scientific Session/World Congress of Cardiology.