Cardiologia

Inquinamento atmosferico aumenta rischio di infarti e ictus mortali

Secondo una ricerca presentata all'ESC Preventive Cardiology 2023, un congresso scientifico della Societą Europea di Cardiologia (ESC), e pubblicata sull'International Journal of Environmental Research and Public Health, i decessi per malattie cardiovascolari sono pił elevati nei giorni di inquinamento e per i due giorni successivi.

Secondo una ricerca presentata all'ESC Preventive Cardiology 2023, un congresso scientifico della Società Europea di Cardiologia (ESC), e pubblicata sull'International Journal of Environmental Research and Public Health, i decessi per malattie cardiovascolari sono più elevati nei giorni di inquinamento e per i due giorni successivi. (1)

"Il nostro studio suggerisce che per preservare la salute del cuore è consigliabile pianificare il tempo all'aperto in base alle previsioni sulla qualità dell'aria", ha dichiarato l'autore dello studio, Michal Swieczkowski dell'Università di Medicina di Bialystok, in Polonia. "Quando rimanere a casa non è un'opzione, si dovrebbe prendere in considerazione la possibilità di indossare una maschera durante le ore di picco dell'inquinamento e di evitare le aree con traffico intenso".

Questo studio ha esaminato l'associazione tra l'inquinamento atmosferico e la morte per malattie cardiovascolari in generale e per due tipi di malattie cardiovascolari, ovvero le sindromi coronariche acute e l'ictus ischemico. Lo studio è stato condotto in cinque città della Polonia orientale. I dati sulla mortalità per il periodo 2016-2020 sono stati ottenuti dall'Ufficio centrale di statistica. Le concentrazioni di particolato (PM)2,5, PM10 e biossido di azoto (NO2) sono state raccolte dall'Ispettorato per la protezione ambientale del Voivodato. Le principali fonti di questi inquinanti sono il traffico stradale e le stufe domestiche a carbone o a legna.

È stato utilizzato un disegno di studio case-crossover stratificato nel tempo: per ogni partecipante, i ricercatori hanno confrontato i livelli di ciascun inquinante nel giorno della settimana in cui si è verificato un decesso (ad esempio, mercoledì) con i livelli di inquinanti nello stesso giorno della settimana senza decessi (ad esempio, tutti i mercoledì rimanenti) nello stesso mese. L'utilizzo di confronti all'interno dei partecipanti tra i giorni dello stesso mese ha eliminato i potenziali effetti confondenti delle caratteristiche dei partecipanti e delle tendenze temporali. Analisi simili sono state condotte per i livelli di inquinamento un giorno e due giorni prima del decesso.

Durante i cinque anni di studio, si sono verificati in totale 87.990 decessi, di cui 34.907, 9.688 e 3.776 dovuti rispettivamente a malattie cardiovascolari, sindromi coronariche acute e ictus ischemico. Per quanto riguarda la morte per malattie cardiovascolari in generale, un aumento di 10 μg/m3 di PM2,5, PM10 e NO2 è stato associato a un aumento del rischio di morte nello stesso giorno del 3%, 3% e 8%, rispettivamente. I rischi di morte per malattie cardiovascolari erano simili uno e due giorni dopo il giorno inquinato.

Per quanto riguarda la morte per sindromi coronariche acute, un aumento di 10 μg/m3 di PM2,5 e PM10 è stato associato a un rischio aumentato del 3% e del 2%, rispettivamente, di morire nello stesso giorno. Nel frattempo, un aumento di 10 μg/m3 di PM2,5, PM10 e NO2 è stato associato a un aumento del rischio del 3%, 3% e 4%, rispettivamente, di morire per una sindrome coronarica acuta il giorno successivo. Per quanto riguarda l'ictus ischemico, un aumento di 10 μg/m3 del PM2,5 è stato associato a un aumento del 3% del rischio di morte il giorno successivo.

Swieczkowski ha dichiarato: "I risultati mostrano associazioni preoccupanti tra l'inquinamento atmosferico e la morte per malattie cardiovascolari. I politici dovrebbero prendere in considerazione misure per promuovere l'aria pulita, tra cui sussidi per l'aggiornamento dei sistemi di riscaldamento domestico e zone libere da veicoli".

Bibliografia
‘Analysis of an acute effect of air pollution on cardiovascular mortality in Eastern Poland (EP-PARTICLES study)’ will be presented during the session ‘Population Science and Public Health 1’ which takes place on 13 April at 14:15 CEST on the Open stage.