Cardio

Insufficienza cardiaca cronica, la sopravvivenza è influenzata da uno stato eutiroideo

I pazienti con insufficienza cardiaca (HF) cronica e ipertiroidismo o ipotiroidismo hanno un aumentato rischio di mortalità rispetto ai pazienti con normali livelli tiroidei, secondo un'analisi retrospettiva pubblicata su "The American Journal of Cardiology". 

I pazienti con insufficienza cardiaca (HF) cronica e ipertiroidismo o ipotiroidismo hanno un aumentato rischio di mortalità rispetto ai pazienti con normali livelli tiroidei, secondo un'analisi retrospettiva pubblicata su “The American Journal of Cardiology”.

«La disfunzione subclinica della tiroide è molto comune nei pazienti con HF cronica e i pazienti con disfunzione tiroidea hanno una sopravvivenza ridotta rispetto ai pazienti eutiroidei» scrivono i ricercatori guidati da Nathan A. Samuel, del Dipartimento di Cardiologia Accademica della Hull York Medical School e dell'Hull and East Yorkshire Medical Research and Teaching Centre del Castle Hill Hospital di Cottingham, a Kingston upon Hull (UK).

Correlazione a forma di U tra TSH e outcome
«C'è una correlazione a forma di U tra l'ormone tireostimolante (TSH) e l’outcome. Tuttavia, nell' analisi multivariata, l'associazione tra disfunzione tiroidea e mortalità scompare dopo aggiustamento per indicatori prognostici consolidati come l'aumento dell'età, il livello di peptide natriuretico di tipo B e una classe NYHA più elevata» spiegano.

L'analisi ha incluso 6.782 pazienti con HF cronica dal registro Hull LifeLab afferenti a una clinica per l’HF di comunità da marzo 2000 a marzo 2018.

Gli ormoni tiroidei sono stati misurati nel corso della visita iniziale di ogni paziente alla clinica per l’HF. Lo stato eutiroideo era definito come un livello di TSH compreso tra 0,35 mIU/L e 4,7 mIU/L, l'ipotiroidismo come un TSH superiore a 4,7 mIU/L e l'ipertiroidismo come TSH inferiore a 0,35 mIU/L. In totale, il 90% dei pazienti era eutiroideo, il 6% ipotiroideo e il 4% ipertiroideo.

Impatto negativo sia dall’ipotiroidismo che dall’ipertiroidismo
Nell'analisi univariata, i pazienti con ipotiroidismo (HR = 1,25; 95% CI, 1,08-1,45) e i pazienti con ipertiroidismo (HR = 1,21; 95% CI, 1,01-1,46) avevano un aumento del rischio di mortalità rispetto ai pazienti eutiroidi.

Il TSH elevato era predittivo di mortalità nell'analisi univariata (HR = 1,02; 95% CI, 1,01-1,03), ma i ricercatori non hanno osservato questa associazione nell'analisi multivariata. «È importante controllare la funzione tiroidea al basale nei pazienti con HF di nuova diagnosi poiché sia l'ipotiroidismo che l'ipertiroidismo possono causare HF» affermano Samuel e coautori.

Maggiori predittori di esiti avversi: età, peptide natriuretico e classe NYHA
Secondo i ricercatori, i tre più forti predittori di esiti avversi in questa popolazione di pazienti sono stati l'aumento dell'età, l'incremento del peptide natriuretico di tipo pro-B e la classe HF NYHA superiore.

«I nostri risultati possono aiutare i medici nella predizione del rischio. Sebbene la disfunzione tiroidea non fosse associata in modo indipendente all'aumento della mortalità nel nostro studio, era un marcatore di pazienti malati con ridotta sopravvivenza» osservano gli autori.

«La priorità, per questi pazienti, dovrebbe essere ricevere una terapia medica ottimale per l’HF, che ha dimostrato di migliorare l'aspettativa di vita fino a tre volte». Infine, riferiscono Samuel e colleghi, «l'impatto della disfunzione tiroidea sulla qualità della vita dei pazienti con HF è attualmente in fase di studio».

Riferimento bibliografico:
Samuel NA, Cuthbert JJ, Brown OI, Kazmi S, Cleland JGF, Rigby AS, Clark AL. Relation Between Thyroid Function and Mortality in Patients With Chronic Heart Failure. Am J Cardiol. 2020 Oct 25. [Epub ahead of print] doi: 10.1016/j.amjcard.2020.10.034.
leggi