Integrazione di vitamina D legata a miglioramenti della pressione arteriosa in bambini in sovrappeso

Cardio

I bambini in sovrappeso o obesi che presentano carenza di vitamina D e che hanno assunto una dose relativamente alta di vitamina D ogni giorno per sei mesi presentavano una pressione arteriosa pił bassa e una migliore sensibilitą all'insulina rispetto ai loro coetanei che hanno assunto una dose pił bassa. Lo dicono i risultati di uno studio clinico dell'ospedale pediatrico UPMC di Pittsburgh, riportato su The American Journal of Clinical Nutrition. 

I bambini in sovrappeso o obesi che presentano carenza di vitamina D e che hanno assunto una dose relativamente alta di vitamina D ogni giorno per sei mesi presentavano una pressione arteriosa più bassa e una migliore sensibilità all'insulina rispetto ai loro coetanei che hanno assunto una dose più bassa. Lo dicono i risultati di uno studio clinico dell'ospedale pediatrico UPMC di Pittsburgh, riportato su The American Journal of Clinical Nutrition.

Tuttavia, lo studio non ha mostrato miglioramenti in altri marcatori di salute cardiovascolare e metabolica, una constatazione che indica l'integrazione di vitamina D da solo potrebbe non essere la panacea per migliorare la salute del cuore dei bambini a più alto rischio di diabete e malattie cardiache.

"Le attuali raccomandazioni per l'assunzione di vitamina D sono ancorate alla salute ottimale delle ossa," ha detto piombo autore Kumaravel Rajakumar, professore di pediatria presso l'Università di Pittsburgh School of Medicine. Ma sappiamo che la vitamina D è coinvolta in qualcosa di più della costruzione di ossa sane". Può attivare e disattivare i geni che dirigono le nostre cellule per regolare i livelli di glucosio nel sangue e le funzioni immunitarie e vascolari".
Rajakumar e i suoi colleghi hanno arruolato al trial 225 bambini sani, ma carenti di vitamina D, dai 10 ai 18 anni che vivenao a Pittsburgh e che erano in sovrappeso o obesi. Di essi, 211 erano afro americani.

Le persone con la pelle più scura hanno maggiori quantità di pigmento melaninico nella loro pelle e sono più soggetti delle loro controparti con la pelle più chiara siano carenti di vitamina D. Questo perché la vitamina D è prodotta nel corpo quando la pelle è direttamente esposta alla luce del sole, e la melanina nella pelle agisce come una protezione solare naturale e inibisce la produzione di vitamina D. I bambini sovrappeso e obesi hanno anche un rischio maggiore di carenza di vitamina D, così come lo sviluppo di diabete e malattie cardiache.

I bambini sono stati divisi in tre gruppi e gli sono state date pillole che apparivano identiche, ma che contenevano diverse quantità di vitamina D, che viene misurata in unità internazionali, o UI. Un gruppo ha ricevuto una compressa da 600 UI al giorno, che è l'attuale dose giornaliera raccomandata. Gli altri due gruppi hanno ricevuto una compressa da 1.000 UI o 2.000 UI al giorno, ancora ben al di sotto del massimo di 4.000 UI al giorno considerato sicuro per i bambini di questa fascia d'età. Durante la prova, né i partecipanti, né i loro medici sapevano quale dose di vitamina D ogni bambino riceveva.

Gli esami del sangue hanno mostrato che più alta era la dose giornaliera di vitamina D che veniva somministrata, maggiore è il miglioramento della concentrazione di vitamina D nel sangue dei partecipanti.

Dopo sei mesi, i bambini che ricevevano il supplemento giornaliero di 2.000 UI di vitamina D avevano un ridotto livello di glucosio nel sangue a digiuno e una migliore sensibilità all'insulina - entrambi i fattori che riducono la suscettibilità al diabete e migliorano la salute cardiovascolare. Dopo sei mesi, i bambini che ricevevano 1.000 UI di vitamina D al giorno avevano una pressione sanguigna più bassa. L'ipertensione arteriosa aumenta il rischio di infarto, ictus e malattie renali.

Lo studio non ha rivelato alcun cambiamento significativo nelle misure della salute della membrana che riveste i vasi sanguigni o rigidità arteriosa - entrambi sono forti indicatori della salute del cuore e sono state le misure principali che i ricercatori stavano cercando di influenzare con l'integrazione di vitamina D.

"Ci sono molte ragioni per cui non abbiamo visto cambiamenti nella funzione endoteliale o rigidità arteriosa," ha detto Rajakumar, che è anche un pediatra presso l'ospedale pediatrico UPMC Children's Hospital. "Forse la vitamina D semplicemente non influisce su questi, o forse non abbiamo raggiunto e mantenuto un livello di vitamina D per causare un effetto". Può anche darsi che la nostra sperimentazione non sia durata abbastanza. Tuttavia, il trattamento della carenza di vitamina D con queste dosi giornaliere più elevate può avere un impatto positivo sulla salute cardiometabolica dei bambini, senza effetti collaterali negativi".

Kumaravel Rajakumar, Charity G Moore, Arshad T Khalid Effect of vitamin D3 supplementation on vascular and metabolic health of vitamin D–deficient overweight and obese children: a randomized clinical trial The American Journal of Clinical Nutrition, nqz340, https://doi.org/10.1093/ajcn/nqz340