Cardiologia

L'alcol pi¨ rischioso per il cuore di quanto si pensasse in precedenza #Heart Failure 2022

Secondo una ricerca presentata all'Heart Failure 2022, un congresso scientifico della SocietÓ Europea di Cardiologia (ESC), i livelli di consumo di alcol attualmente considerati sicuri da alcuni Paesi sono invece legati allo sviluppo di insufficienza cardiaca.

Secondo una ricerca presentata all'Heart Failure 2022, un congresso scientifico della Società Europea di Cardiologia (ESC), i livelli di consumo di alcol attualmente considerati sicuri da alcuni Paesi sono invece legati allo sviluppo di insufficienza cardiaca. (1)

"Questo studio si aggiunge all'insieme di prove che indicano la necessità di un approccio più cauto al consumo di alcol", ha dichiarato l'autrice dello studio, la dottoressa Bethany Wong del St. Vincent's University Hospital di Dublino, Irlanda. "Per ridurre al minimo il rischio che l'alcol provochi danni al cuore, se non si beve non si inizia. Se invece bevete, limitate il consumo settimanale a meno di una bottiglia di vino o a meno di tre lattine e mezzo da 500 ml di birra al 4,5%".

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, l'Unione Europea è la regione con il più alto tasso di consumo di alcol al mondo.(2) Sebbene sia ben noto che l'uso pesante di alcol a lungo termine può causare un tipo di insufficienza cardiaca chiamata cardiomiopatia alcolica, (3) i dati provenienti dalle popolazioni asiatiche suggeriscono che anche quantità inferiori possono essere dannose. (4,5)

"Poiché esistono differenze genetiche e ambientali tra le popolazioni asiatiche e quelle europee, questo studio ha esaminato se vi fosse una relazione simile tra alcol e alterazioni cardiache negli europei a rischio di insufficienza cardiaca o con un'insufficienza cardiaca precoce", ha dichiarato Wong "Il pilastro del trattamento per questo gruppo è la gestione dei fattori di rischio come l'alcol, quindi la conoscenza dei livelli di sicurezza è fondamentale".

Lo studio ha incluso 744 adulti di età superiore ai 40 anni a rischio di sviluppare un'insufficienza cardiaca a causa di fattori di rischio (ad esempio, pressione alta, diabete, obesità) o con pre-insufficienza cardiaca (fattori di rischio e anomalie cardiache, ma senza sintomi). (7) L'età media era di 66,5 anni e il 53% erano donne. Lo studio ha escluso gli ex bevitori e i pazienti con insufficienza cardiaca con sintomi (ad esempio, mancanza di fiato, stanchezza, ridotta capacità di esercizio fisico, caviglie gonfie). La funzione cardiaca è stata misurata con l'ecocardiografia al basale e al follow-up.

Lo studio ha utilizzato la definizione irlandese di una bevanda standard (cioè un'unità), pari a 10 grammi di alcol (8). I partecipanti sono stati classificati in base alla loro assunzione settimanale di alcol: 1) nessuna; 2) bassa (meno di sette unità; fino a una bottiglia da 750 ml di vino al 12,5% o tre lattine e mezzo da 500 ml di birra al 4,5%); 3) moderata (7-14 unità; fino a due bottiglie di vino al 12,5% o sette lattine da 500 ml di birra al 4,5%); 4) alta (oltre 14 unità; più di due bottiglie di vino al 12,5% o sette lattine da 500 ml di birra al 4,5%).

I ricercatori hanno analizzato l'associazione tra consumo di alcol e salute del cuore su una media di 5,4 anni. I risultati sono stati riportati separatamente per il gruppo a rischio e per quello precedente all'insufficienza cardiaca. Nel gruppo a rischio, il peggioramento della salute del cuore è stato definito come progressione a un'insufficienza cardiaca pre-sintomatica o a un'insufficienza cardiaca sintomatica. Per il gruppo pre-insufficienza cardiaca, il peggioramento della salute del cuore è stato definito come il deterioramento delle funzioni di spremitura o rilassamento del cuore o la progressione verso l'insufficienza cardiaca sintomatica. Le analisi sono state aggiustate per i fattori che possono influenzare la struttura cardiaca, tra cui età, sesso, obesità, pressione alta, diabete e malattie vascolari.

Un totale di 201 (27%) pazienti non ha riferito alcun uso di alcol, mentre 356 (48%) ne hanno fatto un uso limitato e 187 (25%) hanno avuto un'assunzione moderata o elevata. Rispetto al gruppo a basso consumo, i pazienti con un consumo moderato o elevato erano più giovani, più spesso di sesso maschile e con un indice di massa corporea più elevato.

Nel gruppo precedente all'insufficienza cardiaca, rispetto all'assenza di consumo di alcol, l'assunzione moderata o elevata è stata associata a un rischio 4,5 volte maggiore di peggioramento della salute del cuore. La relazione è stata osservata anche quando i livelli moderati e alti sono stati analizzati separatamente. Nel gruppo a rischio, non è stata riscontrata alcuna associazione tra il consumo moderato o elevato di alcol e la progressione verso l'insufficienza cardiaca o l'insufficienza cardiaca sintomatica. Non è stata riscontrata alcuna associazione protettiva per il basso consumo di alcol.

Wong ha dichiarato: "Il nostro studio suggerisce che il consumo di più di 70 g di alcol a settimana è associato al peggioramento del pre-insufficienza cardiaca o alla progressione verso l'insufficienza cardiaca sintomatica negli europei. Non abbiamo osservato alcun beneficio da un basso consumo di alcol. I nostri risultati indicano che i Paesi dovrebbero sostenere limiti più bassi di assunzione sicura di alcol nei pazienti con pre-insufficienza cardiaca. In Irlanda, ad esempio, ai soggetti a rischio di insufficienza cardiaca o con pre-insufficienza cardiaca viene consigliato di limitare l'assunzione settimanale di alcol a 11 unità per le donne e 17 unità per gli uomini. Questo limite per gli uomini è più del doppio della quantità che abbiamo trovato sicura. Sono necessarie ulteriori ricerche su popolazioni caucasiche per allineare i risultati e ridurre i messaggi contrastanti che i medici, i pazienti e il pubblico ricevono attualmente".

Referenze bibliografiche
1) The abstract ‘Moderate alcohol consumption is associated with progression of left ventricular dysfunction in a European stage B heart failure population’ will be presented during the session ‘Heart failure is a complex syndrome: look at comorbidities’ which takes place on 22 May at 09:40 CEST at Moderated ePoster 1.
2) World Health Organization data and statistics: https://www.euro.who.int/en/health-topics/disease-prevention/alcohol-use/data-and-statistics.
3) Piano MR. Alcoholic cardiomyopathy: incidence, clinical characteristics, and pathophysiology. Chest. 2002;121:1638–1650.
4) Hung CL, Goncalves A, Lai YJ, et al. Light to moderate habitual alcohol consumption is associated with subclinical ventricular and left atrial mechanical dysfunction in an asymptomatic population: dose-response and propensity analysis. J Am Soc Echocardiogr. 2016;29:1043–1051.e4.
5) Park SK, Moon K, Ryoo JH, et al. The association between alcohol consumption and left ventricular diastolic function and geometry change in general Korean population. Eur Heart J Cardiovasc Imaging. 2018;19:271–278.
6) STOP-HF: St Vincent’s Screening TO-Prevent Heart Failure.
7) Bozkurt B, Coats AJS, Tsutsui H, et al. Universal definition and classification of heart failure. J Cardiac Fail. 2021;27:387–413.
8) The definition of a standard drink varies by country. In the UK, for example, one unit contains eight grams of alcohol.