Cardiologia

Le donne più colpite dalle complicanze vascolari del diabete

Le donne sono le più colpite dalle complicanze vascolari del diabete, una situazione destinata ad aggravarsi nei prossimi decenni. Lo riporta un articolo pubblicato sullo European Journal of Preventive Cardiology, una rivista della Società europea di cardiologia (ESC). 

Le donne sono le più colpite dalle complicanze vascolari del diabete, una situazione destinata ad aggravarsi nei prossimi decenni. Lo riporta un articolo pubblicato sullo European Journal of Preventive Cardiology, una rivista della Società europea di cardiologia (ESC).

Le malattie cardiovascolari si manifestano 15 anni prima nei pazienti con diabete e rappresentano la principale causa di morbilità e mortalità dovuta a questa patologia. Nelle donne, i legami tra diabete e malattie cardiovascolari sono particolarmente forti.

A livello globale, ci sono più morti per diabete nelle donne che negli uomini (2,1 contro 1,8 milioni all'anno): questo rischio in eccesso è dovuto principalmente al maggior rischio di morte cardiovascolare nelle donne.

Le cardiopatie coronariche sono la forma di malattia cardiovascolare più frequentemente segnalata e la più letale. Le donne con diabete sono a 1,81 volte più a rischio di morte per cardiopatia coronarica rispetto alle donne senza diabete. Gli uomini con diabete hanno un rischio di morte per cardiopatia coronarica 1,48 volte maggiore rispetto agli uomini senza diabete.

La malattia arteriosa periferica, che può portare anche all'amputazione del piede, è la manifestazione iniziale più comune di malattia cardiovascolare nei pazienti con diabete di tipo 2. Il rischio di morte per malattia coronarica è di 1,48 volte superiore a quello degli uomini senza diabete. La sua prevalenza è 1,8 volte superiore nelle donne rispetto agli uomini.

L'insufficienza cardiaca è la seconda manifestazione iniziale più comune di malattia cardiovascolare nel diabete di tipo 2. Le donne con diabete hanno cinque volte più probabilità di avere un'insufficienza cardiaca rispetto alle donne senza diabete. Gli uomini con diabete hanno due volte più probabilità di avere un'insufficienza cardiaca rispetto agli uomini senza diabete.

Sono in corso ricerche per spiegare queste differenze tra donne e uomini. Una possibile ragione per il più alto rischio di insufficienza cardiaca potrebbe essere che una forma specifica è più comune nelle donne in generale ed è il tipo più probabile che colpisce i pazienti con diabete. Questa forma è chiamata insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata, dove il cuore mantiene la sua funzione di pompa, ma ha una rigidità aumentata che causa un rilassamento alterato dopo la contrazione.

Sia nelle donne che negli uomini, uno stile di vita sano è la chiave di volta per prevenire il diabete; una volta che le persone hanno il diabete, è fondamentale per fermare le complicazioni cardiovascolari.

La professoressa Joline Beulens, autrice senior, del Centro Medico Universitario di Amsterdam, Paesi Bassi, ha detto: "Con l'aumento dei livelli di obesità nella nostra società abbiamo assistito a un enorme aumento della prevalenza del diabete. Sappiamo che il diabete di tipo 2 è una malattia legata allo stile di vita, quindi possiamo fermare la traiettoria con comportamenti migliori".

"La gestione dello stile di vita è la prima linea di trattamento per i pazienti con diabete", ha continuato il professor Beulens. "Se lo stile di vita non controlla sufficientemente i livelli di glucosio e il rischio di complicazioni, allora il trattamento per la riduzione del glucosio dovrebbe essere avviato come seconda linea di terapia".

 Le linee guida per il diabete dell’ESC consigliano ai pazienti con diabete e pre-diabete le seguenti azioni:
- Smettere di fumare.
- Ridurre l'apporto calorico per ridurre l'eccesso di peso corporeo.
- Adottare una dieta mediterranea integrata con olio d'oliva e/o noci per ridurre il rischio di eventi cardiovascolari.
- Evitare l'alcool.
- Svolgere un'attività fisica da moderata a vigorosa (una combinazione di esercizio aerobico e di resistenza) per almeno 150 minuti alla settimana per prevenire/controllare il diabete, salvo controindicazioni, come nei pazienti con gravi comorbilità o con un'aspettativa di vita limitata.

Il professor Beulens ha detto: "I pazienti con diabete rimangono a un rischio cardiovascolare significativamente più elevato rispetto alle persone senza diabete. C'è l'urgente necessità di identificare, monitorare e controllare meglio il diabete per prevenire le devastanti complicazioni cardiovascolari".

Bibliografia
Dal Canto E, Ceriello A, Rydén L, et al. Diabetes as a cardiovascular risk factor: An overview of global trends of macro and micro vascular complications. Eur J Prev Cardiol. 2019. doi:10.1177/2047487319878371.

Cosentino F, Grant PJ, Aboyans V, et al. 2019 ESC Guidelines on diabetes, pre-diabetes, and cardiovascular diseases developed in collaboration with the EASD. Eur Heart J. 2019. doi:10.1093/eurheartj/ehz486.