L'integrazione quotidiana di nicotinamide riboside inverte il processo di invecchiamento cardiovascolare

Un nuovo studio della University of Colorado Boulder, pubblicato online su "Nature Communications", indica che quando le persone assumono ogni giorno un integratore alimentare naturale - la nicotinamide riboside (NR) - si imita la restrizione calorica (CR) dando il via agli stessi percorsi chimici chiave della limitazione dell'intake calorico responsabili dei benefici per la salute, tra i quali la longevitÓ.

Un nuovo studio della University of Colorado Boulder, pubblicato online su “Nature Communications”, indica che quando le persone assumono ogni giorno un integratore alimentare naturale - la nicotinamide riboside (NR) – si imita la restrizione calorica (CR) dando il via agli stessi percorsi chimici chiave della limitazione dell'intake calorico responsabili dei benefici per la salute, tra i quali la longevità.

Dallo studio emerge che questo tipo di supplementazione tende anche a ridurre la pressione arteriosa e migliorare la salute delle arterie, in particolare nei soggetti con ipertensione lieve.

«Gli scienziati sanno da tempo che la limitazione delle calorie possono contrastare i fisiologici segni dell’invecchiamento grazie a studi, effettuati su mosche della frutta, nematodi, roditori e addirittura esseri umani, che dimostrano come l’assunzione di alimenti ridotta cronicamente di circa un terzo può determinare una miriade di benefici per la salute e, in alcuni casi, prolungare la durata della vita».

Lo ricordano gli autori, coordinati dal senior author Doug Seals, del Dipartimento di Fisiologia Integrativa della University of Colorado Boulder, a Boulder (USA), e dal primo autore, Chris Martens, affiliato alla medesimo ateneo. Dal punto di vista della salute pubblica, tale consiglio sarebbe poco praticabile per molti e per alcuni persino pericoloso. La nuova scoperta però potrebbe modificare radicalmente la questione.

«Si tratta del primo studio in assoluto nel quale questo nuovo composto è stato somministrato agli esseri umani per un certo periodo di tempo» specificano i ricercatori. «Abbiamo scoperto che la NR è ben tollerata e sembra attivare alcune delle stesse vie biologiche fondamentali che sono innescate dalla restrizione calorica».

Nello studio sono stati inclusi 24 uomini e donne normopeso e sani di età compresa tra 55 e 79 anni residenti nella zona di Boulder. A metà di essi è stato dato un placebo per sei settimane, quindi è stata somministrata una dose da 500 mg due volte al giorno di NR cloruro (nome commerciale: Niagen). L'altra metà ha assunto NR per le prime sei settimane, seguito dal placebo.

I ricercatori ha raccolto campioni di sangue e hanno effettuato altre misurazioni fisiologiche alla fine di ogni periodo di trattamento. I partecipanti non hanno riportato effetti avversi gravi.

Aumentati del 60% i livelli di NAD+
I ricercatori hanno così scoperto che 1.000 mg al giorno di NR avevano potenziato i livelli di nicotinamide adenin dinucleotide (NAD+) del 60%. Il NAD+ è richiesto per l'attivazione delle sirtuine, enzimi ai quali sono in gran parte attribuiti gli effetti benefici della restrizione calorica. Il NAD+ è inoltre coinvolto in una serie di azioni metaboliche in tutto il corpo ma tende a declinare con l'età.

Questa ricerca suggerisce che, come meccanismo evolutivo di sopravvivenza, il corpo conserva il NAD+ quando sottoposto a restrizione calorica. Solo di recente però gli scienziati hanno iniziato a esplorare l'idea di un’integrazione con cosiddetti "NAD+-precursori" come appunto il NR per promuovere un invecchiamento in salute.

«L'idea è che integrando gli anziani con NR, non stiamo solo ripristinando qualcosa che si perde con l'invecchiamento (il NAD +), ma potremmo potenzialmente amplificare l'attività degli enzimi responsabili del contribuire a proteggere i nostri corpi dallo stress» ha rilevato Martens.

Il nuovo studio ha anche rilevato che in 13 partecipanti con pressione arteriosa elevata o ipertensione in stadio 1 (120-139/80-89 mmHg), la pressione arteriosa sistolica era inferiore di circa 10 punti dopo l'integrazione. Anche solo una parte di tale valore potrebbe tradursi in una riduzione del 25% di rischio di attacco cardiaco.

«Se questa grandezza di riduzione della pressione arteriosa sistolica grazie all’integrazione di NR fosse confermata in un più ampio studio clinico, un tale effetto potrebbe avere ampie implicazioni biomediche» rimarcano gli autori.

In ultima analisi, sostengono gli autori, questi composti CR-mimetici possono fornire un'opzione aggiuntiva - accanto ai cambiamenti dietetici e all'esercizio fisico attualmente raccomandato --per quelle persone la cui pressione arteriosa non è ancora abbastanza alta da giustificare un farmaco, ma che sono ancora a rischio di un attacco di cuore.

Prospettive entusiasmanti ma piedi per terra
Seals, Martens e colleghi sottolineano doverosamente che lo studio era piccolo e la sua natura era di ricerca pilota. «Non siamo in grado di fare eventuali affermazioni definitive sul fatto che questo composto sia sicuro o possa divenire efficace per specifici segmenti della popolazione» ha detto Martens. «Ciò che questo documento ci offre è davvero un buon trampolino di lancio per il lavoro futuro».

Martens e Seals hanno richiesto una sovvenzione per condurre una ricerca clinica più ampia, in particolare sull'impatto della supplementazione con NR sulla pressione arteriosa e sulla salute delle arterie. Martens sta inoltre avviando uno studio separato per valutare l'impatto della NR ha sui soggetti più anziani con lieve decadimento cognitivo, fase antecedente alla malattia di Alzheimer.

G.O.

Riferimento bibliografico:
Martens CR, Denman BA, Mazzo MR, et al. Chronic nicotinamide riboside supplementation is well-tolerated and elevates NAD+ in healthy middle-aged and older adults. Nat Commun. 2018 Mar 29;9(1):1286. doi: 10.1038/s41467-018-03421-7.
leggi



Un nuovo studio della University of Colorado Boulder, pubblicato online su “Nature Communications”, indica che quando le persone assumono ogni giorno un integratore alimentare naturale - la nicotinamide riboside (NR) – si imita la restrizione calorica (CR) dando il via agli stessi percorsi chimici chiave della limitazione dell'intake calorico responsabili dei benefici per la salute, tra i quali la longevità.