Muoversi fa bene anche ai cardiopatici, chi fa esercizio fisico intenso una volte alla settimana riduce la mortalità 

Un'attività fisica intensa una o due volte alla settimana è associata ai più bassi tassi di mortalità in pazienti con malattia coronarica stabile. Lo riporta uno studio pubblicato sullo European Journal of Preventive Cardiology, una rivista della European Society of Cardiology (ESC).

Un'attività fisica intensa una o due volte alla settimana è associata ai più bassi tassi di mortalità in pazienti con malattia coronarica stabile. Lo riporta uno studio pubblicato sullo European Journal of Preventive Cardiology, una rivista della European Society of Cardiology (ESC).

I risultati erano stati annunciati in occasione della Giornata Mondiale del Cuore, che evidenzia che le malattie cardiovascolari sono il primo killer al mondo, causando 17,9 milioni di morti all'anno.

Simone Biscaglia dell'Università di Ferrara, autore dello studio ha dichiarato: "Il livello ottimale di esercizio fisico è raggiungibile in quasi tutti i pazienti con malattia coronarica stabile in tutto il mondo - ma è stato raggiunto solo in un terzo dei partecipanti al nostro studio. Camminare una o due volte alla settimana a un ritmo che causa mancanza di respiro o un aumento della frequenza cardiaca è tutto ciò che serve".

È risaputo che l'esercizio fisico è salutare per i cardiopatici, ma quanto spesso e con quale intensità è controverso. Questa analisi del registro CLARIFY ha esaminato queste domande. Inoltre, poiché la maggior parte dei pazienti cardiopatici fa poco esercizio fisico, lo studio ha esaminato i determinanti più importanti dell'attività fisica.
CLARIFY ha arruolato 32.370 pazienti ambulatoriali con malattia coronarica stabile da 45 paesi in Africa, Asia, Australia, Europa, Medio Oriente e Nord, Centro e Sud America che sono stati seguiti per cinque anni.

I pazienti sono stati divisi in quattro gruppi in base all'attività fisica autodichiarata durante la visita di inclusione: 1) sedentario (16,1%); 2) solo attività fisica leggera la maggior parte del tempo (51,4%); 3) attività fisica vigorosa una o due volte alla settimana (16,8%); 4) attività fisica vigorosa tre o più volte alla settimana (15,7%).

L’end point primario era il composito di morte cardiovascolare, infarto del miocardio e ictus. Rispetto al gruppo che praticava attività leggera, i pazienti che hanno svolto esercizio fisico vigoroso una o due volte alla settimana avevano il rischio più basso dell’end point primario, con un hazard ratio (HR) di 0,82. Un'attività più frequente non ha portato ad ulteriori benefici. I pazienti sedentari avevano il più alto rischio dell'esito primario (HR 1,32).

I pazienti del gruppo che eseguiva uno o due esercizi vigorosi una o due volte alla settimana presentavano anche i rischi più bassi di morte per cause di morte totale, morte cardiovascolare e ictus - rispettivamente 19%, 21% e 26% in meno rispetto al gruppo di attività leggera.

"I pazienti con malattia coronarica stabile dovrebbero evitare di essere sedentari", ha detto Biscaglia. "L'obiettivo dovrebbe essere quello di fare esercizio fisico ogni settimana, non di raggiungere la massima frequenza possibile, poiché è improbabile che ciò sia sostenibile e non si traduce in risultati migliori".

Le donne avevano meno probabilità di essere fisicamente attive degli uomini. Biscaglia ha detto: "In studi precedenti abbiamo scoperto che le donne erano meno spesso indirizzate a programmi di riabilitazione cardiaca e avevano uno stile di vita meno intenso. I medici dovrebbero fornire alle donne gli stessi consigli per l'esercizio fisico e gli obiettivi da raggiungere che agli uomini, il che dovrebbe portare a livelli uguali di attività fisica".

Altri predittori di ridotta attività fisica erano le comorbilità, come le malattie delle arterie periferiche, il diabete e precedenti infarto del miocardio o ictus. "I pazienti con queste condizioni possono essere preoccupati che l'esercizio fisico possa peggiorare i loro sintomi", ha detto Biscaglia. "Ma il nostro studio dimostra che ottengono gli stessi benefici di altri con malattia coronarica stabile, quindi queste condizioni non dovrebbero dissuaderli dall'essere fisicamente attivi".

Il tasso di infarto miocardico durante il follow-up era comparabile tra i quattro gruppi di attività fisica. "Questo può rassicurare i pazienti con malattia coronarica stabile - la paura di avere un attacco di cuore non dovrebbe essere una barriera all'attività fisica", ha concluso Biscaglia. "Sono necessarie ulteriori ricerche per scoprire cosa guida la riduzione della morte cardiovascolare osservata con l'esercizio fisico - in parte a causa di un minor numero di ictus fatali, ma gli altri meccanismi sono attualmente sconosciuti".

Biscaglia S, Campo G, Sorbets E, et al. Relationship between physical activity and long-term outcomes in patients with stable coronary artery disease. Eur J Prev Cardiol. 2019. doi:10.1177/2047487319871217.