Per il cuore, l'assunzione regolare di alcolici è peggio di quella compulsiva

Il consumo regolare di piccole quantità di alcol è legato a una maggiore probabilità di fibrillazione atriale rispetto al binge drinking, cioè al consumo occasionale di 5-6 drink nella stessa serata. E' quanto emerge da una ricerca pubblicata su EP Europace, una rivista della European Society of Cardiology (ESC).

Il consumo regolare di piccole quantità di alcol è legato a una maggiore probabilità di fibrillazione atriale rispetto al binge drinking, cioè al consumo occasionale di 5-6 drink nella stessa serata. E’ quanto emerge da una ricerca pubblicata su EP Europace, una rivista della European Society of Cardiology (ESC).(1)

Le raccomandazioni sul consumo di alcol si sono concentrate sulla riduzione della quantità assoluta piuttosto che della frequenza", ha detto l'autore dello studio Jong-Il Choi, del Korea University College of Medicine e del Korea University Anam Hospital, Seoul, Repubblica di Corea. Il nostro studio suggerisce che bere meno spesso può anche essere importante per proteggere dalla fibrillazione atriale".

La fibrillazione atriale è il disturbo del ritmo cardiaco più comune e aumenta il rischio di ictus di cinque volte. (2) I sintomi includono palpitazioni, corse o polso irregolare, mancanza di respiro, stanchezza, dolore toracico e vertigini. (3)

Una precedente meta-analisi aveva rilevato una correlazione lineare tra alcol e fibrillazione atriale: il rischio aumenta dell'8% per ogni 12 g di alcol (una bevanda) consumata alla settimana.(4). Ma non era chiaro quale fosse più importante: la quantità totale di alcol o il numero di sessioni di bevute.

Questo studio ha esaminato l'importanza relativa del consumo frequente rispetto al binge drinking per la fibrillazione atriale di nuova insorgenza. L'analisi ha incluso 9.776.956 individui senza fibrillazione atriale che nel 2009 sono stati sottoposti a un controllo sanitario nazionale che includeva un questionario sul consumo di alcol. I partecipanti sono stati seguiti fino al 2017 per la comparsa della fibrillazione atriale.

Il numero di sessioni di bevute a settimana è stato il fattore di rischio più forte per la fibrillazione atriale di nuova insorgenza. Rispetto al bere due volte alla settimana (gruppo di riferimento), il bere ogni giorno era il più rischioso, con un hazard ratio (HR) di 1,412, mentre bere una volta alla settimana era il meno rischioso (HR 0,933). Il Binge drinking non ha mostrato alcun chiaro legame con la fibrillazione atriale di nuova insorgenza.

Il nostro studio suggerisce che il bere frequentemente è più pericoloso del binge drinking per quanto riguarda la fibrillazione atriale", ha detto il dottor Choi. Il numero di sessioni di bevute era correlato all'insorgenza della fibrillazione atriale indipendentemente dall'età e dal sesso. Ripetuti episodi di fibrillazione atriale innescata dall'alcol possono portare a malattie evidenti. Inoltre, il consumo di alcol può provocare disturbi del sonno, fattore di rischio noto per la fibrillazione atriale".

In linea con altri studi, il consumo settimanale di alcol era correlato alla fibrillazione atriale. C'è stato un aumento del 2% del rischio di fibrillazione atriale di nuova insorgenza per ogni grammo di alcol consumato alla settimana.

Choi ha concluso: “La fibrillazione atriale è una malattia con molteplici e terribili complicazioni e una qualità di vita significativamente compromessa. Prevenire la fibrillazione atriale stessa, piuttosto che le sue complicanze, dovrebbe essere la nostra priorità assoluta. Il consumo di alcol è probabilmente il fattore di rischio più facilmente modificabile. Per prevenire una nuova insorgenza della fibrillazione atriale, è necessario ridurre sia la frequenza che la quantità settimanale dell’alcol consumato ".

Bibliografia
1Kim YG, Han KD, Choi JI, et al. Frequent drinking is a more important risk factor for new-onset atrial fibrillation than binge drinking: a nationwide population-based study. Europace. 2019. doi:10.1093/europace/euz256.

22016 ESC Guidelines for the management of atrial fibrillation developed in collaboration with EACTS. Eur Heart J. 2016;37:2893–2962. doi:10.1093/eurheartj/ehw210.

3Learn to recognise signs and symptoms of atrial fibrillation: https://www.afibmatters.org/en_GB/Signs-and-symptoms.

4Larsson SC, Drca N, Wolk A. Alcohol consumption and risk of atrial fibrillation: a prospective study and dose-response meta-analysis. J Am Coll Cardiol. 2014;64:281–289. doi:10.1016/j.jacc.2014.03.048.