Peso corporeo ottimale fin da giovani garantisce un futuro senza ipertensione

Il mantenimento di un peso corporeo in salute può essere il fattore più importante per mantenere la pressione arteriosa (BP) sotto controllo a lungo termine. Lo suggerisce un nuovo studio presentato a San Francisco (USA) durante le Joint Scientific Sessions 2017 dell'American Heart Association (AHA) Council on Hypertension, AHA Council on Kidney in Cardiovascular Disease e American Society of Hypertension (ASH) e pubblicato su "Hypertension".

Il mantenimento di un peso corporeo in salute può essere il fattore più importante per mantenere la pressione arteriosa (BP) sotto controllo a lungo termine. Lo suggerisce un nuovo studio presentato a San Francisco (USA) durante le Joint Scientific Sessions 2017 dell’American Heart Association (AHA) Council on Hypertension, AHA Council on Kidney in Cardiovascular Disease e American Society of Hypertension (ASH) e pubblicato su “Hypertension”.

«Il principale riscontro nel nostro studio consiste nel fatto che mantenere un peso corporeo sano a mezza età può limitare gli aumenti di BP e contribuire a preservare una bassa BP per tutta la vita» ha dichiarato John Booth III, dell’Università dell’Alabama, a Birmingham (USA), primo autore dello studio.

«Dal momento che ci sono molti fattori che contribuiscono a ottenere bassi livelli di BP e un basso peso corporeo, l’avere un maggior numero di comportamenti sani è importante per la salute complessiva del cuore: tra questi mantenere un corretto peso corporeo sano, non avere mai fumato, non assumere bevande alcooliche (o con molta moderazione), svolgere regolarmente attività fisica e seguire una sana alimentazione» ha specificato Booth.

Uno studio durato 25 anni
Per questa analisi (1), Booth e colleghi hanno valutato 4.630 soggetti partecipanti allo studio CARDIA (Coronary Artery Risk Development in Young Adults), che erano di età compresa tra i 18 e i 30 anni nel 1985 e nel 1986, quando lo studio ha avuto inizio. Durante il follow-up di 25 anni, ai soggetti arruolati nel trial è stata misurata la BP e sono stati valutati otto volte, fino alla mezza età, i comportamenti seguiti per tenersi in salute.

Più in dettaglio i ricercatori hanno analizzato l'impatto esercitato dal mantenere 5 comportamenti salutari sui livelli di BP nel corso di 25 anni, ovvero: un peso corporeo sano (definito come indice di massa corporea [BMI] inferiore a 25 kg/m2); il non avere mai fumato; il consumo di non più di 7 bevande alcoliche (drink) alla settimana per le donne e non più di 14 per gli uomini (sic); svolgere almeno 150 minuti di attività fisica da moderata a vigorosa alla settimana e seguire una dieta sana, basata sull'adesione ai piani alimentari DASH-Dietary Approaches to Stop Hypertension (2).

I partecipanti che hanno mantenuto un peso corporeo sano hanno avuto più probabilità di avere una BP normale con l’avanzare dell’età. In particolare, coloro che hanno mantenuto il peso corporeo ottimale avevano una probabilità inferiore del 41% di avere una BP in aumento durante l’invecchiamento, ha riferito Booth.

Il mantenimento di una regolare attività fisica o di un’alimentazione sana, invece, non sono risultati associati a cambiamenti della BP durante il follow-up. L’assenza di fumo e il mantenimento di un consumo moderato o nullo di alcol era associato a un minore aumento della BP dalla mezza età, «ma uno studio più ampio è necessario per verificare questa correlazione» ha specificato Booth.

I partecipanti allo studio che hanno continuato a seguire almeno 4 comportamenti salutari avevano una probabilità maggiore del 27% di avere una BP normale rispetto a una BP in crescita dall'età adulta all'età media (rapporto di probabilità: 0,73, 95% CI 0,39-1,38).

«Mantenere molti comportamenti sani è molto importante» ha ribadito Booth. «Rapporti precedenti dimostrano che un maggior numero di comportamenti sani è associato a una migliore salute del cuore. Il nostro lavoro estende le evidenze pregresse dimostrando che mantenere un peso corporeo normale può essere il fattore più importante per mantenere la BP sotto controllo».

I pazienti e i medici dovrebbero avere un dialogo aperto sui comportamenti salutari e sugli altri fattori che contribuiscono alla salute del cuore, ha aggiunto.

Una scoperta forse intuitiva ma tutt’altro che banale
«Sappiamo che esistono diverse caratteristiche di rischio per l'ipertensione e altri disturbi cardiaci, e questo studio cerca di eliminare l'importanza del peso corporeo e di alcuni degli altri fattori di rischio che possono predittivi di sviluppo di ipertensione» ha commentato Willie Lawrence Jr, del Midwest Heart & Vascular Specialists di Kansas City (USA), portavoce AHA.

«Il fatto che sapere solo il tuo peso può aiutare a prevedere se svilupperai ipertensione in futuro è a nostro vantaggio perché ci permette di concentrarci su questo end-point» ha fatto notare.

«Si tratta di un'osservazione interessante e in qualche modo intuitiva: è in linea infatti con il rapido aumento dei tassi di obesità nella comunità afro-americana, e parallela all'elevata prevalenza di ipertensione in quella stessa popolazione» afferma Lawrence. «Teoricamente, dunque, se possiamo ridurre il peso delle persone, questo sarà d’aiuto anche per l'ipertensione» conclude.

G.O.

Bibliografia:
1) Booth JN, Allen NB. Carson AP, et al. Maintenance of optimal health behaviours over 25 years and cumulative blood pressure burden: prospective data from the Coronary Artery Risk Development in Young Adults study. Hypertension, 2017;70:AP149.
leggi

2) Mayo Clinic Staff. DASH diet: Healthy eating to lower your blood pressure. Health Lifestyle, 2016 Apr 8.
leggi